Discussione:Charles Bukowski

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

la frase sull'anima, se ne resta ancora o no, quellà lì, è sua. non ricordo il libro, ma deve essere uno tra musica per organi caldi, storie di ordinaria follia, post office, compagno di sbronze, birra, fagioli, crackers e sigarette, urla dal balcone, hollywood, hollywood! oppure l'intervista alla pivano che sono quelli che ho letto suoi. non posso ricordarmi di preciso a quale libro appartiene, ma è inutile che continuiate a scrivere da controllare. è sua. l'altra, quella delle facce, pure è sua, allo stesso modo non riesco a ricordare il libro e soprattutto gli ho dato un'aggiustata, cioè ci ho aggiunto un punto senza il quale non si capiva niente. ok ok. sono sue. forse quella delle facce era meglio che non la levavo la voce "da controllar", cmq più o meno è così. l'altra è proprio così, spiccicata, sicuro. sai, certe frasi s'imparano a memoria e quella è una di quelle. ok ok. basta così.

Capisco. Però, nonostante la perentorietà dell'avviso rosso, apponendolo si vuole soltanto dire che bisogna citare le fonti di tutto il materiale che s'inserisce; lo so che quello già presente non rispetta questa norma, ma stiamo appunto cercando di migliorare la qualità della raccolta. --Nemo 23:26, 2 gen 2007 (UT)

La frase sull'anima si trova nel libro "compagno di sbronze" nel racconto"un dollaro e venti centesimi"

Grazie. Puoi modificare tu stesso le voci. :-) Nemo 20:33, 19 apr 2007 (UTC)

E' facile confondere i libri di Bukowski, sono tutti molto simili tra loro. Poi c' è il fatto che in alcuni racconti fa riferimento ad altri episodi già descritti in altri libri. Io considero i libri di Bukowski una grande opera unica. Si potrebbero unire tutti insieme per avere un grandissimo trattato sulla vita, sul marcio del genere umano ecc.... Lui, comunque, era una persona sana fondamentalmente. Questo è quello che ho capito dai suoi libri.

L' unico libro che non mi è piaciuto per niente è stato "Pulp".

.enrico.

Se questa è una risposta sulla questione delle fonti, non posso che far notare che non bisognerebbe citare a memoria, e che se non lo si fa non si pone il problema di ricordare il titolo. Nemo 22:25, 18 ott 2007 (CEST)


Ho aggiunto la fonte di "si tirò su la gonna e accavallò le gambe [...]", spero basti citare il titolo del libro! Morgue 21:10, 15 nov 2007 (CEST)

No, non basta. Citazioni tratte da opere protette dal diritto d'autore devono essere sempre accompagnate dalla menzione del titolo dell'opera, dei nomi dell'autore, dell'editore e, se si tratti di traduzione, del traduttore, qualora tali indicazioni figurino sull'opera. DD 12:16, 16 nov 2007 (CET)
Qualche indicazione bibliografica supplementare è sempre gradita, però ad esempio in questo caso sono in commercio almeno due traduzioni diverse, e perciò è davvero indispensabile indicare a quale si è attinto. Controlla che abbia messo quella giusta. Nemo 10:31, 18 nov 2007 (CET)

Informazioni bibliografiche mancanti[modifica]

Ho creato questa sezione non standard per ovviare alla mancanza di informazione bibliografiche. In pratica, queste citazioni vanno controllate e verificate, con indicazione di traduttore ed editore. Di molte citazioni io stesso conosco la fonte, ma non ho un'edizione. Tutte le altre sono a posto, ho fatto questo proprio per evitare mescolamenti e di riempiere di "cose rosse" la voce. --DD 19:29, 18 feb 2008 (CET)

