Discussione:Proverbi napoletani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Nei prossimi giorni aggiungerò circa 300 proverbi e modi di dire napoletani presi dal calendario 2000 di Napolimania (www.napolimania.com), che non rivendica copyright.

Non c'è nessuno che si occupa della supervisione di questa pagina? Spesso trovo che l'ordine alfabetico viene alterato...

Sicuro di non essere tu in errore??? Visita Aiuto:Ordine alfabetico. Grazie. --DoppiaTemi le mie pagine!Di 20:14, 19 Mar 2006 (UTC)

Ho finito di separare i proverbi napoletani dai modi di dire. Per evitare che altri facciano aggiunte non pertinenti questa pagina ci ho aggiunto una nota in neretto, ma penso che debba essere riscritta per rendere la pagina conforme allo standard.

Traduzione e/o commento[modifica]

Chi legge un proverbio in un dialetto (od in una lingua) che non conosce, è interessato al come il concetto è stato espresso in metafora più che al proverbio stesso. Spesso le metafore sono riferite al contesto culturale del popolo che parla quella lingua o quel dialetto, ed è questo l'interesse del lettore! Molti proverbi hanno il loro equivalente nella lingua italiana, perciò la interpretazione interessa poco. Si impone quindi sempre la traduzione letterale "in primis". Le spiegazioni poi sarebbero da evitare (salvo naturalmente casi di particolare ermeticità del messaggio) poichè presuppongono che il lettore sia un po' sprovveduto, ed a leggerle vien da pensare "Sì, se non me lo dicevi tu ....!" Sono comunque accettabili (in Nota) eventuali riferimenti a fatti reali od all'origine, anche letteraria, del detto.--Carlosavio 12:33, 15 set 2007 (CEST)

Ottimo, è una cosa che mi è capitato spesso di pensare. Magari potresti chiarire questi concetti nelle indicazioni sui proverbi. Nemo 02:05, 16 set 2007 (CEST

Supervisione[modifica]

Ciao a tutti sono un giovane napoletano..sto revisionando la sezione e correggendo gli errori che trovo..spero di fare un buon lavoro --Jozan - The Fallen Angel 15:32, 3 dic 2007 (CET)

Ottimo. Mi raccomando di studiarti per bene Wikiquote:Modello di voce#Proverbi. Sono delle convenzioni stabilite da poco, perché questo settore del progetto è un po' caotico, perciò i consigli sono ben accetti. (Fai riferimento anche a Carlosavio.) Nemo 23:56, 6 dic 2007 (CET)

Traduzioni[modifica]

Scusate ma le traduzioni non sono fatte, a mio avviso, in maniera coerente..in alcune la traduzione è letterale, in altre viene direttamente spiegato il senso...inoltre alcune sono per la maggior parte tradotte, ovviamente, in italiano, ma ne ho letta una tradotta con "sei proprio una chiavica"..benchè "chiavica" è usato anche in italiano, ho controllato sul dizionario, usarlo in maniera offensiva è di uso prettamente napoletano quindi non avete tradotto poi proprio italiano. Non mi permetto di apportare modifiche perchè potrei sbagliarmi su queste considerazioni, in ogni caso sarebbero sottigliezze :D Il precedente commento non firmato è stato inserito da 87.11.143.151 (discussioni · contributi), in data 01:09, 9 set 2011.

Ciao e grazie per le tue considerazioni! Hai ragione: secondo le regole, traduzioni e spiegazioni andrebbero aggiunte solo quando necessario. Gli errori capitano perché Wikiquote è un progetto collaborativo aperto a tutti ma non tutti operano conoscendo le regole, dunque è un continuo work in progress. Se tu hai tempo e voglia di contribuire, sei il benvenuto :) Inoltre se lo vuoi, puoi registrarti. --Micione (scrivimi) 03:42, 9 set 2011 (CEST)
Oltre quanto evidenziato da Micione, aggiungo che quello della traduzione è comunque un problema che sempre persiste, indipendentemente dalla lingua, specie quando si vogliono tradurre espressioni dialettali, come è il caso qui, o idiomatiche.
--DonatoD (scrivimi) 09:21, 9 set 2011 (CEST)

Grammatica napoletana[modifica]

Riporto qui alcuni errori comuni, anche come indicazione per future correzioni non da parte di conoscitori dell'idioma.

