Antonio Zona

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Antonio Zona (1814 – 1892), pittore italiano.

Citazioni su Antonio Zona[modifica]

  • Giovane che anche in sul cominciare tanto può, chiude in sé luminoso avvenire ; e tale Io profetiamo pel signor Zona, se egli, come adesso, vorrà seguitare più la verità da lui guardata con occhio tanto sicuro, che non i grandi esemplari, annaspamento ed impaccio alla vista ed al passo di molti. (Pietro Selvatico)
  • Necessario al pittore storico, quando pure non abbia un nome da dare ai suoi personaggi, di rappresentarli come esseri di una determinata condizione e vissuti all'incirca in un'epoca fissa. (Pietro Selvatico)
  • Non abbiamo voluto certo rimproverare il bravissimo Zona se trascelse a soggetto un episodio senza nome della peste della città di Jesi; ma ci spiacque che, e nella architettura del campo, e negli abiti delle figure non vi fosse nessun carattere peculiare per creder l'avvenimento accaduto piuttosto ne' secoli mezzani che non ai nostri giorni. Eccetto che in questo non saprei che riprendere in questa veramente toccante scena, in cui primeggia uno di quei buoni cappuccini cui la misericordia è seconda natura. Egli va gettando l'acqua benedetta sopra un povero appestato, che, smunto per la malattia, s'allegra alquanto che i conforti della religione gli preparino le vie del ciclo. (Pietro Selvatico)
  • Opera da onorare non un giovane che incomincia, ma qualunque provetto che mette già passi arditi nella difficile strada dell'arte. (Pietro Selvatico)