Codice d'onore

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Codice d'onore

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

A Few Good Man

Lingua originale inglese
Paese Usa
Anno 1992
Genere Drammatico
Regia Rob Reiner
Sceneggiatura Aaron Sorkin
Produttore Rob Reiner, David Brown, Andrew Scheinman
Interpreti e personaggi

Codice d'onore, film del 1992 di Rob Reiner con Tom Cruise e Jack Nicholson.

Frasi[modifica]

  • Chi cazzo è questo William T. Santiago? (Col. Nathan R. Jessep)
  • Eh sì, se non ti sei mai fatto fare un pompino da un tuo superiore... be' ti sei perso la parte migliore della vita, mi dispiace! (Col. Nathan R. Jessep)
  • Io faccio colazione a trecento metri da quattromila cubani addestrati ad uccidermi, quindi non creda di poter venire qui a sventolare un distintivo nella speranza di farmi innervosire. (Col. Nathan R. Jessep)
  • Ci faremo onore domani... ci faremo massacrare... (Ten. Daniel Kaffee)
  • Jo, noi perderemo... e perderemo alla grande. (Ten. Daniel Kaffee)
  • Risparmiami queste psicocazzate sulla figura paterna! (Ten. Daniel Kaffee)
  • Noi eseguiamo ordini figliolo. Eseguiamo gli ordini altrimenti della gente muore. È tutto qui: semplice. (Col. Nathan R. Jessep)
  • Ma io ti strappo gli occhi dalle orbite e poi nel tuo cranio ci piscio dentro! Hai scelto il marine sbagliato! (Col. Nathan R. Jessep)
  • Tu non puoi reggere la verità![1] Figliolo, viviamo in un mondo pieno di muri e quei muri devono essere sorvegliati da uomini col fucile. Chi lo fa questo lavoro, tu? O forse lei, tenente Weinberg? Io ho responsabilità più grandi di quello che voi possiate mai intuire. Voi piangete per Santiago e maledite i Marines. Potete permettervi questo lusso. Vi permettete il lusso di non sapere quello che so io. Che la morte di Santiago nella sua tragicità probabilmente ha salvato delle vite, e la mia stessa esistenza, sebbene grottesca e incomprensibile ai vostri occhi, salva delle vite! Voi non volete la verità perché è nei vostri desideri più profondi che in società non si nominano, voi mi volete su quel muro, io vi servo in cima a quel muro. Noi usiamo parole come onore, codice, fedeltà. Usiamo queste parole come spina dorsale di una vita spesa per difendere qualcosa. Per voi non sono altro che una barzelletta. Io non ho né il tempo né la voglia di venire qui a spiegare me stesso a un uomo che passa la sua vita a dormire sotto la coperta di quella libertà che io gli fornisco e poi contesta il modo in cui gliela fornisco. Preferirei che mi dicesse la ringrazio e se ne andasse per la sua strada. Altrimenti gli suggerirei di prendere un fucile e di mettersi di sentinella. In un modo o nell'altro io me ne sbatto altamente di quelli che lei ritiene siano i suoi diritti! (Col. Nathan R. Jessep)
  • Non mi chiami figliolo: io sono un avvocato e un ufficiale della marina degli Stati Uniti e lei è in arresto, gran figlio di puttana! (Ten. Daniel Kaffee)
  • Harold, non serve una mostrina per essere un uomo d'onore. (Ten. Daniel Kaffee)
  • Oh, ce lo facciamo dire da lui! Sì nessun problema, ce lo dirà lui! Colonnello Jessep, è vero che fu lei a ordinare il codice rosso per Santiago? EEE! Spiacente il suo tempo è scaduto. Che premio c'è per i perdenti, giudice? Be', per i nostri valorosi imputati, un soggiorno a vita nell'esotico Fort Leavenworth e per l'avvocato difensore Kaffee, niente di meno che una bella corte marziale! Siii, Johnny, dopo aver falsamente accusato un pluridecorato ufficiale dei marines di concorso nel delitto e di spergiuro, il tenente Kaffee avrà una lunga e prosperosa carriera di insegnante di... dattilografia comparata, alla scuola serale femminile Rocco Colombo! Grazie per aver partecipato al gioco, dobbiamo, o non dobbiamo seguire il suggerimento della regina delle galassie della stupidità?! (Ten. Daniel Kaffee)
  • Vedi, Danny, io so come affrontare le pallottole, le bombe, il sangue, non cerco denaro e tantomeno medaglie. Quello che io voglio è che tu, con la tua uniforme bianca da frocetto e la tua parlata da moccioso di Harvard, quando ti rivolgi a me mi dimostri un po' di cortesia. (Col. Nathan R. Jessep)
  • Noi ci conosciamo da un pezzo; abbiamo fatto insieme l'Accademia, Il Servizio di Prima Nomina e abbiamo combattuto insieme perfino in Vietnam... però sulla scala gerarchica io mi sono arrampicato con maggiore velocità e successo di te. Ora, se questo fatto è fonte di tensione, o di qualche imbarazzo per te... non me ne frega proprio un cazzo. Il nostro mestiere consiste nel salvare vite umane, Tenente Colonnello Markinson. Non devi discutere i miei ordini davanti a un altro ufficiale. (Col. Nathan R. Jessep)
  • Gentili signori Santiago,
    io ero il Comandante in seconda di William. Conoscevo vostro figlio vagamente, vale a dire che lo conoscevo di nome. Tra qualche tempo il processo dei due militari incolpati della morte di vostro figlio si concluderà, e sette uomini e due donne che non avete mai visto cercheranno di darvi una spiegazione sul perché della morte di William. Da parte mia ho fatto quanto in mio potere per portare alla luce la verità. La verità è questa, la morte di vostro figlio è dovuta a un solo motivo: io non sono stato abbastanza forte da evitarla.
    Con osservanza,
    Tenente Colonnello Matthew Andrew Markinson, corpo dei marines degli Stati Uniti.
    (Tenente Col. Matthew Andrew Markinson)