  • nunn'è — è errato invece: nun è
[1], [2], [3]

--DonatoD (scrivimi) 13:22, 14 nov 2011 (CET)

Senza fonte[modifica]

  • A 'a bella figliola nun manca 'nnammurato.
Alla bella ragazza non manca un fidanzato.
  • 'A bella 'e ciglie, tutte 'a vonna e nisciuno s' 'a piglia.
Le belle ragazze sono corteggiate da tutti, ma nessuno le prende in moglie per paura che possano avere un passato con parecchie esperienze amorose o che possano averle in futuro.
  • 'A bella senza dote trova cchiù amante ca marite.
La bella senza dote trova piu' amanti che mariti.
  • 'A bizzoca è diavulo senza fuoco.
La bigotta è diavolo senza fuoco.
  • 'A bona campana se sente 'a luntano.
La buona campana si sente di lontano.
  • 'A bona mercanzia trova prièsto a ghì pe' n'auta via.
La merce buona trova presto a cambiare strada perché c'è sempre chi la desidera e la prende.
  • 'A briscola se joca cu' 'e denare.
A briscola si gioca con i soldi.
  • A nu buon caval nun manca a sella.
A un buon cavallo non manca sella.
Un'occasione favorevole nessuno se la lascia sfuggire.
  • 'A buscia esce 'ncopp' 'o naso.
La bugia esce in cima al naso.
  • 'A cajola pure 'ndurata è sempe nu carcere pe' l'auciello.
La gabbia, anche se dorata, è pur sempre un carcere per l'uccello.
  • A cane viecchio zullu zu.
Non accarezzare con inganno un cane vecchio.
E' inutile cercare di raggirare con blandizie una persona esperta.
  • 'A capa 'e sotto, fa perdere 'a capa 'e coppa.
La testa di sotto fa perdere la testa di sopra[1]
  • 'A carne 'a sotto e 'e maccarune 'ncoppa.
La carne sotto e la pasta sopra – Dicesi in presenza di colui che fa le cose alla rovescia, o di cose che capitano in modo inconsueto, anticonvenzionale, in quanto il condimento(di solito di carne) si adagia sulla pasta e non viceversa.
  • A carocchia a carocchia, Pulecenella accerette 'a mugliera.
Con piccoli colpi continui si può provocare la morte di qualcuno.
  • 'A carta vicino 'o fuoco s'appiccia.
La carta vicino al fuoco si brucia.
  • Â casa d'e pezziente nun ce mancano tozze.
A casa del povero non mancano tozzi di pane.
  • Â casa d'o ferraro, 'o spiedo è 'e lignamme.
A casa del fabbro, lo spiedo è di legno.
  • A cavallo 'e razza nun serve 'o scurriato.
Per il purosangue non ci vuole la frusta.
  • Â Ccannelora viérne fóra e San Biase viérne p'e' ccase.
Alla Candelora l'inverno è fuori ma a San Biagio l'inverno entra in casa[2]
  • 'A cervella 'e ll'ommo è 'na sfoglia 'e cepolle.
La mente dell'uomo è fragile e sottile come la sfoglia di una cipolla
  • A chi nun tene figlie nun ghì né pe' denare né pe' cunsiglie.
A chi non ha figli non chiedere né prestiti né consigli.
  • A chi se fa pontone, 'o cane 'o piscia 'nguollo.
A chi si fa muro d'angolo, il cane gli fa pipì addosso.
  • A chi te dice 'e fatte 'ell'ate nun dicere 'e fatte tuoje.
Non dire i fatti tuoi a chi ti dice quelli degli altri.
  • 'A crianza è 'e chi 'a fà, no 'e chi 'a riceve.
La creanza è di chi la fa, non di chi la riceve.
  • 'A cunferenza è padrona da mala crianza.
Dare troppa confidenza, è il viatico della maleucazione.
  • 'A cuntentezza vene d' 'o core.
La felicità viene dal cuore.
  • A cuoppo cupo poco pepe cape.
