Discussione:Filastrocche salentine

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.


Senza fonte[modifica]

  • A caddhrina zoppa, zoppa, / quante pinne porta a nocca, / e ne porta vintiquattru, / unu, doi, trete e quattru.
La gallina zoppa quante / penne porta a fiocco / e ne porta ventiquattro, / uno, due, tre e quattro.
  • A neddhra, neddhra, neddhra, / a mamma è brutta, / a fija è beddhra.
Nedda, nedda, nedda, / la mamma è brutta / la figlia è bella.
  • Arri, arri, cavallucciu, / sciamu a Lecce llu papà, / ne ccattamu nu bellu ciucciu / Arri, arri, cavallucciu.
Corri, corri, cavalluccio, / andiamo a Lecce da papà / ci compriamo un bell'asinello corri, / corri, cavalluccio.
  • Bona sera e bonanotte, / e le fave nu su cotte, / e li ciciri su squajati, / bona sera, mesciu Pati.
Buona sera e buona notte / e le fave non son cotte / ed i ceci son stracotti / buona sera maestro Pati.
  • Bona sera signurina, / pe lla fame se camina, / ci me tai na fisellina, / bona sera, signurina.
Buona sera signorina, / per la fame si cammina / se mi dai una frisellina / buonasera signorina.
  • Ci la mamma lu sapìa, / tutta a niuru se mintìa, / ca lu vagnone sta suffrìa, / pé llu dente ca nascìa.
Se la mamma lo sapesse, / si vestirebbe tutta di nero, / per il bambino che soffriva, / per il dente che spuntava.
  • Criasilla, criasilla, / conzu u pane e conzu a villa / ca sta bbene nostro Signore, / ca è chiamatu lu Redentore.
  • E nina, nina, nina, / comu lu piji lu munnu va, / e lu piji a futtipupe, / a futtipupe se ne va.
E nina, nina, nina, / come lo prendi il mondo va / e lo prendi a presa in giro, / a presa in giro se ne va.
  • jessi soli jessi soli, ca mammata ti voli con tre cavaddi d'oro e unu d 'argentu ca vali cinquecentu; cinque e cinquanta la iaddina canta, canta sola sola, nu voli scè alla scola, la iaddina nera ti da la buona sera, buona sera e buona notte e lu lupi bussa alla porta. La porta cadi giù e lu lupi nun ci sta chiù. È sciiti sulla montagna ha cercati la castagna, la castagna è tutta mia buonanotte alla compagnia.

gira, gira a ntunnu cavaddhu piritunnu cavaddhu d'argentu, ca costa cinquecentu centu cinquanta la caddhina canta e canta sula sola nu bole cu bane a scola, la caddhina janca e nìvara te da la bonasira, bonasira e bona notte, lu lupu a rretu a le porte la porta cade giu e lu lupu nu nc'è cchiu. Se n'è fusciutu su la muntagna cu cerca la castagna la castegna è tutta mia e bonasera a la cumpagnia.

