Alessandro Perissinotto

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Alessandro Perissinotto (1964 – vivente), scrittore, traduttore e insegnante italiano.

Incipit di Una piccola storia ignobile[modifica]

Arriva un momento che ti chiedi come sei giunta fin lì. E vorresti sparire, essere altrove, vorresti che non fosse mai iniziata. Forse mi capita perché sono una donna e perché non sono un detective, perché il giorno che ho preso la mia laurea in psicologia pensavo che avrei fatto tutt'altro.
Sono qui, nella notte, nella boscaglia triste del Parco Agricolo Sud Milano, e ho paura. Scavo con la piccola vanga pieghevole per la neve che Stefano mi ha dato e che io non ho più tolto dall'auto. So che tra poco, dalla terra, comincerà a spuntare una mano, o forse un piede, o un brandello di stoffa, e piano piano, se ne avrò il coraggio, porterò in superficie un cadavere, o quello che ne resta. È il prezzo che devo pagare per essere certa che sia tutto vero.

Semina il vento[modifica]

  • A quale futuro vogliamo rinunciare in nome del passato?
  • Il ginecologo è un mestiere per sordi: non occorre ascoltare, basta guardare le labbra.
  • Ti amo anche se qui sei un perdente, ti amo perché la vita è altrove.

Bibliografia[modifica]

  • Alessandro Perissinotto, Una piccola storia ignobile, Rizzoli, 2006. ISBN 8817010510
  • Alessandro Perissinotto, Semina il vento, Edizioni Piemme, 2011. ISBN 8856615118

Altri progetti[modifica]