Bene. È l'unica cosa da fare in casi simili. E la situazione si ripresenta in così tante voci che si potrebbe pensare a una standardizzazione--Gacio dimmi 23:54, 20 feb 2008 (CET)
Sì, sono d'accordo. --DD 12:17, 21 feb 2008 (CET)
Non ho capito. Mi sembra che ad esempio di Shakespeare non l'ha mai fatto esista solo la traduzione di Luigi Schenoni (sempre Feltrinelli): in che modo l'indicazione bibliografica attuale può essere fraintesa? Si tratta solo di completare la bibliografia. Anche di Donne esistono varie edizioni (TEA, SugarCO, CDE, Euroclub, Guanda), ma la traduttrice è sempre Marisa Caramella, perciò basta citare lei e la prima edizione (SugarCo, 1978). Nemo 02:34, 24 feb 2008 (CET)
Questo io non lo so, e se è così, tanto meglio. Ciò che mi preme, principalmente, è verificare ed eventualmente correggere le citazioni. Di errori, io ne ho trovati a bizzeffe. --DD 11:58, 24 feb 2008 (CET)
Anche nelle citazioni con una regolare fonte? Ovviamente può succedere, a prescindere dalla precisione delle indicazioni bibliografiche; si vede che chi ha inserito queste citazioni è particolarmente disattento. Ma allora sarà meglio mettere un argomento appropriato al "da controllare". Non si può invece generalizzare la regola che ogni citazione senza una fonte precisa va controllata in cerca di errori; anche perché altrimenti dovremmo dire che ogni citazione va controllata, perché a tutti possono sfuggire errori. Invece a noi importa che la citazione sia controllabile, da parte nostra e da parte dei lettori: la fonte non è in nessun caso garanzia di precisione. Nemo 12:31, 1 mar 2008 (CET)

Per Post Office, l'edizione a cui ci si riferisce è quella edita da Tea Libri, che però non riporta alcun nome per chi l'ha tradotto. Il precedente commento non firmato è stato inserito da 78.13.135.118 (discussioni · contributi), in data 13:32, 19 nov 2009.

Sei sicuro? O_o Sarebbe un'infrazione dei diritto morali del traduttore, il quale dubito che possa essere morto da settant'anni. --Nemo 02:19, 24 lug 2010 (CEST)
Sì, sì, è davvero così, anche per Pulp, Panino al prosciutto, Factotum e altri. Ho preso i libri dalla biblioteca io stesso. Vedete il commento? --DOPPIA•DI 10:16, 24 lug 2010 (CEST)

Senza fonte[modifica]

  • L'individuo equilibrato è un pazzo. (da Hollywood, Hollywood!) Fonte da verificare Fonte da verificare
  • La donna non è niente più che alcune parole scritte da un ragazzino in un cesso pubblico.
  • Parlare di morte è come parlare di denaro – noi non sappiamo né il prezzo né il valore.
  • Pensate a tutti i milioni di persone che vivono insieme anche se non gli piace, odiano il lavoro ma hanno paura di perderlo, non c'è da meravigliarsi se hanno la faccia che hanno. (da Shakespeare non l'ha mai fatto) Fonte da verificare Fonte da verificare
  • Scrivere poesie non è difficile; è difficile viverle.
  • Se mai dovessi parlare di amore e di stelle... uccidetemi. (da Shakespeare non l'ha mai fatto) Fonte da verificare Fonte da verificare
  • Ti aspetti di trovare poesia in una rivista di poesia? Le cose non sono così semplici.

Informazioni bibliografiche mancanti[modifica]

 Se possiedi un'edizione delle seguenti opere citate, verifica la citazione e inserisci le informazioni bibliografiche mancanti, grazie. Se possiedi un'edizione delle seguenti opere citate, verifica la citazione e inserisci le informazioni bibliografiche mancanti, grazie.

  • I soldi sono una cosa seria. Qualcuno è convinto persino che parlino. (da Barfly)
  • Il matrimonio, Dio, i figli, i parenti e il lavoro. Non ti rendi conto che qualsiasi idiota può vivere così e che la maggior parte lo fa? (da Barfly)
  • Un uomo o è un artista o una mezzasega, e non deve rispondere a nient'altro, direi, se non alla propria energia creativa. (da Urla dal balcone)
  • Quando la verità di qualcuno è la tua stessa verità, e lui sembra dirla solo per te, è una cosa fantastica. (da Panino al prosciutto)
  • Non valeva la pena di aver fiducia negli esseri umani. Qualunque cosa fosse, a dar fiducia, gli esseri umani non ce l'avevano. (da Panino al prosciutto)