In un piccolo coppo ci entra poco pepe.
  • 'A femmena comme nasce accussì pasce.
La donna come nasce così pasce.
  • 'A femmena è pesce: nun schifa 'o vuccone e subbeto si pesca.
La donna è pesce: non schifa il boccone e si pesca subito.
  • 'A femmena pe' ll'ommo addiventa pazza, ll'ommo p' 'a femmena addeventa fesso.
La donna per l'uomo impazzisce, l'uomo per la donna rimbecillisce.
  • 'A fortuna è comme l'anguilla: cchiù penzammo d' 'a putè agguantà e cchiù 'nce sciulìa.
La fortuna è come l'anguilla: quando credi di averla presa sfugge.
  • 'A gallina fa ll'ove, e a' 'o gallo l'abbruccia 'o culo.
La gallina fa l'uovo, ed al gallo brucia il deretano.
  • 'A gente è comme 'o culo: parlano sempre pe' derete!
La gente è come il culo: parlano sempre dal di dietro.
  • 'A guerra cerca 'a pace e 'a pace cerca 'a guerra.
La guerra cerca la pace e la pace cerca la guerra.
  • A iennere e nepute chello ca faie è tutto perduto.
Per i generi e i nipoti qualsiasi cosa tu faccia è perduto.
  • 'A jatta p' 'o troppo bene se magnaie 'e figlie.
La gatta, i suoi figli, tanto e tanto li amava che se li mangiò .
  • 'A jatta, pe' ghì 'e pressa, facette 'e figlie cecate.
A causa della fretta, la gatta partori' dei cuccioli ciechi
  • A lavà 'a capa 'o ciuccio se perde acqua e sapone.
A lavar la testa dell'asino si perde acqua e sapone.
A cercare di far cambiar opinione un ignorante, si perdono tempo e energie.
  • A lietto stritto cùcchete 'mmiezo.
A letto stretto sistemati al centro.
  • 'A lucerna senz' uoglie se stuta.
La lucerna senz'olio si spegne.
Bisogna sempre alimentare i sentimenti.
  • 'A lusinga fa 'bbene â salute.
La lusinga fa bene alla salute.
La "(auto)gratificazione" può aiutare a stare bene in salute.
  • A magnà fatic' a stient', a cacà nun ce vò nient'.
Per mangiare fatichi molto, per andare in bagno non ci vuole niente.
  • 'A meglia vita è a toja ca si fesso e nun capisce niente.
La vita migliore è la tua, che sei un fesso e non capisci nulla.
  • 'A merla cecata 'a notte fa 'o nido.
La merla cieca la notte fa il nido.
  • A murì e a pavà nce sta sempe tiempo.
A morire e a pagare c'è sempre tempo.
  • A 'o cafone 'a zappa 'mmano.
Al cafone la zappa in mano.
  • Â primma trasuta guardateve 'e sacche.
Alla prima entrata guardatevi le tasche.
  • A Santa Chiara dopp'arrubbato mettèttero 'e porte 'e fierro.
Solo dopo un grosso furto la basilica napoletana di Santa Chiara venne munita di un portale di ferro.
  • 'A scopa nova dura tre ghiuorne.
La scopa nuova dura tre giorni.
  • 'A suocera è comm' 'o pesce: doppo tre ghiuorne fete.
La suocera è come il pesce: dopo tre giorni puzza. [3]
  • 'A superbia va a ccavallo e torna a pere.
La superbia va a cavallo e torna a piedi.
  • 'A vecchie 'e cient' anne ricette: "M'aggia 'mparà ancora!"
L'anziana a cent'anni disse: "Ho ancora da imparare"
  • 'A vecchie 'o trenta 'e maggio mettette 'o trapenatur' 'a 'o fuoco.
La vecchia il trenta di maggio fu costretta, per riscaldarsi, a far il fuoco bruciando l'aspo.
  • 'A verità è figlia d' 'o tiempo.
La verità è figlia del tempo.
  • 'A vita è comme 'a scala do vallenaro: è corta e chiena 'e merda.
La vita è come la scala del pollaio: è breve e piena di merda.
