Benvenuto Cellini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Benvenuto Cellini

Benvenuto Cellini (1500 – 1571), orafo, scultore e scrittore italiano.

La vita di Benvenuto di Maestro Giovanni Cellini fiorentino, scritta, per lui medesimo, in Firenze[modifica]

Incipit[modifica]

Io avevo cominciato a scrivere di mia mano questa mia Vita, come si può vedere in certe carte rappiccate, ma considerando che io perdevo troppo tempo e parendomi una smisurata vanità, mi capitò inanzi un figliuolo di Michele di Goro dalla Pieve a Groppine, fanciullino di età di anni XIII incirca ed era ammalatuccio. Io lo cominciai a fare scrivere e in mentre che io lavoravo, gli dittavo la Vita mia; e perché ne pigliavo qualche piacere, lavoravo molto piú assiduo e facevo assai piú opera. Cosí lasciai al ditto tal carica, quale spero di continuare tanto innanzi quanto mi ricorderò.

Citazioni[modifica]

  • La più parte degli uomini, quando gl'invecchiano, insieme con essa vecchiaia impazzano.
  • Le gatte di buona sorte meglio uccellano per grassezza che per fame: – Così quella sorte degli uomini dabbene che sono inclinati alle virtù, molto meglio le mettono in opera quando egli hanno abundantissimamente da vivere.
  • Quando il povero dona al ricco, il Diavolo se ne ride.
  • Un pazzo ne fa cento.

Altri progetti[modifica]