Amami se hai coraggio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Amami se hai coraggio

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Jeux d'enfants
Lingua originale francese
Paese Francia, Belgio
Anno 2003
Genere drammatico, sentimentale
Regia Yann Samuell
Sceneggiatura Jacky Cukier, Yann Samuell
Attori
Note
Titolo inglese: Love Me If You Dare

Amami se hai coraggio, film franco-belga del 2003, regia di Yann Samuell.

Frasi[modifica]

  • Tappati le orecchie! Tappati le orecchie forte, forte e ancora più forte... Senti quanto ti voglio bene? È questo quello che conta. (La mamma di Julien)
  • Gli amici sono come gli occhiali, danno un'aria intelligente, ma si rigano con facilità e poi sono faticosi. Per fortuna a volte si trovano degli occhiali veramente forti. Io ho Sophie. (Julien)
  • È molto più semplice essere amici. (Sophie)
  • Grande Sophie, il gioco era ripreso a tutto gas. Felicità allo stato puro, bruta, primitiva, vulcanica. Magnifico. Il meglio del meglio; meglio della droga, dell'eroina, meglio delle canne, coca, crack, fix, joint, shit, shoots, sniff, pet, marijuana, cannabis, peyote, colla, acido, LSD, ecstasy, meglio del sesso, meglio del pompino, il 69, le orge, masturbazione, tantrismo, kamasutra, massaggio thailandese, meglio della cioccolata, il mont blanc, la banana split, meglio di tutte le trilogie di George Lucas, delle puntate del Muppet Show, meglio dell'ancheggiare di Emma Peel, Marilyn, la puffetta, Lara Croft, Naomi Campbell, i nei di Cindy Crawford, meglio della facciata B di Abbey Road, gli assolo di Hendrix, meglio dei passetti di Armstrong sulla luna, le montagne russe, i festoni natalizi, la fortuna di Bill Gates, le trance del Dalai Lama, la resurrezione di Lazzaro, tutte le pere di testosterone di Schwartz, il collagene nelle labbra di Pamela Anderson, meglio di Woodstock e dei rave party più trasgressivi, meglio dei trip di Sade, Rimbaud, Morrison e Castaneda, meglio della libertà... meglio della vita! (Julien)
  • Da bambini si crede ingenuamente che la crescita sia una cosa lenta. Sì, un corno. È una sola sferzata. Vlan. Come un ramo quando qualcuno passa davanti a te in una foresta. (Julien)
  • Hei! È a te che parlo! Mi senti? Certo che mi senti! È proprio questo che ti dà fastidio: sei un povero cretino e il peggio è che continui a non ascoltarmi! (Julien a se stesso)
  • Quindi era questo essere adulti: avere un'auto che va da 0 a 210 e non superare mai i 60. (Julien)
  • Sapete cos'è la perversione? È solo questione di gusto, come la cucina cinese, piace o non piace. Ciò non toglie che quando si è cinesi non si ha scelta! (Julien)
  • È tutto. Così abbiamo vinto la partita.. insieme, felici. E là in fondo al cemento, abbiamo condiviso il sogno della nostra infanzia. Il sogno di un amore senza fine. (Julien)
  • Crash! È così che succede quando si prendono delle cattive abitudini. Non parlo del rompere le tazze, quello va anche bene: parlo del dormire. (Julien)
  • No, no, non dire niente parlo io. Ti sono mancata? Perché tu mi sei mancato, sei un vero tiranno sai? È difficile tenerti il muso ma ce l'ho ancora con te, non farti illusioni. Vorrei parlare scordando il gioco... Almeno una volta. Ti piace il vestito? Sai ho esitato, l'ho fregato a mia sorella, ce n'era un altro.. rosso, genere "bomba termonucleare", capisci? Lo so che avrei dovuto mettere quello ma... Ho passato circa... Non lo so, ore? Davanti allo specchio, ma ce l'ho fatta, vedi, sono carina! Quindi di che ti piaccio o ti rifilo un sacco di calciò... No, zitto, ssh, non dire niente... Dov'ero arrivata? Il problema è che pure se mi dicessi "ti adoro" non ti crederei. Julien... Non so più quando giochi e quando fai sul serio, sono confusa. Aspetta no, non ho finito... Dimmi che mi ami. Dimmi che mi ami, io non oso dirtelo per prima, ho troppa paura che tu creda che sia un gioco. (Sophie)

Dialoghi[modifica]

  • Julien: Ci sono due o tre cose che non mi hai chiesto e mi dispiace, ci sarei riuscito!
    Sophie: Tipo?
    Julien: Mangiare formiche, insultare il primo violino dell'opera... amarti come un pazzo!
  • Julien: Credi al destino?
    Aurélie Miller: Be', sì.
    Julien: Ingenua.
  • Sophie: Ora baciami. Giochi?
    Julien: Gioco.
    Sophie: Stringimi. Amami.
    Julien: Gioco.
    Sophie: È un gioco per te?
    Julien: No, una sfida! E l'hai lanciata tu.
    Sophie: Be' se l'ho lanciata io non l'hai presa al volo. Mi dispiace, hai perso l'autobus.

Altri progetti[modifica]