Al Sarrantonio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Al Sarrantonio (1952 — vivente), scrittore statunitense.

Incipit di Testa di zucca[modifica]

Un pomeriggio nero e arancione.
Fuori, sotto gli alberi spogli ma ancora vigorosi, le foglie stridevano sospinte dal vento sul largo marciapiede, come mille unghie su altrettante lavagne.
Dentro, la festa aveva inizio.
Diavoli balzavano su e giù per i banchi, urlandosi «Buh!» l'un l'altro. Ghirlande di carta crespata con i colori di Halloween si intrecciavano sopra lavagne coperte di folli e spaventosi disegni fatti con gessetti verdi e rossi: serpenti, topi, streghe a cavallo delle loro scope. Sui vetri delle finestre c'erano gatti ritagliati nel cartoncino nero, spettri senz'occhi ed enormi O, bocche spalancate dal terrore.

Bibliografia[modifica]

  • Al Sarrantonio, Testa di zucca, in "La notte di Halloween", traduzione di Paola Campioli, Editori Riuniti, 1984.

Altri progetti[modifica]