Charlaine Harris

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Charlaine Harris

Charlaine Harris (1951 – vivente), scrittrice statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Finché non cala il buio[modifica]

Erano anni che aspettavo di incontrare un vampiro quando finalmente uno di essi entrò nel bar.
Fin da quando erano usciti dalla bara (come erano soliti dire, scherzando), quattro anni prima, io avevo iniziato a sperare che uno di essi venisse a Bon Temps. Nella nostra piccola città avevamo esponenti di tutte le minoranze, quindi perché non averne anche di quella più recentemente riconosciuta, composta nella fattispecie dai non-morti? A quanto pareva, però, le zone rurali della Louisiana settentrionale non apparivano particolarmente invitanti per i vampiri, anche se d'altro canto New Orleans costituiva per loro un vero e proprio centro di ritrovo... lo aveva detto anche Anne Rice, giusto?

Morti viventi[modifica]

Andy Bellefleur era ubriaco come una puzzola e questo, potete credermi, non era per lui una cosa normale. Io conosco tutti gli ubriaconi di Bon Temps, perché il fatto di lavorare da parecchi anni nel bar di Sam Merlotte mi ha portata ad avere a che fare con tutti loro, ma prima di quella sera Andy Bellefleur, nativo del luogo e agente del piccolo contingente di forze di polizia di Bon Temps, non era mai venuto da Merlotte's per ubriacarsi. Di conseguenza, ero piuttosto curiosa di scoprire perché quella particolare notte costituisse un'eccezione.

Un tocco di morte[modifica]

Non sopporto le fate quando vengono al bar: non lasciano mai la mancia, ma non per avarizia, semplicemente se ne dimenticano. Ad esempio Claudine, che stava entrando in quel momento: un metro e ottanta d'altezza, lunga chioma corvina, uno splendore che attira gli uomini come un'anguria matura i moscerini. A giudicare dai vestiti che porta non la diresti a corto di soldi, eppure non lascia un dollaro di mancia neanche a morire. Se è l'ora di pranzo, poi, tocca pure togliere dal tavolo le ciotole con le fettine di limone, perché le fate sono allergiche al lime e al limone come i vampiri all'aglio e all'argento.

Bibliografia[modifica]

  • Charlaine Harris, Finché non cala il buio, traduzione di Annarita Guarnieri, Delos Books, 2007. ISBN 978-88-89096-69-7
  • Charlaine Harris, Morti Viventi, traduzione di A. Guarnieri, Delos Books, 2008. ISBN 9788895724089
  • Charlaine Harris, Un tocco di morte, traduzione di Simona Adami e Chiara Marmugi, Fazi Editore, 2010. ISBN 9788876250903

Altri progetti[modifica]