  • 'A vita è tosta e nisciuno t'aiuta, e si 'na vota quaccuno t'aiuta è pe' te dicere "t'aggio aiutato".
La vita è dura e nessuno ti aiuta, e se qualcuno una volta ti aiuta è per dirti "ti ho aiutato".
  • A voce de campane.
Quando suonano le campane quello che si dice 'e vero.
  • Abbòffete, dicette 'o puorco, ca 'o pantano è chino!
Con la lena, l'assiduità e l'intelligenza bisogna saper emergere e distinguersi nel proprio ambiente di lavoro. Può anche significare che, nei momenti di caos o di disordine, ciascuno deve approfittare al massimo per fare i propri interessi.
  • Accìde cchiù 'a lengua ca 'a spata.
Uccide più una maldicenza che non un'arma.
  • Accussì comme vaje tu sì tenuto.
Come ti presenti, così sei considerato.
  • Accussì va 'o munno, chi nata e chi va 'nfunno.
Così va il mondo, chi nuota e chi affonda.
  • Acqua cheta fà pantano e feta.
L'acqua ristagnante forma pantano e puzza'.'
Sottovalutare le persone quieti, non è saggio.
  • Acqua santa e terra santa sempe lota fanno.
Mescolando acqua santa con terra santa si ottiene comunque fango.
  • Acquaio' l'acqua è fresca? Manc' 'a neve!
Acquaiolo, è fresca l'acqua? Più della neve!
  • Addò c'è piacere nun c'è perdenza.
Dove c'è gusto non si perde mai.
  • Addò magnano doje, ponno magnà pure tre.
Dove mangiano due possono mangiare anche tre.
  • Addò nun sì chiammato nun 'nce jì.
Non andare dove non sei invitato.
  • Aggio piantato vruoccole e so' asciute caulusciure.
Ho piantato broccoli e sono usciti cavolfiori.
  • Amice e vino hanna essere viecchie.
Amici e vino devono essere vecchi.
  • Arbere e figlie se raddrizzano solo quando so' piccerille.
Alberi e figli si raddrizzano solo quando sono piccoli.
  • Arremedia mò, ca pò Dio 'nce penza appriesso.
Aiutati che Dio t'aiuta.
  • Auste è capo 'e vierne.
Ad Agosto inizia l'inverno.
  • Biato chi 'a tene, cacarella senza freva.
Felice è colui che ha diarrea senza febbre.
  • Biato chi 'a tiene un libbro, cagasi potrassi nu' cesso.
Felice è colui che possiede una lettura, perché può defecare mentre è al gabinetto con tranquillità estrema.
  • Buono sì ma fesso no.
Essere buoni va bene ma stupidi no.
  • Bella vita fosse; ma si durasse!
  • Càgnano 'e musicanti, ma 'a museca nun cagna mai.
Cambiano i musicisti ma la musica non cambia mai.
  • Cagna e scagna e ll'arefice ce guadagna.
Cambia e scambia e l'orefice guadagna.
  • Campa e fà campà.
Vivi e lascia vivere.
  • Cane 'e chianchiere trova sempe 'n'uosso.
Il cane del macellaio trova sempre un osso.
  • Carne giovane e pesce viecchio.
Carne giovane e pesce vecchio.
  • Carne trista nun ne vo' Cristo.
Cristo non vuole carne triste.
  • Carruzzella 'e ritorno nun porta passiggiere.
Carrozzella di ritorno non porta passeggeri.
  • Casa senza femmena, varca senza timone.
Casa senza donna, barca senza timone.
  • Cauro 'e lietto nun coce fasule.
Il calore del letto non cuoce i fagioli.
  • Chello ca nun se fa nun se sape.
Solo ciò che non si fa non si viene a sapere.
  • Chello ca nun vuò 'a l'uorto, chello te nasce.
Proprio quello che meno desideri, germoglia e cresce nel tuo orto.
  • Chello ca pe' te nun vuò, pe' ll'ate nun sia.
Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te.
