Canti popolari

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Inglesi[modifica]

  • Ho dato al mio amore un anello che non ha una fine. | Come ci può essere un anello che non ha una fine? | [...] Un anello quando sta rotolando non ha una fine
I gave my love a ring that has no end. | [...] How can there be a ring that has no end? | [...] A ring when it's rolling it has no end. (da The Riddle Song[1])

Toscani[modifica]

  • Amore amaro! | La libertà dell'uom vale un tesoro, | E quella della femmina un denaro.[2]
  • Dalla parte del cor ce l'ho un serpente | Che mi lavora a punta[3] di diamante; | Chi non prova l'amor, non prova niente.[4]
  • E gli uomini son finti e traditori; | Hanno un'anima sola, e cento cuori.[5]
  • Fior di limone. | Colla farina ci si fa lo pane; | Co' giovinotti ci si fa all'amore.[6]
  • Fior di limone. | Tre cose son difficili a lassare, | Il giuoco, l'amicizia, e il primo amore.[7]
  • Fior di radice. | Lasciale dir queste lingue mordace;[8] | Ama chi t'ama, e lascia dir chi dice.[9][10]
  • Fiore di sale. | L'amore fa penar, ma non si muore; | D'amore non si muor, ma si sta male.[11]
  • Fiorin nel vaso. | Non ti fidar di chi ti fa buon viso: | Anche Giuda tradì Gesù col bacio.[12]
  • In casa del mio amor non son contenti: | Contenti siamo noi; contenti tutti.[13]
  • Navigar non si può senza la vela, | L'amor non si può far senza la dama.[14]
  • Pampani e uva. | E la mia mamma sempre lo diceva: | L'amor del forestiero poco dura.[15][16]
  • Timo fiorito. | Mi fidai degli amici e fui ingannato, | Mi fidai delle donne e fui tradito![17]

Siciliani[modifica]

  • Di Mungibeddu tutti figghi semu | terra di focu, di canti e d'amuri | st'aranci sulu nui li pussidemu | e la Sicilia nostra si fà onuri | E di luntanu venunu li furasteri a massa | dicennu la Sicilia chi ciauru ca fà | L'oduri di la zagara si senti | e riturnau la bedda primavera | rosi sbucciati, lu suli cucenti | Sicilia bedda tu si 'na ciurera | Chi ciauru, chi ciauru di balucu e di rosi | evviva la Sicilia e l'abitanti sò. (Gaetano Emanuel Calì)
Di Mungibeddu (l'Etna) tutti figli siamo, | terra di fuoco, di canti e d'amore, | queste arance solo noi le possediamo, | e la Sicilia nostra si fa onore. | E da lontano vengono i forestieri in massa, | dicendo la Sicilia che profumo che fa, | L'odore della zagara si sente, | ed è ritornata la bella primavera, | rose sbocciate, il sole cocente, | Sicilia bella tu sei una fiorera. | Che profumo, che profumo di violacciocche e di rose, | evviva la Sicilia e gli abitanti suoi.
  • Figghiuzza 'nta lu sonnu mi vinisti | du' paruleddi ruci e ti nni isti | e a la matina quannu mi śvigghiaiu | ca mi sintìa ca eri a lu me latu | mi vàju pi vutari e nun mìu a nuddu.[18]
Figliuola nel sonno sei venuta a me | due paroline dolci e te ne andasti | e la mattina quando mi svegliai | e sentivo che eri al mio fianco | vado per voltarmi e non vedo nessuno.
  • Lu Santu Patri ni livau la missa, | lu Re conza la furca a li parrini, | la Sicilia è fatta carni di sasizza, | cca c'è la liggi di li saracini. [19]
Il Santo Padre ci ha tolto la messa | il re prepara la forca per i preti | la Sicilia è fatta carne da salsiccia | qui vige la legge dei saraceni.
  • Ora nun fazzu cchiù lu carritteri | ca lu cavaddu nun voli arrivari. | 'Nta la muntata di Mussulumeli | si sdillassau la cinca e pitturali, | e comu t'arriducisti cavaddu di Sciacca | ar essiri prizzuliatu di la ciocca. | Si Diu voli e la mula camina, | c'haju a ghiri a la fera a la Diana.[20]
Ora non faccio più il carrettiere | ecco perchè il cavallo non vuole arrivare. | Alla salita di Misilmeri | si rompe sottopancia e pettorale, | e come ti riducesti cavallo di Sciacca | ad esser becchettato dalla chioccia. | Se Dio vuole e la mula cammina, | dovrò arrivare alla fiera di Cefalà Diana.

Note[modifica]

  1. Citato in Wayne Erbsen, Front Porch Old-time Songs, Jokes & Stories: 48 Great Southern Sing-along Favorites, Native Ground Books & Music, 1993, p. 48
  2. Citato in Tigri, 1856, p. 374.
  3. A punta, cioè, a modo della punta.
  4. Citato in Tigri, 1856, p. 373.
  5. Citato in Tigri, 1856, p. 372.
  6. Citato in Tigri, 1856, p. 374.
  7. Citato in Tigri, 1856, p. 373.
  8. Per mordaci.
  9. Dante: «E lascia dir le gentiSoldanieri, Ballata: «Chi vuol far fatti non dica parole — Stringa la bocca e lasci dir chi vuole
  10. Citato in Tigri, 1856, p. 371.
  11. Citato in Tigri, 1856, p. 371.
  12. Citato in Tigri, 1856, p. 375.
  13. Citato in Tigri, 1856, p. 372.
  14. Citato in Tigri, 1856, p. 375.
  15. Il campagnolo però s'attiene al proverbio: moglie e buoi, da' paesi tuoi.
  16. Citato in Tigri, 1856, p. 375.
  17. Citato in Tigri, 1856, p. 375.
  18. Citato in Roberto Leydi, I Canti popolari italiani, Oscar Mondadori, 1973, p. 188.
  19. Citato in [1]
  20. Citato in Roberto Leydi, I Canti popolari italiani, Oscar Mondadori, 1973, p. 314.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]