Battista Guarini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Battista Guarini

Battista Guarini, o Giovanni Battista Guarini, (1538 – 1612), drammaturgo e poeta italiano.

Il pastor fido[modifica]

Incipit[modifica]

Alfeo fiume d'Arcadia.
Se per antica, e forse
Da voi negletta, e non creduta fama,
Havete mai d'innamorato fiume
Le maraviglie udite,
Che, per seguir l'onda fugace, e schiva
De l'amata Aretusa,
Corse (o forza d'amor) le più profonde
Viscere de la terra,
E del mar penetrando;
La dove sotto à la gran mole Etnea,
Non so sò se fulminato ò fulminante,
Vibra il fiero gigante
Contra 'l nemico ciel fiamme di sdegno,
Quel son'io: già l'udiste: hor ne vedete
Prova tal, ch'a voi stessi
Fede negar non lice.

Citazioni[modifica]

  • Chi ben comincia, ha la metà de l'opra,
    Né si comincia ben se non dal cielo.
    (Silvio: Atto I, scena I)
  • Lodo ben, Silvio, il venerar gli Dei,
    Ma il dar noia à coloro,
    Che son ministri degli Dei, non lodo.
    (Linco: Atto I, scena I)
  • O Silvio Silvio, à che ti diè natura
    Ne più begli anni tuoi
    Fior di beltà si delicato e vago,
    Se tu cotanto à calpestarlo intento?
    (Linco: Atto I, scena I)
  • Uomo sono, e mi pregio
    D'esser humano; e teco, che sé huomo,
    O che più tosto esser dovresti, parlo
    Di cosa humana; e, se di cotal nome
    Forse ti sdegni, guarda
    Che nel dishumanarti
    Non divenghi una fera, anzi che un Dio.
    (Linco: Atto I, scena I)
  • La lontananza ogni gran piaga salda. (Amarilli: Atto III, scena III)
  • [Sui sogni:] Immagini del dì guaste e corrotte. (da Il Pastor fido, I, 4)

Citazioni sull'opera[modifica]

  • La volgar poesia non ha una favola più delicata ed amabile del Pastor fido. Cesso dal lodarlo, perché ricomincio a leggerlo. (Andrea Rubbi)
  • Questa rappresentazione pastorale, detta tragicommedia, eccitò fama e contrasti. ll plauso de' contemporanei e de' posteri, le traduzioni, l'edizioni hanno giustificato la sua causa, ed estinto per fino il nome de' suoi impugnatori. (Andrea Rubbi)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]