  • Chi 'a fà s' 'a scorda, chi ll'ave s' 'arricorda.
Chi la fa la dimentica, chi la riceve la ricorda.
  • Chi addimanna nun fa errore.
Chi chiede non fa errore.
  • Chi 'e femmene vo' bene si è nu locco, va 'nfummo peggio d' 'o tabacco.
Chi ama le donne ed è uno sciocco, va in fumo più del tabacco.
  • Chi aute nun have cu' 'a mugliera se cocca.
Chi non ha nessun altro va a letto con sua moglie.
  • Chi bell' vo paré mal' hadda paté.
Chi bello vuole apparire male deve patire.
  • Chi cammina chiano fa la bona jornata.
Chi cammina piano trascorrerà una buona giornata.
  • Chi chiagne fott' a chi rire.
Chi si lamenta delle proprie condizioni ottiene di più di chi è contento.
  • Chi chiea 'a sarvietta a tavula è segno ca llà nun ce vò magnà cchiù.
Chi piega il tovagliolo a tavola è segno che là non ci vuole più mangiare.
  • Chi cumanna nun suda.
Chi comanda non suda.
  • Chi da 'nfaccia pe' primma da 'nfaccia doje vote.
Chi colpisce in faccia per primo colpisce due volte.
  • Chi dorme c' 'o cane nun s'aiza senza pullece.
Chi dorme col cane non si sveglia senza pulci.
  • Chi dorme nun pecca, ma nemmeno piglia pisce.
Chi dorme non pecca, ma non prende neanche pesci.
  • Chi è cchiù bell'e te se trucca!
Se esiste qualcuno più bello di te, è perché si trucca.
  • Chi è troppo saputo addeventa scassacazzo e fesso.
Chi è troppo saputone diventa rompiballe e fesso.
  • Chi fa' 'a légge 'a struije.
La legge viene disattesa da chi l'ha fatta.
  • Chi fà 'a legge l'adda rispettà.
Chi fa la legge deve rispettarla.
  • Chi fraveca e sfraveca nun perde mai tiempo.
Chi costruisce e disfa non perde tempo.
  • Chi guverna 'o cavallo sujo nunn'è chiammato muzzo 'e stalla.
Chi governa il proprio cavallo non è considerato un mozzo di stalla.
  • Chi ha fatto 'o peccato pava penitenza.
Chi ha peccato paga la penitenza.
  • Chi magna sulo s'affoga.
Chi mangia da solo si strozza.
  • Chi nasce è bello, chi se 'nzora e' bbuono, chi more e' santo.
Chi nasce e' bello, chi si sposa e' buono, chi muore e' santo.
  • Chi nasce quatro nun more tunno.
Chi nasce quadrato non muore cerchio.
  • Chi nasce puveriello e sfurtunato 'nce chiovono 'e cazze 'nculo pure si sta assettato.
Chi nasce sfortunato se lo prende in quel posto anche se sta seduto.
  • Chi nu' 'ncasa nu' trase.
Chi non spinge non entra.
  • Chi nun sta a sentí 'a mamma e 'o pate va a mmurì addó nunn'é nato.
Chi non ascolta la madre e il padre va' a morire dove non è nato.
Chi non ascolta i consigli dei propri genitori fa una brutta fine.
  • Chi nun tene figlie chiagne nepute.
Chi non ha figli diventa succube dei nipoti.
  • Chi nunn' accatta e nun venne nun saglie e nun scenne.
Chi non compra e non vende non sale e non scende.
Chi non risica non rosica.
  • Chi pecora se fa' 'o lupo s' 'a magna.
Chi si fa pecora, il lupo lo mangia.
  • Chi perde ave sempre tuorto.
Chi perde ha sempre torto.
  • Chi pesce vole rodere, 'a coda se vo' 'nfonnere.
Chi vuole mangiare pesce, deve bagnarsi.
  • Chi primma nun pensa, aroppa suspira.
Chi prima non pensa dopo sospira
  • Chi s'associa 'a 'nu partito 'ncap' all'anno è gghiut'acito.
Chi si associa ad un partito entro un anno diventa come l'aceto.


