Clifford Geertz

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Clifford James Geertz (1926 – 2006), antropologo statunitense.

  • L'uomo ha bisogno di [...] fonti simboliche di illuminazione per trovare la sua strada nel mondo, perché quelle di tipo non simbolico, inserite nel suo corpo costituzionalmente, gettano una luce troppo soffusa. Negli animali inferiori i modelli di comportamento si danno insieme alla loro struttura fisica, o almeno in gran parte: le fonti di informazione genetiche ordinano le loro azioni entro possibilità di variazione molto più ristrette, sempre più ristrette e conchiuse via via che il livello dell'animale scende. All'uomo sono date capacità innate di reazione estremamente generali che lo lasciano regolato con molta minore precisione: [...] non diretto da modelli culturali – sistemi organizzati di simboli significanti – il comportamento dell'uomo sarebbe praticamente ingovernabile, un puro caos di azioni senza scopo e di emozioni in tumulto, la sua esperienza sarebbe praticamente informe. La cultura, la totalità accumulata di questi modelli, non è un ornamento dell'esistenza umana ma – base principale della sua specificità – una condizione essenziale per essa. (da Interpretazione di culture)
  • Qualsiasi cosa possa essere o possa essere stato in origine il relativismo culturale, (e non vi è nessuno dei suoi critici che lo abbia definito correttamente), al giorno d'oggi è utile come spettro per farci allontanare spaventati da certe correnti di pensiero e per indirizzarci verso altre. (da Anti anti-relativismo)

Bibliografia[modifica]

  • Clifford James Geertz, Interpretazione di culture (The Interpretation of Cultures, 1973), traduzione di E. Bona, Il Mulino, Bologna 1987 ISBN 8815012788
  • Clifford Geertz, Anti anti-relativismo, "Il Mondo 3", n. 2, Dicembre 1994, pp. 72-86, traduzione di Giorgio de Finis e Piero Vereni.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]