Altare

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sull'altare.

  • Â altare sgarrupato nun s'appicciano cannele. (proverbio napoletano)
  • Allora Noè edificò un altare al Signore; prese ogni sorta di animali mondi e di uccelli mondi e offrì olocausti sull'altare. (Genesi)
  • Allora Paolo, alzatosi in mezzo all'Aeropago, disse: «Cittadini ateniesi, vedo che in tutto siete molto timorati degli dei. Passando infatti ed osservando i monumenti del vostro culto, ho trovato anche un'ara con l'iscrizione: Al Dio ignoto. Quello che voi adorate senza conoscere, io ve l'annunzio». (Atti degli Apostoli)
  • Altare: Il luogo ove un tempo i sacerdoti estraevano le interiora delle vittime sacrificali a scopi divinatori e vi cuocevano le carni che offrivano agli dei. Il termine è oggi poco usato tranne che in riferimento al sacrificio della loro libertà compiuto da un uomo ed una donna. (Ambrose Bierce)
  • Come non cadere in ginocchio davanti l'altare della certezza. (Umberto Eco)
  • Dall'alma origin solo | han le lodevol opre. | Mal giova illustre sangue | ad animo che langue. [...] Chi de la gloria è vago | sol di virtù sia pago. [...] È d'uopo, Achille, alzare | nell'alma il primo altare. | Giustizia entro al tuo seno | sieda e sul labbro il vero, | e le tue mani sieno | qual albero straniero | onde soavi unguenti | stillin sopra le genti. (Giuseppe Parini)
  • Devastato il giardino, profanati i calici e gli altari, gli unni entrarono a cavallo nella biblioteca del monastero e lacerarono i libri incomprensibili, li oltraggiarono e li diedero alle fiamme, temendo forse che le pagine accogliessero bestemmie contro il loro dio, che era una scimitarra di ferro. Bruciarono palinsesti e codici, ma nel cuore del rogo, tra la cenere, rimase quasi intatto il libro della Civitas Dei, dove si narra che Platone insegnò in Atene che alla fine dei secoli tutte le cose. riacquisteranno il loro stato anteriore, e che egli in Atene, davanti allo stesso uditorio, insegnerà tale dottrina. (Jorge Luis Borges)
  • Dove esiste un altare là esiste anche una religione. (Joseph de Maistre)
  • Farai l'altare di legno di acacia: avrà cinque cubiti di lunghezza e cinque cubiti di larghezza. L'altare sarà quadrato e avrà l'altezza di tre cubiti. Farai ai suoi quattro angoli quattro corni e saranno tutti di un pezzo. Lo rivestirai di rame. Farai i suoi recipienti per raccogliere le ceneri, le sue pale, i suoi vasi per la aspersione, le sue forchette e i suoi bracieri. Farai di rame tutti questi accessori. (Libro dell'Esodo)
  • Gli altari in rovina sono abitati da demoni. (Ernst Jünger)
  • Ho giurato sull'altare di Dio eterna guerra contro qualsiasi forma di tirannia sulla mente dell'uomo. (Thomas Jefferson)
  • I Santi erano stati strappati dalle loro nicchie e sostituiti con i busti di Bruto, di Jan-Jeaques e di Le Peltier. La tavola dei famosi Diritti dell'uomo si innalzava su l'altare devastato. (Anatole France)
  • La cattedrale di Bourges è una grande e bellissima chiesa gotica ma il santuario riserbato ai preti non si lascia avvicinare all'altare. I vostri preti francesi tengono i cristiani troppo lontani da Dio: un giorno se ne pentiranno! (Santorre di Santarosa)
  • La prima città d'Italia che visitammo fu Milano. Visitammo fino nei minimi particolari il Duomo tutto di marmo bianco, col suo popolo di statue quasi innumerevoli. Celina ed io eravamo intrepide, le prime sempre, e immediatamente al seguito di Monsignor Vescovo, per vedere tutto in fatto di reliquie, e udir bene le spiegazioni: così, mentre egli offriva il Santo Sacrificio sulla tomba di san Carlo, noi con Papà eravamo dietro l'altare, appoggiavamo la testa all'urna che racchiude il corpo del Santo rivestito degli abiti pontificali. Così accadeva dappertutto (eccezion fatta, s'intende, per i luoghi ove la dignità del Vescovo non permetteva a lui di arrampicarsi, perché allora sapevamo staccarci subito da «Sa Grandeur»). (Teresa di Lisieux)
  • La ragazza disprezzata e perduta, è l'argilla docile al dito del vasaio divino: è la vittima espiatoria e l'altare dell'olocausto. (Anatole France)
  • Ma che feci empi numi! Io non macchiai | di vittime profane i vostri altari. | né mai di fiamma impura | feci l' are fumar per vostro scherno | Dunque perché congiura tutto il ciel contro me, tutto l'inferno? (Pietro Metastasio)
  • Non sapete che coloro che celebrano il culto traggono il vitto dal culto, e coloro che attendono all'altare hanno parte dell'altare? Così anche il Signore ha disposto che quelli che annunziano il Vangelo vivano del Vangelo. (San Paolo)
  • Perché l'altare (vedi) è femmina e il fuoco (agni) è maschio. E la donna giace avvolgendo l'uomo. Così avviene un coito fecondo. Per questa ragione egli rialza i due estremi dell'altare sui due lati del fuoco. (Śatapatha Brāhmaṇa)
  • Quale altare potrà procurarsi a propria difesa chi offende la maestà della ragione? (Baruch Spinoza)
  • Quanti cristi inchiodati a una sedia o a un letto la gente scavalca, per inchinarsi a un cristo di legno. Quanti sacrifici dimenticati, per ricordarne uno. Se mi facessero entrare in una chiesa, griderei: smettete di guardare quell'altare vuoto. Adoratevi l'un l'altro. (Stefano Benni)
  • Se dunque presenti la tua offerta sull'altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all'altare e va prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono. (Gesù, Discorso della Montagna)
  • Tutto ei provò: la gloria | maggior dopo il periglio | la fuga e la vittoria | la reggia e il tristo esiglio | due volte nella polvere | due volte sull' altar. (Alessandro Manzoni)

Altri progetti[modifica]