  • Chi se fa' e cazze suoje campa cient'anne.
Chi si fa gli affari propri vive cento anni
  • Chi se mette appaura, se cocca cu 'e ffemmene brutte.
Chi ha paura non va a letto con le belle donne.
  • Chi se mette pe' mare hadda sape' primma natà.
Chi si mette per mare deve saper prima nuotare.
  • Chi serve 'ncorte a 'o pagliaro more.
Chi serve a corte nel pagliaio muore.
Chi serve un padrone muore povero.
  • Chi sparagna 'a mazza nun vô bene ê figlie.
Chi non bastona i figli, non li ama.
  • Chi sparte e sape spartere ave semp'a meglia parte.
Chi sa amministrare si prende la parte migliore.
  • Chi sta vicino 'o sole nun sente friddo.
Chi sta vicino al sole non sente il freddo.
  • Chi te sput' 'nfaccia è pecche' nun te vò maje vede' cu 'e ppacc'asciutte.
Chi ti sputa in faccia è perché non vuol mai vederti con il didietro asciutto.
  • Chi tene 'a lengua va' in Sardegna.
Chi sa parlare va in Sardegna.
  • Chi tene mala capa, tene bbon'e cosce.
Chi ha poca memoria, ha buone gambe.
  • Chi tene 'nu puorco sulo 'o cresce chiatto, chi tene 'nu figlio sulo 'o cresce fesso.
Chi ha un solo maiale lo farà crescere grasso, chi ha un solo figlio lo farà crescere da imbecille.
  • Chi troppo vole niente stregne.
Chi vuole troppo nn si trova niente
  • Chi va a cacà e nun caca bene... tre vote và e tre vote vene!
Chi si reca a defecare, e non lo fa bene, tre volte va e tre volte viene!
  • Chi va pe' cecate p' 'a fin' 'e ll'anno ceca e zoppa.
Chi va con i ciechi entro la fine dell'anno diverrà cieco e zoppo.
  • Chi va pe' chisti mare chisti pisce piglia.
Chi va per questi mari, questi pesci prende.
  • Chi vo 'o male 'e ll'ate 'o sujo sta areta 'a porta.
Chi desidera il male degli altri il suo sta dietro alla porta.
  • Chi vò, va; chi nun vò, manna.
Chi vuole, va; chi non vuole, manda.
  • Chiacchiere e tabacchere 'e lignamme 'o Bbanco 'e Napule nun 'e 'mpegna.
Chiacchiere e tabacchiere di legno il Banco di Napoli non le impegna.
  • Chillo studia, ma resta 'gnurante, nunustante 'o blasone nun riconosce 'a 'nu ratto 'n alifante, n'auliva de Gaeta 'a nu coglione.
Quello studia, ma resta ignorante, nonostante la nobiltà non riconsce un topo da un elefante, un'uliva di Gaeta da un testicolo.
  • Cu 'nu sì te 'mpicce, cu 'nu no te spicce.
Con un sì ti impicci, con un no te la sbrighi.
  • Comme dicett' 'o pappice vicin' 'a noce? Damme tiempo ca te spertoso.
Come disse il verme alla noce? Dammi tempo che ti perforo.
  • Comme se dice, 'e ssard' se magneno all'alice, chi ten' 'e sorde campa felice, chi nun 'e ttene va 'ncul' all'amice.
Come si dice, le sarde mangiano le alici, chi e' ricco vive felice, chi non lo e' viene mantenuto dagli amici.
  • Comme si' bbona, comme si' bella, e 'a spigola s'ammuccaje 'a sardella.
Come sei buona, come sei bella, e la spigola inghiottì la sardina.
  • Core cuntento Dio l'aiuta.
Cuor contento Dio l'aiuta.
  • Corne 'e sore corne d'oro, corne 'e mugliera corne overe.
Le corne fatte da una sorella sono d'oro (portano vantaggi) ma quelle fatte da una moglie sono corna vere.
  • Cu ll'èvera moscia, s'annéttano 'o culo.
Con l'erba morbida, ci si pulisce il deretano.[4]
  • Cu tanta galle a cantà, nun schiara maje juorno.
Con tanti galli che cantano, non fa mai giorno.
  • Cunziglio 'e vorpe, rammaggio 'e galline.
Riunione di volpi, danno per le galline
  • Da amici e parient', nun accattà e nun vennere nient'.
Da amici e parenti, non comprare e non vendere nulla.
  • Da 'nu malo pavatore piglia chello ca può.
Da un cattivo pagatore strappa quello che puoi.
