Carlo Salinari

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Carlo Salinari (1919 – 1977), critico letterario italiano.

Profilo storico della letteratura italiana[modifica]

  • Il punto più alto della poesia religiosa, tanto alto da sottrarsi ai limiti del «genere» e da porsi come il momento poetico più complesso, forse, di tutto il secolo, viene raggiunto da Jacopone da Todi (p. 36)
  • Figura di primo piano, quindi, sul piano intellettuale deve essere valutata quella di Brunetto Latini uomo politico accorto, ma soprattutto uomo di cultura, divulgatore infaticabile della svienza, maestro degli intellettuali fiorentini. (p. 39)
  • Nelle opere di Brunetto non bisogna cercare la poesia. Esse sono importanti come testimonianza dell'elaborazione culturale compiuta da uno dei maggiori untellettuali fiorentini, che ebbe influenza in tutto il monso romanzo. (p. 42)
  • L'energia morale intesa nel senso più alto è la nota che caratterizza la poesia di Guittone e alle esigenze di questo nuovo gusto e contenuto egli piega la tecnica tradizionale. Gli schemi perdono le risonanze di meraviglia e di stupore, vengono spiazzati, arricchiti, inturgititi per dar robustezza ed elevatezza al discorso poetico. (p. 59)
  • In Masuccio non c'è la vena distaccata del Boccaccio, ma una vena satirica aspra ed esasperata. Egli è un moralista che vuol rappresentare polemicamente le brutture del mondo in cui vive. (p. 211)
  • La deformazione grottesca di situazioni e figure costituisce, infatti, il momento più autenticamente poetico di Masuccio; quando tutti gli umori di cui è ricco il suo temperamento possono trovare il loro sfogo e, insieme, la loro misura. (p. 211)

[Carlo Salinari, Profilo storico della letteratura italiana, Editori Riuniti, Roma 1972]

Altri progetti[modifica]