Corrado Orrico

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Corrado Orrico (1940 – vivente), allenatore di calcio italiano.

Citazioni di Corrado Orrico[modifica]

  • [Parlando del Milan di Sacchi] Il suo Milan è un assemblaggio di idee altrui. Si ispira a Radice, al calcio olandese, al Brasile ed anche al sottoscritto. Quando allena la primavera della Fiorentina, Arrigo mostra ai giocatori le videocassette della mia Carrarese. Il vero innovatore al Milan è Silvio Berlusconi. Lui sì, rompe gli schemi del calcio. (citato in http://filnax.wordpress.com)
  • Per ingaggiare il sottoscritto bisogna essere o troppo bravi o troppo incoscienti.[1]
  • Seguo la regola di mio nonno: è meglio apparire peggio di quello che si è. Se uno ha un'aria educata e intelligente e poi rivela qualche difetto, tutti restano delusi.[2]

Io ho detto che non comment[modifica]

  • Come calciatore non ero ne bravo, ne facile da gestire, spero di non dover mai allenare uno come me.
  • Seguo la regola di mio nonno: è meglio apparire peggio di quello che si è. Se uno ha un aria educata e intelligente e poi rivela qualche difetto, tutti restano delusi.
  • I duri mi piacciono, i bravi ragazzi vanno bene per farli sposare alle figlie.
  • Ritengo che se una squadra gioca bene, vince. Tutte le storielle sull' importanza di vincere anche giocando male per me non hanno senso.

Note[modifica]

  1. Citato in Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi, Palla lunga e pedalare, Dalai Editore, 1992, p. 33, ISBN 88-8598-826-2.
  2. Citato in Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi, Palla lunga e pedalare, Dalai Editore, 1992, p. 35, ISBN 88-8598-826-2.

Bibliografia[modifica]

  • Bailey Damon – Blaz John, Io ho detto che non comment, editore Un Mondo a Parte, 2005. ISBN 9788889481035

Altri progetti[modifica]