  • Dicette 'a vipera o' voie: me può scamazza' ma sempe curnuto si'.
Disse la vipera al bue: mi puoi schiacciare, ma sempre cornuto sei.
  • Dicette Dio 'nfaccia a Dio: Lassame fa' a Dio.
Disse Dio [Cristo in croce] a Dio [suo Padre]: lasciamo fare a Dio.
  • Dicette 'Mmaculata: ponno chiù l'uocchie ca 'e schiuppettate!
Disse Immacolata: può più il malocchio che lo schioppo!
  • Dicette 'o cafone: 'na vota me fai fesso.
Disse il cafone al cafone: una volta mi fai fesso.
Sbagliando si impara.
  • Dicette 'o ciceniello: pur'io so' pesce.
Disse il bianchetto: pure io sono pesce.
  • Dicette 'o pappece vicin' 'a noce: damme 'o tiemp' ca te spertoso.
Disse il tarlo alla noce: dammi tempo che ti buco.
  • Dicette 'o pezzente: pure a fa' 'a puttana nce vo' furtuna!
Disse un mendicante: anche per far la prostituta ci vuol fortuna!
  • Dicette 'o prevete d' 'a costa, quanno nunn'è arta vostra, iate a dompere 'e scatole a casa vostra.
Disse il prete della costa, quando non è arte vostra, andate a rompere le scatole a casa vostra.
Disse il prete della costa, se non è di vostra competenza è meglio tacere!
  • Dicette 'o prevete: fa' chello ca dico io ma nun fa' chello ca facc'io.
Disse il prete fa quello che ti dico ma non fare quello che faccio io.
  • Dicette 'o puorco vicin'all'asino: "mantenimmece pulite."
Disse il maiale all'asino: "Manteniamoci puliti.
  • Dicette 'o rancio: chi nasce stuorto nun pò cammenà deritto.
Disse il granchio: chi nasce storto non può camminare diritto.
  • Dicette Pulecenella: Mangiammo e bevimmo ca chi sape si all'auto munno 'nce vedimme.
Disse Pulcinella: Mangiammo e beviamo che chi sa se all'altro mondo ci vediamo.
  • Dicette Pulecenella: Mangiammo e bevimmo finché c'è uoglio a 'sta lucerna, chi sa' si all'auto munno c'è lanterna, chi sa' si all'auto munno c'è taverna.
Disse Pulcinella: Mangiamo e beviamo finché c'è l'olio nella lanterna, chissà se all'altro mondo c'è una lanterna, chissà se all'altro mondo c'è una taverna.
  • Dio ne libbera 'e signalate meje.
Dio ci scansi dai segnati. [persone con difetti fisici]
  • Dio te guarde da 'e povere arreccute.
Dio ti guardi dai poveri arricchiti.
  • Dio te guarde da 'e ricche 'mpezzentute.
Dio ti guardi dai ricchi impoveriti.
  • Dopp' 'a 'strazione ogni fesso è prufessore.
Dopo l'estrazione [del lotto] ognuno diventa professore.
  • Dopp' 'e cchiacchiere venene 'e fatte.
Dopo le chiacchiere vengono i fatti.
  • Doppo tanto malu tiempo, hadda venì 'o bontiempo!
Dopo tanto maltempo, deve venire il bel tempo.
  • È bbona 'a figlia... ma verisse 'a mamma!.
La figlia è bella... ma vedessi la mamma!.
  • 'E cchiù fesse songo sempe 'e primme a parlà.
I primi a parlare sono sempre i più fessi.
  • 'E cchiacchiere nun iencheno 'a panza.
Le chiacchiere non riempiono la pancia
  • 'E ciucce s'appiccicano e 'e varrile se scassano.
Mentre i somari litigano, i barili trasportati si rompono.
  • 'E ditte antiche nun fallìsceno maje.
I detti antichi non falliscono mai.
  • 'E ffemmene nun se sanno tené tre cicere 'mmocca.
Le donne non sanno tenere tre ceci in bocca.
Le donne non sanno tacere.
  • È meglio 'a 'mviria c' 'a pietà.
Meglio l'invidia che la pietà.
  • È meglio essere capa 'e ceceniello ca coda 'e cefalo.
Meglio essere testa di bianchetto che coda di cefalo.
  • È meglio 'na bona pezza ca 'nu brutto pertuso.
Meglio una buona toppa che un brutto buco.
  • 'E meglie pariente stanno â zecca.
I migliori parenti stanno alla zecca (sono i soldi).
  • 'E pariente d' 'a gunnella traseno tanto bello.
I parenti della moglie, gli affini, ti piombano in casa senza sosta.
