Discussione:Modi di dire siciliani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.


I contenuti[modifica]

I contenuti della Discussione di questa voce, antecedenti il 2 ottobre 2007, si trovano nella Discussione della voce disambigua Modi di dire.--Carlosavio 15:36, 2 ott 2007 (CEST)

@ Assassin's Creed. Come sarebbe a dire "senza senso"? Osservavo il mio stupore davanti a una parola inesistente nella lingua siciliana (o "dialetto meridionale estremo", secondo alcuni): miggliu. Tale parola (forse "meglio"?) appare anche di difficile pronunzia, vista la doppia centrale seguita dalla elle, un rafforzativo inesistente nel carattere generale della lingua come si può ben leggere nel Pitré in merito. Il termine "meglio" suona - a seconda dell'areale - "megghiu" o "migghiu" (es. "megghiu accussì"; l'espressione "migghiu" appare soprattutto nelle aree influenzate dal provenzale - ennese, parte del nisseno - e nel ragusano, dove la e chiusa sovente diviene più adiacente ad una i), acquisendo una sonorità che - se ben ricordo, ma non me ne vogliano i glottologi - dovrebbe essere di derivazione spagnola. Il dittongo "gl" inoltre appare decisamente fuori luogo nella lingua siciliana. Se poi si tratti di una sorta di sicilianizzazione dell'italiano, be', si rasenterebbe il ridicolo e l'offensivo per una lingua che ha un suo corpo di regole nonostante l'abuso ("ab-uso", al di sopra dell'uso) compiuto dalle nuove generazioni, evidentemente "spratichi" del siciliano.--87.16.101.253 09:41, 25 dic 2013 (CET)
Grazie delle delucidazioni, adesso sappiamo cosa è stato giustamente cancellato.
--DonatoD (scrivimi) 21:53, 25 dic 2013 (CET)

Senza fonte[modifica]

A[modifica]

  • A iaddina fa l'ovu e ô iaddu c'abbampa u culu
La gallina fa l'uovo e al gallo gli brucia il deretano
Si lamenta quello che ha meno da lamentarsi.
  • A ligna senza corda
A [fare] legna senza corda.
Tentare di far qualcosa senza possedere i mezzi necessari (esperienza o strumenti).
  • A tri parmi di lu me culu, chi voli fari fà.
A tre palmi dal mio culo, faccia quel che vuole.
  • Acqua davanzi e ventu d'arreri sapuni moddu 'nte punte di peri
Acqua avanti e vento alle spalle in più sapone molle sott' i piedi
Fare ponti d'oro a chi si vuol mandare via o anche augurare fortuna a chi parte.
  • All'acqua cu lu panaru.
All'acqua col paniere di vimini.
Fare lavoro inutile.
  • All'acqua cu lu crivu.
All'acqua col setaccio.
Fare cosa inutile
  • All'acqua senza a quartara.
All'acqua senza la brocca.
Fare lavoro inutile.
  • Ammaccari fumu
Schiacciare fumo
Espressione nissena per dire, far nulla, essere fannullone.
  • Ammùcciari 'u suli ccu crivu.
Nascondere il sole col setaccio
Tentativo patetico di nascondere ciò che non si può. (Catos)
  • Arragghia troia ca a mia m'annoià.
Grufola pure scrofa perché tanto mi sono stufato di te.
  • Austu capu r'invennu.
Agosto inizio d'inverno
Detto per le condizioni meteorologiche molto variabili di tale mese.
  • Agustu rigustu è capu d'immirnu!
Detto nisseno riferito alla variabilità climatica del mese di agosto e quindi come inizio dell'inverno.
  • Avi a dari picciuli a Diu e a tuttu u' munnu.
Deve dare soldi a Dio e a tutto il mondo.
Persona piena di debiti.
  • Ammuccia ammuccia ca tuttu pari
Più nascondi più appare chiaro
  • Accucchia bruodu
Nulla facente
  • A megghia parola è chidda ca nun si dici
La migliore parola è quella che non viene pronunciata
  • 'A pallari quannu 'u jaddu fa l'ovu'
potrai parlare quando il gallo farà l'uovo (mai) (dicesi a chi parla sempre a sproposito)
  • 'Attaccu u sceccu unni dici u patruni'
Io lego l'asino dove comanda il padrone (dell'asino ndr)
Detto per giustificare un'azione richiesta, ordinata, non di propria iniziativa.

