Contadino

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Contadini)
Haymaking (W.Homer, 1864)

Citazioni sui contadini.

  • Fare il contadino è sempre stata una mia aspirazione. (Nevio Scala)
  • Gli Stati, le Teocrazie, gli Eserciti organizzati sono naturalmente piú forti del popolo sparso dei contadini: questi devono perciò rassegnarsi ad essere dominati: ma non possono sentire come proprie le glorie e le imprese di quella civiltà, a loro radicalmente nemica. Le sole guerre che tocchino il loro cuore sono quelle che essi hanno combattuto per difendersi contro quella civiltà, contro la Storia, e gli Stati, e la Teocrazia e gli Eserciti. Sono le guerre combattute sotto i loro neri stendardi, senz'ordine militare, senz'arte e senza speranza: guerre infelici e destinate sempre ad essere perdute; ferocie disperate, e incomprensibili agli storici. (Carlo Levi)
  • Il contadino deve rimanere fedele alla terra, dev'essere orgoglioso di essere contadino, fiero di lavorare il suo campo, né cercare altrove una vita più facile perché una vita più facile non esiste. (Benito Mussolini)
  • Il contadino non sarà mai messo sotto accusa se non ottiene un buon raccolto, ma lo sarà certamente se non ha ben coltivato e ben seminato i campi. (Francesco di Sales)
  • Il contadino sopporta tutto il peso della giornata, si espone alla pioggia, al sole, al vento, per preparare col suo lavoro il raccolto che nel tardo autunno riempie i nostri granai. Se c'è un popolo che per questo lo disprezza e non gli accorda la giustizia e la libertà, erigete un alto muro attorno a questo popolo perché il suo respiro maleodorante non appesti l'aria in Europa. (Félicité Robert de Lamennais)
  • Il giorno in cui i contadini saranno educati nel vero, i tiranni e gli schiavi saranno impossibili sulla terra. (Giuseppe Garibaldi)
  • Questa fraternità passiva, questo patire insieme, questa rassegnata, solidale, secolare pazienza è il profondo sentimento comune dei contadini, legame non religioso, ma naturale. Essi non hanno, né possono avere, quella che si usa chiamare coscienza politica, perché sono, in tutti i sensi del termine, pagani, non cittadini: gli dèi dello Stato e della città non possono aver culto fra queste argille, dove regna il lupo e l'antico, nero cinghiale, né alcun muro separa il mondo degli uomini da quello degli animali e degli spiriti, né le fronde degli alberi visibili dalle oscure radici sotterranee. Non possono avere neppure una vera coscienza individuale, dove tutto è legato da influenze reciproche, dove ogni cosa è un potere che agisce insensibilmente, dove non esistono limiti che non siano rotti da un influsso magico. (Carlo Levi)
  • Senza una rivoluzione contadina, non avremo mai una vera rivoluzione italiana, e viceversa. Le due cose si identificano. Il problema meridionale non si risolve dentro lo Stato attuale, né dentro quelli che, senza contraddirlo radicalmente, lo seguiranno. Si risolverà soltanto fuori di essi, se sapremo creare una nuova idea politica e una nuova forma di Stato, che sia anche lo Stato dei contadini; che li liberi dalla loro forzata anarchia e dalla loro necessaria indifferenza. (Carlo Levi)
  • Un contadino è più vero coi suoi abiti di fustagno tra i campi, che quando va a Messa la domenica con una sorta di abito da società. Analogamente ritengo sia errato dare a un quadro di contadini una sorta di superficie liscia e convenzionale. Se un quadro di contadini sa di pancetta, fumo, vapori che si levano dalle patate bollenti – va bene, non è malsano; se una stalla sa di concime – va bene, è giusto che tale sia l'odore di stalla; se un campo sa di grano maturo, patate, guano o concime – va benone, soprattutto per gente di città. (Vincent Van Gogh)

Proverbi toscani[modifica]

  • Al contadino non gli far sapere, quanto sia buono il cacio colle pere.
  • Avaro agricoltor non fu mai ricco.
  • Cento scrivani non guardano un fattore, e cento fattori non guardano un contadino.
  • Chi lavora di settembre, fa bel solco e poco rende.
  • Chi lavora la terra colle vacche, va al mulino colla puledra.
  • Chi lavora la terra colle vacche, va al mulino colle somare.
  • Contadini e montanini, scarpe grosse e cervelli fini.
  • Il buon lavoratore rompe il cattivo annuale.
  • Lavoratore buono, d'un podere ne fa due; cattivo, ne fa un mezzo.
  • Le bestie vecchie muoiono nella stalla de' contadini minchioni.
  • Quando canta l'Assiolo, contadin semina il fagiolo.
  • Quando il grano ricasca, il contadino si rizza.
  • Sa più il papa e un contadino, che il papa solo.
  • Se d'aprile a potar vai, contadino, molt'acqua beverai e poco vino.
  • Tre cose vuole il campo, buon lavoratore, buon seme e buon tempo.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]