Charlotte Roche

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Charlotte Roche, Berlino 2007

Charlotte Roche (1978 – vivente), scrittrice tedesca.

Citazioni[modifica]

  • Le ragazze Grandi Tette della pubblicità mi fanno venire il vomito. (dalla quarta di copertina di Zone umide)
  • La gente si lamenta perché la società si occupa troppo di sesso, e mi chiedevo se c'era proprio bisogno di un altro libro sull'argomento. Ma il sesso che imperversa è sesso superpulito, da supertopmodel, che non ha niente a che fare con la vita. Un sesso falso. Io voglio demistificare il corpo della donna per rompere questa menzogna. Andare in bagno e parlare di diarrea con il proprio partner e importante quanto parlare d'amore. Meglio il sesso che sbaglia, che fallisce, piuttosto che il sesso finto che non esiste! (dal Corriere della sera, 14 ottobre 2008)
  • Perché la donna è una cosa sola, non è unicamente sesso profumato, è anche altro, va in bagno, si ammala, sanguina. Non riconoscere e non parlare di questa sua parte limita e costringe la donna. (ibidem)
  • Helen è la mia alter ego. È quello che vorrei essere e non sempre ho il coraggio di farlo. (da un'intervista a Liberazione, 23 ottobre 2008)
  • Volevo parlare esattamente di questo: la sessualità delle donne descritta a tutto tondo. (ibidem)
  • Sono stufa di queste campagne rivolte alle donne che dovrebbero sempre stare a depilarsi, pulirsi, profumarsi. Le donne hanno umori, sanguinano, sudano, puzzano perfino, basta con questa ossessione dell'igiene e della pulizia. (da un'intervista a Il Secolo XIX, 23 ottobre 2008)
  • Volevo solo essere diretta, onesta, sincera sul sesso visto dalle donne. (ibidem)

Zone umide[modifica]

Incipit[modifica]

Che io ricordi, ho sempre avuto le emorroidi.

Citazioni[modifica]

  • Credo che sia importante documentare non solo i momenti felici come i compleanni, ma anche quelli tristi come le operazioni, le malattie e la morte.
  • Il suo viso mi colpisce. È incredibilmente curato. In realtà si dice che è una donna curata.
  • Le donne curate hanno capelli, unghie, labbra, piedi, viso, pelle e mani trattati in modo particolare: tinti, allungati, truccati, esfoliati, tirati, depilati, unti di crema. Ma ciò di cui non si rendono conto è che più si preoccupano di tutti quei particolari, più si trasformano in manichini semimoventi. Se ne stanno lì sedute, senza muovere un muscolo, rigide e contratte, perché la loro unica preoccupazione è di non rovinare il lavoro fatto.
  • Meglio discutere di flora, di fauna e inquinamento ambientale.
  • Potrei riflettere su tutte le cose utili che ho imparato nella mia breve vita. Scommetto che ci vorrebbe parecchio tempo, almeno due minuti buoni.
  • Tutto ciò che è considerato sexy, come i capelli spettinati, le spalline che cadono o le gocce di sudore sul viso, dà sì un'idea di disordine, ma è anche invitante.

Bibliografia[modifica]

  • Charlotte Roche, Zone umide, Rizzoli, 2008.

Altri progetti[modifica]