C[modifica]

  • Cu nasci tunnu 'n po mòriri quatratu
Chi nasce tondo non può morire quadrato
Chi nasce in un modo non può cambiare all'improvviso.
  • Cù lassa a vecchia pà nova mali si trova!
Chi lascia il vecchio per il nuovo si trova male (Nissa)
  • Cù lassa a via vecchia pi chidda nova sapi chiddu ca lassa ma un sapi chiddu ca trova
Chi lascia la via vecchia per quella nuova sa quello che lascia ma non sa quello che trova
Chi cambia sa quello a cui rinuncia ma non sa quello a cui va incontro.
  • Càlati iuncu ca passa a china.
Inchinati giunco che passa la piena del torrente.
  • Chiamaiu l'orbu pi dàrimi aiutu, rapìi l'occhi e mi fici scantari.
Ho chiesto al cieco un aiuto, ma aprendo gli occhi mi ha spaventato.
Invito a non chiedere aiuto ad incompetenti.
  • Cu lu parmu e la gnutticatura.
Rendere con gli interessi.
  • Chista è a casa d'û patri di Francia, u primu c'arriva si 'ssetta e mancia.
Questa è la casa di padre [Annibale Maria] di Francia, il primo che arriva si siede e mangia.
Detto di beni a disposizione di tutti.
  • Cu avi chiù codda attacca (opp: tira) u poccu.
Chi ha più corda attacca il maiale.
Chi è più caparbio o coraggioso l'avrà vinta.
  • Cu avi chiù sali cunza a minestra.
Chi ha più sale condisce la minestra.
Chi è più saggio realizza.
  • Cu si cucca chi picciriddi brisci cacatu.
Chi va a dormire con i bambini si risveglia cacato.
Invito a scegliere bene le proprie compagnie.
  • Curta la cigna longa la cudera l'omu quannu iè minchia pari all'ura.
Quando l'uomo lapalissianamente esprime la propria cretinaggine.
  • Cà è comu u funti a matrici cu arriva appuzza.
è come il fonte dell'acqua santa della chiesa Madre chiunque ne usufruisce
  • Chi nicch(i)enacchi
che c'entra.
  • Cu avi un parrinu a casa avi un porcu appinnutu.
ricco chi ha paranti preti
  • Conza la vesta e scia la pezza
non concludere nulla
  • Ci dissi u surici a nuci (var: "Dissi l'acqua a petra"): dammi tempu ca ti pierciu
Il topo disse alla noce: dammi tempo che prima o poi riuscirò a perforarti
  • Cu' avi cchiu' avi arsu

Chi ha di più ha solo un asso

Espressione nissena con cui si vuol indicare che determinate persone non valgono tanto
  • È chiù cunnutu iddu ri 'na pignata ri vaccareddi.
È più cornuto lui di una pentola di lumache

F[modifica]

  • Fa chiù dannu 'n cretinu ca nu porcu 'nto jardinu
Fa più danno un cretino che un porco nel giardino.
  • Facisti trenta e dui vintotto
Espressione nissena utilizzata per dire "hai fatto tanto fino ad ora non ti confondere per poco".
  • Fa mali e pensaci, fa beni e scurdatillu!
Fai del male alle persone e pensaci, fai del bene e scordatelo!
Espressione nissena per dire che se qualcuno farà del bene non sarà apprezzato, mentre se farà del male lo ricorderanno sempre tutti.
non sa di nulla.
Detto di chi si ostina a fare qualcosa senza speranza di riuscirci.
  • Falla como vuoi sempre cucuzza è.
Comunque la cucini, la zucca resta sempre zucca.
  • Futti futti ca Diu pirduna a tutti.
fotti fotti che Dio perdona tutti
  • Fa bene ei porci e limosina ei parrini
Fai del bene ai maiali e l'elemosina ai preti.
  • Fai chiddu ca dicu e nun fari chiddu ca fazzu
Fai ciò che io ti dico, ma non fare ciò che faccio io.

