Abbé Pierre

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
L'abbé Pierre

Henri Antoine Groués (1912 – 2007), detto abbé Pierre (abate Pierre), religioso, partigiano e politico francese.

Citazioni dell'abbé Pierre[modifica]

  • Con il padre Zundel, ho avuto la possibilità di essere stato in contatto con un mistico allo stato puro. Mi è capitato di fare il viaggio da Parigi a Losanna, dove viveva, ne approfittai per confessarmi con lui. Nel corso di quest'ora di grazia, mi era offerto di partecipare ad una vita contemplativa eccezionale. Con lui, ci si trovava in presenza di qualcuno a metà strada tra Dio e gli uomini. Lungi da me l'idea di volere dire che viaggiava nelle nuvole. La sua stessa persona faceva accedere, quasi naturalmente, al mistero di Dio, all'Assoluto. (da Testamento, Bayard, 1994, p. 59)
  • L'uomo non è salvato, che a partire dal momento in cui egli stesso diventa salvatore. (citato in Riuscire, p. 212)
  • Non bisogna attendere di essere perfetti per cominciare qualcosa di buono. La miseria non può attendere. (citato in Uomini come noi, p. 89)
  • Se "amarlo come me stesso" non significa servirlo prima di me, se egli è meno felice di me, che cosa potrà mai significare? (citato in Riuscire, p. 213)
  • Se voi siete dei giovanotti e delle ragazze che vogliono "la mia gioia", "la mia ricchezza", "la mia riuscita", allora sarete i più disgraziati tra gli abitatori della terra... Ma se voi comprendete che la gioia di ogni essere umano è di essere servitore della gioia di tutti, allora voi sarete la più felice di tutte le generazioni, perché avete in mano dei mezzi che mai l'umanità ha avuto per liberare i poveri dalla miseria. (citato in Uomini come noi, p. 100)
  • Servire prima di noi quelli che soffrono più di noi. (citato in Riuscire, p. 213)
  • Servire prima i più sofferenti: questo solo può fare ogni nazione pacifica e che vuole svilupparsi in pace. (citato da Giuseppe Barone in Danilo Dolci Una rivoluzione nonviolenta, a cura di Giuseppe Barone, Terre di mezzo editore – Altreconomia, 2007, p. 38)
  • Ogni tanto urlare fa bene. Credo che Dio mi abbia dato fiuto per le insolenze misurate. (citato in La Francia piange l'Abbé Pierre, repubblica.it, 23 gennaio 2007)
repubblica.it, L'Abbè Pierre, dalla vocazione ad Assisi alla battaglia accanto ai poveri per la giustizia, 22 gennaio 2007
  • Poveri che diventano donatori, e provocatori di chi ha e non fa nulla.
  • Servire e far servire per primi i più sofferenti, è la sorgente della vera Pace.
  • La miseria giudica il mondo e rovina ogni possibilità di pace.
  • Siamo condannati a sapere tutto. L'urgenza è la condivisione, condivisione anche del bene lavoro, del tempo libero...

Citazioni sull'abbé Pierre[modifica]

  • Tutta la Francia è profondamente commossa. Abbiamo perso un'immensa figura, una coscienza, un uomo che impersonificava la bontà. (Jacques Chirac)

Bibliografia[modifica]

  • Teresio Bosco, Uomini come noi, SEI, Torino, 1968.
  • Michel Quoist, Riuscire, a cura di Aristide Vesco, SEI, Torino, 1962.

Altri progetti[modifica]