Carl Van Vechten

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Carl Van Vechten, 1947

Carl Van Vechten (1880 – 1964), scrittore e fotografo statunitense.

  • [Riferito a Bessie Smith] Porter Grainger l'accompagnò nel mio appartamento nella 55a Strada Ovest... C'erano George Gershwin, e c'erano Merguerite d'Alvarez, Constance Collier e, mi pare, Adele Astaire. Il soggiorno era pieno di gente sofisticata. Prima di mettersi a cantare, Bessie volle bere. Chiese un bicchiere di gin puro e in una sola sorsata ne ingollò quasi una pinta. Poi, mentre una sigaretta accesa le penzolava da un angolo della bocca, si immerse, proprio si immerse, nel blues, accompagnata da Porter al piano. Io sono sicurissimo che nessuno di quelli che erano presenti quella sera la dimenticherà mai. Quella non era una attrice che imitasse le sofferenze di una donna: non c'era nessun artificio in lei. Era la realtà: una donna che si apriva il cuore con un coltello per metterlo bene in mostra davanti a tutti noi, per farci soffrire quello che soffriva lei, per trascinarci con una ferocia ritmica che si faceva fatica a sopportare.[1]

Note[modifica]

  1. Tratto da un articolo di Carl Van Vechten apparso nel mensile Jazz Record, settembre 1947.

Bibliografia[modifica]

  • Arrigo Polillo, Jazz: La vicenda e i protagonisti della musica afro-americana, Mondadori, 1975. ISBN 978-88-04-42733-9

Altri progetti[modifica]