G[modifica]

  • jetta a petra e ammuccia a manu.
Getta la pietra e nasconde la mano.

I[modifica]

  • "I quattru da maiddra, amara a cù s'arrimina"
Questo modo di dire veniva utilizzato nei contesti mafiosi, voleva affermare l'impossibilità da parte dei componenti del gruppo di fare cose che andassero contro la stessa organizzazione e la punizione amara che spettava a chi non avesse rispettato tale divieto. Letteralmente la "maiddra" è il pianale di legno dove una volta veniva impastato il pane.
  • I fimmini o sù buttani o hannu l'ali!! Ma ni vidistivu mai fimmini cà volano??
Le femmine o sono buttane o hanno le ali!! Ma ne avete mai viste femmine che volano??
  • Isti pì futtiri e fusti futtutu.
Sei andato per fregare e sei stato fregato

M[modifica]

  • Megghiu cummannari ca futtiri
È meglio governare che prendersi gioco degli altri'
"futtiri" significa anche "far sesso" per cui un signifcato analogo è: Comandare è ancor più bello del sesso'
  • Megghiu diri cchi sacciu cà cchi sapiva
Detto siciliano equivalente a dire che è meglio un rimorso che un rimpianto.
  • Megghiu u tintu pruvatu cà u miggliu a pruvari!
È meglio tenersi la persona cattiva conosciuta e fidata che quella migliore ma mai conosciuta
  • Megghiu sulu cà malu ccumpagnatu
Meglio solo che male accompagnato
  • Mittiri l'acqua intra e u' cuntaturi fora
Mettere l'acqua dentro casa e il contatore fuori
Detto usato per indicare a qualcuno che ha fatto qualcosa in modo sconsiderato e che ne avrà delle conseguenze

N[modifica]

  • Nuttata persa e figghia fìmmina.
La nottata è persa e, per giunta, è nata una femmina. (come per dire: oltre al danno la beffa!)
  • Nuddu 'mmiscatu ccu nenti.
Nulla mescolato con niente
Dicesi di persona o fatto che non ha rilevanza alcuna.

O[modifica]

  • Ogghiu fitusu e paredda spunnata.
Olio puzzolente e padella bucata.
Si dice di due persone che stanno insieme e non sanno fare niente.
  • Ognunu sapi quantu l'avi.
Ognuno sa quanto ce l'ha.
Espressione per dire che ognuno sa quello che ha e quanto conta.

P[modifica]

  • Piglia muru muru e ta fà ficcari n'culu!!
Espressione utilizzata per invitare qualcuno ad allontanarsi.
  • Parra cu parra o parrinu, pariemu parrini ca parranu
Parla chi parla al prete, sembriamo preti che parlano.
  • Parrami soggira e sentimi nora
Parlami suocera e ascoltami nuora

Si dice quando si parla a molte persone ma in realtà se ne accusa solo una (nuora).

  • Pasta modda e furnu lentu
Pasta molle e forno lento

Ha lo stesso significato di pani duru e cuteddru ca un tagghia

Q[modifica]

  • Quannu a Santa Chiara arrubbàru, ci misiru i grati
Dopo che hanno rubato Santa Chiara, hanno messo le porte di ferro.
variante:
  • Doppu ca a Sant'Aita s'ârrubbàru, cci mìsiru 'i porti di ferru.
Dopo l'accaduto irreparabile, si è corso ai ripari... ormai inutili. (Catos)

S[modifica]