Dialoghi[modifica]

  • Ten. Dave: Non lo so perché ti do retta.
    Ten. Daniel Kaffee: Perché la tua saggezza travalica gli anni che hai!
  • Ten. Sam Weinberg: E quale è il codice?
    C.le Harold Dawson: Reparto, Corpo, Dio, Patria.
  • Ten. Daniel Kaffee: Cosa è la rete metallica?
    Ten. Sam Weinberg: Un grosso muro che separa i belli e buoni dai... brutti e cattivi.
  • Ten. Daniel Kaffee: Tu non credi alla loro storia e vorresti vederli in galera per il resto dei loro giorni...
    Ten. Sam Weinberg: ... certo che credo alla loro storia! ...E vorrei vederli in galera per il resto dei loro giorni!
  • Ten. Sam Weinberg: Comandante, il Tenente Kaffe è riconosciuto come il più esperto nel dibattimento del nostro ufficio. Ha felicemente concluso per patteggiamento quarantaquattro cause in nove mesi.
    Ten. Daniel Kaffee: Un'altra e mi regalano un tostapane!
  • Ten. Daniel Kaffee: Grave pericolo?
    Col. Nathan R. Jessep: Ne esiste forse d'altro genere?
  • Ten. Daniel Kaffee: Ordinò lei il codice rosso?!?
    Col. Nathan R. Jessep: Certo che l'ho ordinato! Che cazzo credi!
  • Cap. di corvetta Joanne Galloway: Chiamiamo Jessep a deporre e mettiamo fine a questa storia!
    Ten. Daniel Kaffee: Quale possibile vantaggio trarremmo dal chiamare Jessep a deporre?!
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Lui disse a Kendrick di ordinare il codice rosso.
    Ten. Daniel Kaffee:[sarcastico] Davvero? Ma è fantastico! Perché non me l'hai detto subito?! E naturalmente avrai anche le prove immagino! Oh, scusa, dimentico sempre che avevi la varicella il giorno in cui insegnavano diritto alla facoltà di legge!!
  • Cap. Jack Ross: Senti, Danny, la stella di Jessep è in ascesa. Il comando di divisione mi darà la massima libertà per evitare a Jessep e al corpo qualsiasi imbarazzo.
    Ten. Daniel Kaffee: Quanta libertà?
    Cap. Jack Ross: Ti derubrico tutto a "Omicidio colposo"; due anni e sono a casa in sei mesi.
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Nessun patto, si va al processo.
    Cap. Jack Ross: No, per niente.
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Perché no?
    Cap. Jack Ross: Perché perderete, e Danny lo sa. E sa anche che se si va al processo io dovrò andare fino in fondo, si prenderanno tutto il pacco regalo: omicidio, associazione a delinquere e condotta disdicevole. E, anche se ora mi tiene per le palle, Danny sa che in tribunale questa causa la perde. Danny è un avvocato straordinario e non ci tiene che i suoi clienti si prendano una condanna a vita sapendo che possono cavarsela in sei mesi. Fine del patteggiamento.
  • Cap. di corvetta Joanne Galloway: C'è qualcuno in questo comando con il quale lei non beve o non gioca a Softball?
    Ten. Daniel Kaffee: Comandante, io...
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Ascolti, sono venuta a fare la pace. Siamo partiti col piede sbagliato. Vogliamo essere amici?
    Ten. Daniel Kaffee: Senta, io...
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Ah, volevo dirle che ho portato a Downey quei fumetti che aveva chiesto. Kaffee, quel ragazzo non sa nemmeno dove si trova, non sa neanche perché lo hanno arrestato.
    Ten. Daniel Kaffee: Comandante...
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Può chiamarmi Joanne.
    Ten. Daniel Kaffee: Joanne...
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Oppure Jo.
    Ten. Daniel Kaffee: Jo?
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Sì.
    Ten. Daniel Kaffee: Jo, se parli un' altra volta con un mio cliente senza il mio permesso io ti faccio radiare dall'albo. Amici?
