Cristiano Lucarelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Cristiano Lucarelli (1975 – vivente), calciatore italiano.

Citazioni di Cristiano Lucarelli[modifica]

  • [Dopo vari torti arbitrali al Livorno] Ci vogliono rimandare in B per questioni politiche. Ci faranno retrocedere perché la nostra curva è di sinistra. L'anno scorso c'erano quattro tifoserie i cui tifosi esibivano l'immagine di Che Guevara e sono tutte retrocesse. Quest'anno toccherà a noi.[1]
  • [Il giorno dopo lo sfogo per i torti arbitrali] Ho sbagliato a parlare a caldo, dopo aver avuto un malore da stress negli spogliatoi. Mi sono lasciato travolgere dalla delusione e dal bisogno di denunciare gli errori arbitrali per la quinta domenica consecutiva. Il riferimento alla politica è scaturito dall'incapacità di trovare una spiegazione logica ai torti subiti perfino da un arbitro che stimo, come il signor Rossetti. Vorrei tuttavia precisare che ho accennato solo a timori, altrimenti avrei smesso di giocare da tempo. Amo il mio mestiere e non vorrei che il mio sfogo da tifoso potesse costituire un alibi per scatenare episodi di violenza o antisportività. Sono pronto a ripartire con piena fiducia nelle istituzioni che regolano il nostro mondo.[2]
  • Sono cresciuto nel mito di Van Basten, e questo Ibrahimović lo ricorda moltissimo. Parlo di valore assoluto: l'olandese era forse più cinico in zona gol, ma per genialità Ibra non ha eguali, è più spettacolare di Van Basten. Lo vedi altissimo e pensi: "È il classico bestione dai piedi di marmo". E invece fa cose da fenomeno. Fa numeri talmente pazzeschi che ho l'impressione di trovarmi di fronte a un uomo geneticamente modificato.[3]
  • [Durante la presentazione] Sono qui, perché mi sento un po' napoletano, sono passionale come i miei nuovi tifosi. Napoli meritava che l'aspettassi, per come sono io caratterialmente, altrove non mi sarei comportato nella stessa maniera. Volevo provare delle sensazioni diverse che da altre parti non ho sentito.[4]

Tenetevi il miliardo[modifica]

  • [Riferito ai soldi che si è tolto per venire a Livorno] Una spesa per me, un regalo. Ci sono giocatori che si fanno la Ferrari, lo yacht. Ecco io con questi soldi mi ci sono comprato la maglia del Livorno. Tutto lì. (p. 180)

Citazioni su Cristiano Lucarelli[modifica]

  • Penso che Cristiano mi ha dato l'opportunità di vedere il calcio in un modo diverso. Se si ha un ideale lo si può mettere davanti a tutto rischiando sulla propria pelle. Anche nel nostro mondo. Quando non ci daranno più soldi per far rotolare un pallone, inizieremo una nuova vita. Dovremo porci domande, cercare gli aspetti positivi, abbandonare la superficialità e provare ad aggrapparci a qualche valore. Cristiano ha mostrato di averne. Io ho solo cominciato a domandarmelo. È già qualcosa. Un po' lo invidio. Potrebbe smettere di giocare anche oggi: sarebbe pronto ad affrontare la vita. Io mica lo so. (Alessandro Doga)

Note[modifica]

  1. Citato in Daniele Dallera, Lucarelli la butta sul politico «Penalizzati perché di sinistra» Galliani: «Ora si deve scusare», Corriere della Sera, 4 ottobre 2004.
  2. Citato in Luca Valdisseri, Contrordine, compagni: «Ho sbagliato a parlare a caldo» dice Lucarelli, Corriere della Sera, 5 ottobre 2004.
  3. Citato in Mirko Graziano, Lucarelli accetta la corte dell'Inter: «È il momento di fare il grande salto», Gazzetta dello Sport, 4 marzo 2007.
  4. Citato in Mimmo Malfitano, «Lucarelli, un premio se segni più di Toni», Gazzetta dello Sport, 24 agosto 2010.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]