Antonio Cassinelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Antonio Cassinelli (1927 – vivente), scrittore italiano.

Incipit di Dialogo impossibile[modifica]

La penisola arabica era rimasta ai margini dell'Impero Romano; dal terzo secolo d.c. esisteva al nord una provincia arabica con capitale Bassora, naturalmente sotto l'influsso cristiano: si conoscono nomi di vescovi e di località con chiese e conventi.
Probabilmente non si tradussero per iscritto in arabo i Vangeli, ma traduzioni orali, anche degli Apocrifi, si trasmettevano di padre in figlio.
Già da dopo la distruzione di Gerusalemme da parte dell'imperatore Tito (70 d.c.) forti gruppi d'ebrei si erano stabiliti nell'interno della penisola, specie intorno a Yatrib, e si erano lentamente arabizzati, mantenendo, ovviamente, la loro religione.
La penisola era stata anche invasa, nella seconda metà del quarto secolo, dai re cristiani di Axum, ma nel settimo secolo era sostanzialmente indipendente, pur pagando più o meno regolarmente tributi sia ai Bizantini che ai Persiani, i due imperi eternamente nemici, che si stavano esaurendo a vicenda con continue guerre. C'erano anche, qua e là, degli insediamenti cristiani ma di non grande importanza.

Bibliografia[modifica]