  • Lemme lemme l'arrutinu / cia spingennu lu trainu / ogne tantu se fermava / muuuulaforbici!!! retava / l'arrotinu era speciale / cu na rota e nu petale / ogne tantu se fermava / muuuuulaforbici!! retava / e reutava lu destinu / su ddhra rota de trainu.
  • Lu sonnu, beddhru meu, / era vinùtu, / truvàu la porta chiusa, / e se n'è sciùtu.
Il sonno, bimbo mio, / era venuto, / trovò la porta chiusa / e se n'è andato.
  • Nc'era na fiata / na muscia unchiata / ca se bbinchiau te semolata / rotula rotula la pignata / uei te la cuntu n'autra fiata?
C'era una volta / una gatta gonfiata / si abbuffò di semolino / rotola rotola nella pignatta / vuoi che te la racconti un'altra volta?
  • Ninna, nanna, ninna, nanna, / centu tuccatine / daje la mamma, / e centu ne daje la zia, / cu sse ccatta la masseria.
Ninna, nanna, ninna, nanna, / cento toccatine dà la mamma / e cento ne dà la zia / per comprare la masseria.
  • Oi ninna nanna / o nanna ca nu véne, / quale signùra / intra a camera te téne, / Oi ninna nanna / o nanna ca nu vìnne, / quale signùra / intra a camera te tìnne.
O ninna nanna, / o sonno che non viene, / quale signora / nella sua camera lo tiene, / o ninna nanna, / o sonno che non venne /quale signora / nella sua camera lo tenne.
  • Pìngula, pìngula, barbarìa, / vi ce dice la mescia mia, / la mescia mia, la Pignatara, / vi ce dice la cucchiara, / la cucchiara netta netta, / vi ce dice la trummetta, / la trummetta tuu, tuu, / essi fori, ca tocca a tu.
pingula, pingula, barbaria, / vedi che dice la mia maestra, / la mia maestra, la Pignatara, / vedi che dice il cucchiaio, / il cucchiaio pulisce pulisce, / vedi che dice la trombetta, / la trombetta che fa tuu, tuu, / esci fuori perché tocca a te.
  • Pinguli pinguli giovacchinu / quannu cammini no ntuppi 'nterra / e si quantu nu puliscinu / pinguli pinguli giovacchinu.
  • Piuli Piuli, sott'a mare / li curciuli de papa Tia, / ppù cci disse mesciu Pia, / mesciu Pia lu pignataru, / ppù cci disse lu scuparu, / lu scuparu nnetta nnetta, / pù cci disse la paletta, / la paletta cui cui, / essi fore ca tocca a nui.

Petipitugna la mamma de giugna la bella preghiera comanda Maria cotta pilla catinella tira su qual è più bella.

  • Quannu canta la cicala, / fuci, fuci, alla culummara, / quannu canta lu cicalune, / fuci, fuci, allu cippune.
Quando canta la cicala, / corri, corri nel ficheto, / quando canta il cicalone / corri, corri nel vigneto.
  • Quannu passa Bbifania / tutte e feste porta via, / poi se ngira Santu Pati: / "E mie pé ci me lassati?". / Ne rispunne a Cannilora: / "Nci su ieu ncora!"; / poi se ngira l'Acateddhra: / "Nci su ieu ca su a cchiu beddhra!".
Quando passa Epifania / tutte le feste porta via, / poi si gira San Pati: / "e a me che lasciate?" / risponde la Candeloraa: / "ci sono io ancora" / poi si gira l'Agatella: / "ci sono io la più bella."
  • Santa Barbara nu durmiri / cà du nuvoli vidu viniri, / una di acqua, una di viento. / Fai calmare stò maletiempo.
  • Spingulecchie ti San Bambiscu / timme timme ci ti l'ha dittu / mi l'ha ditta propriu te. / Una, toi e ttre / jessi fore / ca tocca a tte.
  • Sta chioe, sta chioe, / la muscia face l'oe / le face a mienzu la chiazza / passa lu iaddhru e le scrafazza.
Sta piovendo, sta piovendo, / la gatta fa le uova / le fa in mezzo alla piazza / passa il gallo e le schiaccia.
  • Sta chioe, sta chioe / la muscia face l'oe / le face tunne tunne / sutta all'arviru te cutugne / le face belle belle / sutta all'arviru te prumelle.
Sta piovendo, sta piovendo, / la gatta fa le uova / le fa rotonde rotonde / sotto l'albero di cotogne / le fa belle belle / sotto l'albero di prugne.
  • Sta chioe, sta chioe / la muscia face l'oe / lu tata si 'marìta / cu la coppula ti sita.
  • Tanìa li fanucchi a lu sciardinu comu capu de criature su sciutu cu li ccoju stammane mrpimu e nun'aggiu truvatu mancu unu.

Possibile fonte[modifica]

interessante il lavoro dell'architetto Pino de Nuzzo, qui dichiara lo scopo del suo progetto di ricerca: http://www.pinodenuzzo.com/pillole/presentazione.htm --2.32.117.186 02:27, 29 giu 2011 (CEST)

non accettata, v. discussione. --Superchilum(scrivimi) 10:56, 15 mar 2014 (CET)