Chris Priestley

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Chris Priestley (1958 — vivente), scrittore britannico.

Incipit di alcune opere[modifica]

Le terrificanti storie del Vascello Nero[modifica]

Per tre lunghi giorni la costa era stata investita da una rabbiosa e violenta tempesta. Le onde si abbattevano sulle antiche scogliere con una furia a cui pochi avevano mai avuto occasione di assistere, e che di certo non si avvicinava a niente che potessi ricordare di aver visto nei miei tredici anni di vita... e non avevo vissuto da nessun'altra parte.

Le terrificanti storie di zio Montague[modifica]

La casa di zio Montague si trovava al di là di un piccolo bosco. Per raggiungerla occorreva percorrere un sentiero che si snodava tra gli alberi come un serpente nascosto nella macchia e, sebbene il sentiero fosse abbastanza breve e il bosco per nulla esteso, ogni volta quel tratto di strada si rivelava più lungo di quanto mi aspettassi.

Storie da leggere con la luce accesa[modifica]

Era il mio primo viaggio in treno da solo. La mia matrigna mi aveva accompagnato alla stazione e aveva pensato bene di mettermi in imbarazzo coprendomi di baci e abbracci sgraditi. In aggiunta, mi parlava come se fossi un bambino, con quel tono insulso che usava sempre per le sue dimostrazioni di affetto.
Mio padre era in guerra, a combattere contro i Boeri nel caldo atroce del Sudafrica, ma lo avrei volentieri raggiunto solo per schivare un altro momento in compagnia della sua insopportabile moglie.

Bibliografia[modifica]

  • Chris Priestley, Le terrificanti storie del Vascello Nero, traduzione di Chiara Balzani e Sara Trabalzi, Newton Compton, 2010. ISBN 9788854122321
  • Chris Priestley, Le terrificanti storie di zio Montague, traduzione di Chiara Manfrinato, Newton Compton, 2010. ISBN 9788854117464
  • Chris Priestley, Storie da leggere con la luce accesa, traduzione di Allieta Melchioni, Newton Compton, 2011. ISBN 9788854133174

Altri progetti[modifica]