Charlie Bartlett

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Charlie Bartlett

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Charlie Bartlett
Lingua originale inglese
Paese USA, Canada
Anno 2007
Genere commedia, drammatico
Regia Jon Poll
Sceneggiatura Gustin Nash
Produttore Jay Roach
Attori

Charlie Bartlett, film del 2007, regia di Jon Poll.

Frasi[modifica]

  • Farò un monologo tratto da un capolavoro Corduroy Seville: "Disavventure di un'adolescente ribelle". Credo di dovervi raccontare della prima volta che ho avuto le mestruazioni: mentre tornavo a casa dal campeggio estivo con mio padre, l'ho guardato e gli ho detto: "Papà, ho la sensazione di essere in un fiume..." e lui ha detto: "Che bello, tesoro!". e lì ho capito che lui non aveva neanche lontanamente afferrato il doppio senso tra fiume e mestruazioni; e così gli ho spiegato che volevo proprio dire che un lago di sangue sgorgava dalla mia voi-sapete-cosa! È quasi andato a sbattere con la macchina cercando di passarmi una manciata di tovagliolini del fast food e non è il massimo del piacere infilasi tovagliolini del fast food nella caverna! (Charlie)
  • Ecco, è proprio questo il punto... insomma, tu potresti essere nato come organismo unicellulare sul pianeta Zortex, ma non è andata così: tu sei nato essere umano e, per giunta, non un essere umano qualsiasi tra gli esseri umani, ma un essere umano che in questo momento è vivo! Che può ascoltare ogni tipo di musica e mangiare cibo di qualunque paese e che può perfino scaricare i porno da Internet! In realtà hai tutto quello che ti serve per vivere! (Charlie)
  • Uno dei nostri doveri di adolescenti è quello di mandare ogni tanto a quel paese i nostri genitori. (Charlie)

Dialoghi[modifica]

  • Psichiatra: Tua madre mi ha detto che c'è stata una scaramuccia tra te e un tuo compagno.
    Charlie: È il miglior eufemismo che io abbia mai sentito per dire che sono stato picchiato a morte.
    Psichiatra: E per quale motivo pensi che ti abbiano preso di mira?
    Charlie: Non lo so. Sono anormale, forse.
    Psichiatra: Tu non ti senti normale?
    Charlie: La mia famiglia ha uno psichiatra sempre a disposizione, questo quanto è normale?
  • Signora Bartlett: Ci sono cose più importanti di essere benvoluti!
    Charlie: Fammi un esempio, dai.
    Signora Bartelett: Ora non mi viene in mente.
  • Charlie: È che io ora sono felice. Per la prima volta in vita mia piaccio alle persone.
    Preside: Ci sono cose più importanti.
    Charlie: Sì, lo so, continuano a dirmelo tutti ma io ho diciassette anni e la popolarità è maledettamente importante per me.

Altri progetti[modifica]