Discussione:Giovanni Cotta

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

La citazione al momento è senza fonte, ma non abbiamo praticamente nulla di Cotta, quindi non dovrebbe essere difficile verificarne la correttezza. I suoi 15 carmi si trovano qui e a un'occhiata veloce non ho trovato questo passaggio (sono piuttosto convenzionali e adesso non ho voglia di leggerli); resterebbe comunque da citare il traduttore, ma l'unica traduzione pubblicata sembra essere questa, a meno che in questa edizione Andrea Navagero sia il traduttore. Verificherò a gennaio, tanto per fortuna sono entrambi a portata di mano. --Nemo 12:03, 28 dic 2009 (CET)

L'originale in latino è qui, il terzo carme. --DOPPIA•DI 20:25, 28 dic 2009 (CET)
Hmm, sembra che non ci sia accordo nemmeno sulla numerazione (come al solito, del resto). --Nemo 20:52, 29 dic 2009 (CET)
Anche se la fonte del sito è l'edizione RES del 1991, il testo sembra essere lo stesso fin nella punteggiatura, quindi suppongo che tale edizione si sia a sua volta basata su quella del 1954; non so se la traduzione sia diversa, comunque ho messo quella del 1954 perché almeno fino a gennaio non posso accedere all'altra. L'unica cosa a cui stare attenti è che l'Epitaphium Quinterii in realtà non è di Cotta.
Tornando alla nostra voce, il carme su Verona è la solita citazione campanilistica che rischia di essere contraria a WQ:PVN e WQ:NRO, tuttavia l'ho lasciata per poter anche aggiungere il commento del curatore che ne conferma l'inutilità; d'altro canto il fatto che sia stato ritenuto necessario specificarlo significa probabilmente che i veronesi hanno dato molto risalto a tale carme, quindi citarlo non è ricerca originale. Dato che secondo il curatore Licori è il cuore del canzoniere ho aggiunto una citazione da uno di questi carmi, ma in realtà c'è ben poco di citabile in queste poesie (bisognerebbe riportare sempre il testo completo, non ci sono punti di per sé molto brillanti). --Nemo 23:54, 30 dic 2009 (CET)