Alessandro Verri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Alessandro Verri

Alessandro Verri (1741 – 1816), letterato italiano.

  • Mi vien detto che l'origine del sistema filosofico del Barone e del suo calore in sostenerlo venga originalmente dall'aver veduto morire la prima sua moglie [...] fra gli orrori di un'eternità di tormenti… D'allora in poi è divenuto ateista furiosissimo... (da Viaggio a Parigi e a Londra)

Incipit de La vita di Erostrato[modifica]

Io Dinarco, cittadino di Epidauro, ho lungamente dubitato di scrivere quanto a mia notizia è pervenuto della vita e costumi di quel tristo, il quale stese la falce sacrilega al Santuario di Efeso, perché quella opinione prevale che egli sia stato furente, e da tale sembra in vero quella disperata risoluzione. Ma sendo io giovane quando il caso avvenne, ne intesi il romore in Atene, ove allora io soggiornava nel foro; e prima di ridurmi in patria negli anni maturi, a' quali son giunto, fui vago di raccorre per la Grecia le tradizioni di così illustre malvagio. Ragionai specialmente in Efeso con taluni, i quali lo aveano conosciuto ed udito quando aspettava in carcere il giudizio. In quella città non solo, ma da remote e molte vennero curiosi a vederlo e favellare seco, mossi dalla stranezza del suo proponimento.

Bibliografia[modifica]

  • Alessandro Verri, La vita di Erostrato, La Vita Felice Editore, Milano, 1994. ISBN 8886314086
  • Alessandro Verri, Viaggio a Parigi e a Londra (1766-67), in Carteggio di P. e A. Verri, Adelphi, Milano 1980. A cura di G. Gaspari.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]