  • Si un pirocchiu arrinisciùtu.
Sei un pidocchio riuscito.
Si dice a uno che non vale nulla e si da delle arie.
  • Si ddui si vonnu, centu un ci ponnu.
Se due si vogliono (si amano), cento non possono opporsi.
  • Scrusciu di carta e cubaida nenti
Tutto fumo e niente arrosto
  • Sunnu u sicchio e a coirda.
Sono il secchio e la corda.
Detto di due persone che stanno sempre insieme.
  • Si cosa pi i liuna.
Sei una persona che sarebbe da dare in pasto ai leoni.
  • Supra a vaddara i cravunchia.
Sopra l'ernia, i foruncoli
piove sul bagnato

T[modifica]

  • Tri gunnelli, du gunnelli avìa: una vecchia e l'atra u'nsirbìa
Tre gonne, due gonne aveva: una vecchia e l'altra inutilizzabile"
  • Tantu siccu tantu saccu
Tanto secco tanto sacco
Espressione nissena per dire: ci sono volte in cui non si ha niente e volte in cui si ha troppo
  • Testa ca' un' parla si chiama cucuzza'
Testa che non parla si dice zucca
Espressione nissena per dire che una persona che non dice quello che deve o non si fa valere è stupida
  • Tutti cacarunu e ficero a idda.'
Tutti defecarono e fecero a lei
Espressione detta per indicare una persona che si da delle arie

U[modifica]

  • "Unzi, dunzi, trinzi, cari, carinzi, gniffi, gnaffi, cunta, cà deci, sù!!"
Filastrocca utilizzata nel nisseno dai bambini di una volta per fare la conta
  • U surci dissi a'noci: "Dammi tempu ca ti perciu"!
Il topo disse alla noce: "Col tempo arriverò ad aprirti"!
Espressione utilizzata per dire che col tempo si arriva all'obbiettivo.
  • U surci dici o scravagghio: "Nuddru s'arricchisci co so travagghiu!!"
Tipico detto siciliano per dire che difficilmente si ci arricchisce senza un aiuto (disinteressato).
  • U culu chinu jetta cauci
Il deretano pieno tira calci.
Si dice di chi è viziato.
  • U immurutu a mezz'a via u so immu 'n su talìa.
Il gobbo, mentre cammina, non guarda la sua gobba.
Detto di chi guarda i difetti degli altri piuttosto che i propri.
  • U sceccu 'nto linzolu
L'asino nel lenzuolo.
Detto di chi fa l'ingenuo
  • Unni chiovi ci sciddica
Dove piove gli scivola (l'acqua).
Detto di una persona strafottente.
  • Unni va lu sceccu va la cuda.
Dove va l'asino va la coda.
Si dice di due persone che vanno sempre insieme.
  • Unu chi caca, centu ch'a tengunu
Per una persona che evacua ce ne vogliono cento per tenerla.
  • U voi ci dici o sceccu curnutu
il bue dice cornuto all'asino

V[modifica]

  • Vâ scucchia l'apuna!
Vai a separare i calabroni
Espressione nissena per invitare qualcuno ad andare a fare qualcosa di diverso da quello che sta facendo.
  • Va' a scucchiàri pùddiri.
Vai a separare le farfalle che si accoppiano.
Fare cosa eminentemente inutile.
  • Va' a dàricci 'a meta e' trùnza.
Vai a dare il prezzo ai torsoli di verdura.
Sarcastico invito a sloggiare.
  • Vâ cunta i cantari o' spitali
Vai a contare quanti cessi ci sono all'ospedale.
Se non hai nulla da fare, vai a farlo altrove.
  • Vâ stricati i cuerna muro muro
Vai a strofinare le tue corna contro il muro.
Per favore non disturbare, cornuto.
  • Và sucati un prunu
Vai a succhiarti una prugna.
Sei invitato ad andare a quel paese.
  • Va fatti rari un puocu d'addimuru
Vai a farti dare un po' di perditempo (per liberarsi dei bambini temporaneamente).
  • Vo la vutti china e la mugghieri 'mmriaca
Tu vuoi la botte piena e la moglie ubriaca (pretendere troppo)
  • Voli la vutti china, la mugghieri 'mbriaca e i picciriddi cuntenti
Lei vuole la botte piena, la moglie ubriaca e i bambini contenti.