Claudio Claudiano

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Il rapimento di Proserpina, Gian Lorenzo Bernini, Galleria Borghese

Claudio Claudiano (330 – 404), poeta ed autore latino.

  • La presenza diminuisce la fama. (da De bello gildonico, 385)
Minuit praesentia famam.
  • O Pollenzia, degna dei miei canti per i secoli eterni! | o nome insigne, o luogo di felici trionfi! | o suolo destinato alle vittorie, o memorando sepolcro | di barbari! Spesso in quei confini, su quella terra | piena tornò la vendetta ai Quiriti fidati. (da De Bello Gothico, vv. 635-640)
  • Tutto il mondo si conforma all'esempio del re; e a muovere i sentimenti dei sudditi vale più delle leggi la condotta del sovrano. (da De quarto consulatu Honorii, 299-301)
Componitur orbis | Regis ad exemplum: nec sic inflectere sensus | Humanos edicta valent, ut vita regentis.

Incipit de Il rapimento di Proserpina[modifica]

A narrare con canto audace i cavalli dell'inferno seduttore,
e le stelle offuscate dal tenario cocchio
e il talamo tenebroso della regina degli abissi,
i concitati pensieri mi spingono.

Inferni raptoris equos afflataque curru
Sidera Taenario caligantesque profundae
Iunonis talamos audaci promere cantu
Mens congesta iubet.

Bibliografia[modifica]

  • Claudiano, Il rapimento di Proserpina, traduzione di Franco Serpa, Rizzoli, 1981.

Altri progetti[modifica]