  • Ten. Daniel Kaffee: Domani mattina gli procuro un nuovo avvocato.
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Perché hai tanta paura di fare l'avvocato? Le aspettative del papà erano così soffocanti?!
    Ten. Daniel Kaffee: Oh, ti prego, risparmiami tutte queste psicocazzate sulla figura paterna! Dawson e Downey avranno il loro processo, ma l'avranno con un altro avvocato!
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Un altro avvocato non gli servirà a niente! Hanno bisogno di te. Tu sai come vincere, tu sai che hanno buone ragioni e sai come farle valere, se ti tiri indietro decidi del loro destino.
    Ten. Daniel Kaffee: Il loro destino si è compiuto nel momento in cui Santiago è morto.
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Tu pensi che abbiano buone ragioni?
    Ten. Daniel Kaffee: Tu e Dawson siete incredibili, vivete nello stesso mondo dei sogni! Non ha importanza quello che io penso, importa soltanto quello che posso provare! Perciò, ti prego, non venirmi a dire quello che so e che non so, io conosco la legge!!!
  • Ten. Daniel Kaffee: Downey non era nella sua camera, non era nemmeno in caserma. Questa era un' informazione piuttosto determinante, tu non credi?
    Cap. di corvetta Joanne Galloway: Danny, è stato un incidente, e mi dispiace. Ma lo sistemeremo e procederemo con Markinson.
    Ten. Daniel Kaffee: Markinson è morto. Devo dire che quegli agenti federali sono proprio in gamba, amici... non è che si è impiccato con i lacci delle scarpe o tagliato i polsi con una spatola da burro nascosta nei calzini, questo signore s'è messo in alta uniforme e poi... si è piazzato in mezzo alla stanza, ha estratto una pistola nichelata dalla fondina e si è sparato una pallottola in bocca. E siccome siamo a corto di testimoni ho pensato di farmi una bevutina.
  • Ten. Daniel Kaffee: Tuo padre è fiero di te?
    Tenente Sam Weinberg: Perché vuoi farti del male?
    Ten. Daniel Kaffee: Io scommetto di sì. Io scommetto che rompe le palle a morte a vicini di casa e parenti: "Sam scrive sulla rivista legale! Sta lavorando a una causa molto importante, e ha preparato un' arringa che lascerà la corte a bocca aperta!". Io credo che mio padre sarebbe stato molto contento di vedermi prendere la laurea in giurisprudenza.... sono convinto che gli sarebbe piaciuto molto.
    Tenente Sam Weinberg: Ti ho mai detto che feci una tesina su tuo padre all'università?
    Ten. Daniel Kaffee: Ah sì?
    Tenente Sam Weinberg: E' stato un vero principe del foro.
    Ten. Daniel Kaffee: Sì, è così.
    Tenente Sam Weinberg: E se io fossi Dawson e Downey e potessi scegliere tra te e tuo padre per difendermi in questo processo sceglierei te tutti i giorni feriali e due volte la domenica. Avresti dovuto vederti in aula, a tuonare contro Kendrick.
    Ten. Daniel Kaffee: Tu chiameresti Jessep a deporre?
    Tenente Sam Weinberg: Io no.
    Ten. Daniel Kaffee: Secondo te mio padre l'avrebbe fatto?
    Tenente Sam Weinberg: Con le prove che abbiamo, neanche costretto con la forza. Ma il punto è questo, e non c'è modo di eludere il problema: né Lionel Kaffee né Sam Weinberg sono a capo del collegio di difesa del processo degli Stati Uniti contro Dawson e Downey. Quindi tutto si riduce a una sola domanda: Tu che cosa faresti?

Note[modifica]

  1. In lingua originale: «You can't handle the truth!».Dopo un sondaggio tenuto negli USA nel 2005 dall'American Film Institute, che è andato a comporre l'AFI 100's years... 100 movie quotes, questa citazione è stata inserita al 29° posto nella classifica delle cento battute più celebri della storia del cinema.

Altri progetti[modifica]