Bernardo Dovizi da Bibbiena

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Bernardo Dovizi da Bibbiena

Bernardo Dovizi da Bibbiena (1470 – 1520), cardinale e drammaturgo italiano.

La Calandria[modifica]

Incipit[modifica]

Prologo: Voi sarete oggi spettatori d'una nova commedia intitulata Calandria: in prosa, non in versi; moderna, non antiqua; vulgare, non latina. Calandria detta è da Calandro, el quale voi troverrete sí sciocco che forse difficil vi fia a credere che Natura omo sí sciocco creasse già mai. Ma, se viste o udite avete le cose di molti simili, e precipue quelle di Martino da Amelia (el quale credeva la stella Diana essere suo moglie, lui essere lo Amen, diventare donna, dio, pesce e arbore a posta sua), maraviglia non vi fia che Calandro creda e faccia le scioccheze che vedrete.

Citazioni[modifica]

  • Bene è di sé inimico chi l'altrui lingua stima più che la sua propria. So io bene che la mia mi è sì cara che non la darei per quante lingue oggi si trovano. (prologo)
  • L'uomo mai un disegno non fa che la Fortuna un altro non ne faccia. (atto I, scena I)
  • Un buon servo non dee mai avere ozio. (atto I, scena I)
  • Che bisogna dir tanto? non sappiam noi, che le donne sono si degne, che oggi non è alcuno, che non le vada imitando, e che volentieri con l'animo, e col corpo femmina non diventi? (atto I, scena II)
  • Un padrone quanti ha più servi tanti più ha inimici. (atto I, scena II)
  • Chi ha amore in seno sempre ha i sproni in fianco. (atto II, scena VII)
  • Chi scappa d'un punto ne schifa cento. (atto IV, scena IV)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]