Arizona Junior

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Arizona Junior

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Raising Arizona

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 1987
Genere commedia
Regia Joel Coen, Ethan Coen (non accreditato)
Sceneggiatura Joel Coen, Ethan Coen
Produttore Joel ed Ethan Coen
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note
Fotografia: Barry Sonnenfeld

Arizona Junior, film statunitense del 1987 con Nicolas Cage e Holly Hunter, regia dei fratelli Coen.

Frasi[modifica]

  • Voltati a destra! (Ed)
  • Ora, la vita in prigione è molto organizzata, più di quanto qualcuno possa credere. Ma c'è tanto di quello spirito cameratesco fra gli uomini, che così lo trovi solo in combattimento, o forse in una squadra nella partita decisiva per l'ingresso in serie A. (H.I.)
  • Io cercavo di resistere, di rigare dritto, ma non era facile con quel figlio di puttana di Reagan alla Casa Bianca, non lo so, dicono che è un uomo per bene, allora, forse i suoi consiglieri sono imbranati. (H.I.)
  • Per molti versi, il lavoro somigliava alla prigione, a parte Ed che mi aspettava alla fine di ogni giornata e la paga alla fine di ogni settimana. (H.I.)
  • Secondo Ed il logico passo successivo era avere una creatura, non sapeva pensare ad altro, la sua idea è che c'erano troppa bellezza e amore per noi due soli, e ogni giorno che tenevamo il bambino fuori dal mondo, era un giorno che lui poteva lamentarsi di aver perduto. (H.I.)
  • Da principio non ci credevo, che una donna che sembrava fertile come la valle del Nilo non potesse avere bambini. (H.I.)
  • Poi un giorno lo stato fu colpito dalla più grande notizia dopo il primo passo dell'uomo sulla luna. Erano nati cinque gemelli dell'Arizona, cioè, dall'Arizona, perché erano nati da una donna che si chiamava Flores Arizona. (H.I.)
  • E se troverete prezzi più bassi in un altro posto, io non mi chiamo più Nathan Arizona! (Nathan Arizona)
  • Se la rana volasse non sprecherebbe il culo a saltare! (Nathan Arizona)
  • C'è quel che è bene e quel che è male... e in qualche male non c'è male. (H.I.)
  • Il mio motto è: fa come ti dico io o sta attento al culo! (Nathan Arizona)
  • Tanti di quegli impegni sociali... tanto poco tempo. (Gale)
  • Reggiti Nathan, ora prendiamo una scorciatoia! (Ed)
  • Tu capisci H.I., se questo funziona, sarà solo il principio di una serie di colpi a macchia d'olio in tutto il sud-ovest, e continueremo finché non potremo ritirarci... o finché ci pigliano. (Gale)
  • Sono Smalls, Leonard Smalls, gli amici mi chiamano Lenny, io però non ho amici. (Smalls)
  • Un poliziotto non troverebbe le sue chiappe neanche se fossero a sonagli. (Smalls)
  • Se vuoi trovare un fuorilegge, chiami un fuorilegge, se vuoi trovare una birreria, chiami un agente. (Smalls)
  • Nelle situazioni con ricompense di solito dicono: non si fanno domande. (H.I.)
  • [Rivolgendosi ad Ed e H.I.] Prima che facciate un'altra fesseria, come il separarvi, vi consiglio di dormirci sopra, almeno una notte. (Nathan Arizona)
  • Ma ancora non avevo sognato niente di me e di Ed, solo alla fine, e tutto era più nebuloso perché avveniva tanti, tanti anni dopo. Vedevo una vecchia coppia che i figli venivano a trovare, e anche i nipotini. E la vecchia coppia non era nevrotica, e neanche i figli, e neanche i nipoti. E non lo so, ditemelo voi, tutto questo sogno erano miei desideri? Stavo fuggendo dalla realtà come so di saper fare? Ma io e Ed possiamo esser buoni anche noi, e sembrava realtà, e sembrava da noi, sembrava da, be', sembrava la nostra casa, se non in Arizona, in una terra non molto lontana, dove tutti i genitori sono forti e saggi e capaci, e tutti i bambini sono felici e adorati. Io non lo so... forse era Disneyland. (H.I.)

