Camilla Cederna

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Camilla Cederna (1911 – 1997), giornalista e scrittrice italiana.

  • Molti scrittori scrivono libri che loro stessi non leggerebbero mai. (da Il lato forte e il lato debole, Mondadori, 1992)

Il lato debole[modifica]

Incipit[modifica]

Nel 1976 Il lato debole, famosa rubrica di costume che sul settimanale L'espresso scriveva la storia italiana minore catalogando con scientifica esattezza d'entomologo comportamenti, linguaggio, stereotipi e voghe della borghesia soprattutto milanese, smise la pubblicazione.
Perché?

Citazioni[modifica]

Il taglio chic
Succede tutti i giorni che un marito in età non più tanto giovane trascuri la matura consorte per prendersi una ragazza, farle dei regali e condurla a far dei viaggetti. Succede anche spesso che la moglie sorprenda la rivale e le dia uno schiaffo. Succedono solo ai grandi ricchi però fatti come quello avvenuto qualche tempo fa all'aeroporto di una grande città. Saputo che il consorte arrivava dall'America con la sua accompagnatrice, la legittima andò ad aspettarli, ed ecco il solito schiaffo di sorpresa, ma ecco un'inaspettata ferita: è il gigantesco brillante della signora che produce un bel taglio sulla giovane guancia. Ed è stato un regalo del marito a ferire, preciso a quello che aveva sull'anulare la bella ragazza.. (p. 43)

Giovanni Leone[modifica]

Incipit[modifica]

La prima volta che vidi Leone fu nell'ottobre '63, quando era presidente del consiglio in un governo di tregua. Avevo appena cominciato una serie di incontri con alti notabili democristiani, e nella scelta ero stata irresistibilmente attratta anche da chi sapevo che per una ragione o per l'altra non mi avrebbe annoiato troppo. Era il periodo in cui per questi pezzi grossi andava di moda farsi fotografare in ginocchio, bocca aperta e lingua protesa, mentre stavano facendo la comunione; se no a messa, in gruppi serrati con le labbra contratte nella preghiera, gli occhi fissi al cielo, le mani chiuse intorno a messali cospicui o grondandi tetri rosari.

Citazioni[modifica]

  • Una sua recente battuta? Viene il presidente dello Zambia in visita ufficiale; le autorità sono tutte lì nel gran salone del Quirinale. Leone andando verso di lui: "Be', andiamo a stringere un po' questo zampino".. (p. 34)
  • Una delle sue più intense curiosità? Anteprima in Quirinale di Amarcord col regista presente. Mai nessun commento durante la proiezione; alla fine lo stupore della signora Vittoria per i bei colori, la curiosità per tutta quella neve in Romagna ("Ma la facciamo noi artificiale, signora...") e infine il presidente che lo prende a braccetto portandolo lontano dalla famiglia e dagli ospiti. "Mi dica Fellini, ma questa tabaccaia con quelle 'zizze' così straordinarie, ma dove l'ha trovata? Può dirlo? Ed è felice quando il regista gli dice che l'ha trovata a Napoli.. (p. 34)
  • [...] il nostro presidente ha un suo particolare gesto scaramantico, che è quello di alzare la mano facendo le corna. È infatti superstiziosissimo.. (p. 34)
  • Nel 1963 Leone sta salendo su un elicottero militare che lo deve portare a visitare le zone disastrate del Vajont. Sull'apparecchio sono in sedici: ma all'ultimo momento sale un fotoreporter, il diciassettesimo. "Giù, giù", fa il presidente. "Ma eccellenza, io tengo un pool di agenzie, per piacere faccia salire anche me". Leone riconta ad uno ad uno i presenti, poi sbotta di nuovo: "Giù, giù; se tu tieni un pool di agenzie, io tengo un pool di figli".. (p. 35)
  • Quando Saragat lo convocò al Quirinale, per affidargli l'incarico di un nuovo governo balneare, Leone sobbalzò sulla sedia: "Gesù, e me lo dici oggi che è martedì 17? Facciamo che me l'hai detto ieri, o se preferisci, che me lo dirai domani." Al Quirinale inoltre, il venerdì non firmerebbe nemmeno una cartolina. (Se qualcuno gli rimprovera questa debolezza, risponde con una frase di Croce: "La iettatura è una cosa che non esiste, ma della quale bisogna tener conto.") (pag. 35).
  • Quel che a un certo punto vien spontaneo chiedersi è come mai a un uomo così folcloristico, gaffeur e poco dignitoso, sia stato riservato un tanto incredibile cursus honorum, sia cioè l'unico in Italia che è stato presidente della camera, presidente del consiglio, presidente della repubblica. Si può tentare di capirne le ragioni attraverso le tappe della sua carriera. (pag. 40)

Bibliografia[modifica]

  • Camilla Cederna, Il lato debole, Tascabili Bompiani, 1977.
  • Camilla Cederna, Giovanni Leone, Feltrinelli, 1978.

Altri progetti[modifica]