Dialoghi[modifica]

  • Detenuto: Quando non c'era carne si mangiava pollo, quando non c'era pollo si mangiava aragoste e quando non c'era verso di trovare l'aragosta, si mangiava sabbia...
    H.I.: Che mangiavate?
    Detenuto: Ho detto sabbia.
    H.I.: Hai detto sabbia?
    Detenuto: L'hai detto.
  • [H.I. davanti alla commissione che decide il rilascio sulla parola]
    Presidente della commissione: Esiste un nome per uomini come te H.I., ed è precisamente: incorreggibile.
    Commissario: Meglio: delinquente abituale.
    Presidente della commissione: Non è un bel nomino, vero H.I.?
    H.I.: No signore, è un nome da coglione, ed io non lo sono più.
    Presidente della commissione: Non sarà che ce lo dici per compiacerci?
    H.I.: No signore, non c'è verso.
    Commissario: Perché a noi fa piacere solo la verità.
    H.I.: Be', allora vi sto dicendo quello che vi fa piacere.
    Presidente della commissione: Ma non ci avevi detto che non volevi compiacerci?
    H.I.: Sì signore.
    Presidente della commissione: Ok, allora.
  • [All'ufficio per le adozioni]
    Ed: Sì, il passato di H.I. è un tantino discutibile...
    H.I.: Ma Ed qui, è un tutore della legge bidecorato, e così, ci facciamo un po' da contrappeso.
  • [Dopo che H.I. ha rubato il bambino]
    Ed: Oh, è bellissimo.
    H.I.: Ah sì, è di un bello fottuto, credo di aver preso il meglio.
    Ed: Saranno stati tutti belli, tutti i bambini sono belli.
    H.I.: Ma è di un bello fottuto, questo!
    Ed: Oh, parla bene davanti al bambino!
  • Ed: Cos'è sta puzza?
    Gale: Non siamo sempre così, signora McDunnough. Stavo giusto per spiegare alla sua bella metà qui, che nel farci la galleria, siamo sbucati nella fogna principale, scalogna nera, e abbiamo preso quello...
    Ed: Volete dire che siete evasi?
    Evelle: No signora, ci siamo rilasciati giurandoci di pagare la cauzione.
    Gale: Quello che Evelle cerca di dire, è che sentivamo che l'istituto ormai non aveva più niente da offrirci.
  • Agente dell'FBI: Signore ci risulta che lei nasce Nathan Cicasco, è esatto?
    Nathan Arizona: Sì, ho cambiato nome, e allora?
    Agente dell'FBI: Vuole darci spiegazioni del perché?
    Nathan Arizona: Sì, comprerebbe mobili dalla ditta "Grezzi Cicasco"?
  • Poliziotto: Il bimbo indossava qualcosa quando è stato rapito?
    Nathan Arizona: Nessuno dorme nudo in questa casa!
    Agente dell'FBI: Che cosa indossava?
    Nathan Arizona: Un doppiopetto, che domande... aveva un dannato pigiamino!
    Poliziotto: Che tipo di pigiamino?
    Nathan Arizona: Non lo so, era un pigiama, con l'orso Yoghi e altre cagate!
  • H.I.: Vuoi una birra, Glen?
    Glen: Il Papa vuole viaggiare?
    H.I.: Vabbè non faresti prima a dire di sì?
  • Glen: Senti questa: quanti negri ci vogliono per avvitare una lampada?
    H.I.: Non lo so, Glen. Uno?
    Glen: No, tre!
    [Glen scoppia a ridere, H.I. rimane serio.]
    Glen: No, forse non è così. Aspetta, ricomincio. Perché ci vogliono tre negri per avvitare una lampada?
    H.I.: Non lo so.
    Glen: Perché sono talmente fessi!
    [Glen scoppia nuovamente a ridere, H.I. rimane serio.]
    Glen: Andiamo su, non dirmi che non ci sei arrivato, su dai. Be' deve essere una di quelle che chiamano "a scoppio ritardato".
    H.I.: Perché?
    Glen: Perché le capisci quando torni a casa!
    H.I.: Glen, ci sono già a casa.
  • [H.I. sta scappando dopo aver fatto una rapina]
    Uomo sul pickup: Ti sei accorto che hai una calza sulla testa?
    H.I.: Tu corri e zitto!
  • [Evelle vede in un negozio le confezioni di palloncini gonfiabili]
    Evelle: I palloni, ehi, li gonfi e diventano cose buffe?!
    Negoziante: No, se il rotondo non è buffo!
  • Gale: Villani fottuti, questa è una rapina! Immobili tutti! Buttatevi tutti giù per terra!
    Anziano: Be', decidi giovanotto, vuoi che stia immobile o che mi butti giù per terra? Voglio dire, che se sto immobile, non posso buttarmi giù, e se mi butto giù, io farò qualche movimento. Capisci?
    Gale: Silenzio!
    Anziano: Ok, e allora?
    Gale: Tutti giù, faccia a terra!
    Evelle: La faccenda dell'immobile è rimandata.
    Gale: Fino a che non sono giù!
    Evelle: Sì, prima giù, e dopo quella.
    Gale: Merda! Dove sono tutti i cassieri?
    Cassieri: Siamo qua sotto signore.
    Evelle: Sono faccia a terra come hai detto tu, Gale.
    Gale: Ti avevo detto di non chiamarmi per nome. Ma non riesci mai a non dimenticartelo!
    Evelle: Cosa? Il tuo nome in codice.
    Gale: Oh sì sì sì... è il mio nome in codice!
    Evelle: Sentito, sì? Usiamo nomi in codice!

Altri progetti[modifica]