  • 'E páriente so' comm'e stívale, cchiù songo stritte e cchiù fanne malo.
I parenti sono come gli stivali: più sono stretti e più ti fanno male.
  • 'E ricche comme vonno, 'e pezziente comme ponno.
Ai ricchi quello che vogliono, ai poveri quello che possono.
  • E va bbene! – dicette donna Lena, quando vedette 'a figlia prena.
E va bene! – disse, rassegnata, la signora Lena, quando si accorse che la figlia era incinta.
  • E va bbene! – dicette donna Lena, quando truvaje 'a mamma, 'a gatta e 'a figlia prena.
E va bene! – disse, rassegnata, la signora Lena, quando si accorse che la mamma, la gatta e la figlia erano incinte.
  • 'E vierme d' 'e ccerase portano 'e vierme all'aulive.
I vermi delle ciliegie portano i vermi alle olive.
  • 'E zoccole nun so' sule chelle ca s'aìzeno 'a gonna.
Le zoccole non sono solo quelle che si alzano la gonna.
  • Fà bbene e scuordate; fà male e piensece.
Fai bene e scordalo; fai male e pensaci.
  • Fà bbene e scuordate; fà male e pientete.
Fai bene e scordalo; fai male e pentiti.
  • Fa primma 'a femmena a truvà 'a scusa ca 'o sorece 'o purtuse.
Fa prima la donna a trovare una scusa che il topo un rifugio.
  • Fa 'o scemo pe' nu' gghì 'a guerra
Simula di essere sciocco per non andare in guerra.
Fa il finto tonto quando vuole lui, per non comprendere alcune cose.
  • Faccia tosta campaje, faccia moscia murette.
Chi ha la faccia tosta riesce a sopravvivere, chi non ce l'ha, muore di fame.
  • Fatt' accattà 'a chi nun t'sape.
Fatti comprare da chi non ti conosce.
Puoi ingannare chi non ti conosce bene.
  • Fatte capitano e magni pullasti.
Diventa capitano e mangi pollo genuino. In ogni attività che svolgi, anche la più umile, se diventi un capo, avrai maggiori vantaggi.
  • Fatte 'a bona nummenata e va scassann 'e porte !
Fatti una buona nomea, che poi potrai anche fare lo scassinatore.
  • Fatte l'amice 'ntiempo 'e pace ca te servono 'ntiempo 'e guerra
Fatti gli amici in tempi di tranquillità perché ti possono servire nei momenti difficili.
  • Fattella cu chi è meglio 'e te e pavece 'e spese.
Frequenta chi è migliore di te e pagagli anche le spese.
  • Femmene, ciucce e crape... tenen tutt' 'a stessa capa.
Femmine, asini e capre... hanno tutti la stessa testa.
  • Fidate d'o signore 'mpuveruto ma nun te fidà d'o pezzente sagliuto.
Fidati del signore impoverito ma non fidarti del povero arricchito.
  • Figlia 'e gatta, si nun mozzeca scippa.
La figlia di una gatta se non morde graffia.
  • Figlie piccerille guaie piccerille, figlie gruosse guaie gruosse.
Figli piccoli guai piccoli, figli grandi guai grandi.
  • Gente allera Dio l'aiuta.
Dio aiuta le persone allegre.
  • Gesù Cristo è lungariello, ma nunn'è scurdariello.
Gesù Cristo la tira per le lunghe ma non dimentica.
  • Giacchino mettette 'a legge e Giacchino murette acciso.
Gioacchino fece la legge e Gioacchino fu fucilato.[5]
  • Già è bello 'o petrusino, po' va 'a jatta e 'nce pisce 'a coppa.
Già è maturo il prezzemolo, poi la gatta viene e ci urina sopra.
  • Giorgio se ne vò jì, e 'o vescovo 'o vò mannà.
Giorgio vuole andarsene ed il vescovo vuole mandarlo via.[6]
  • Guaje fatto, remmedio aspetta.
A guaio avveuto, non resta che porre rimedio (senza rammarico, tipico della filosofia partenopea)
  • Guaje quanta a ll'arena, 'a morta maje.
Tanti guai quanto la sabbia, ma morte mai.
  • Hê fatte 'o pirete cchiù gruosso do culo
Hai fatto un peto maggiore del (tuo) deretano.
  • Hê fatte trenta e mo' faje pure trentuno.
Dopo aver fatto trenta adesso farai anche trentuno.
  • Hê voglia 'e mettere rum, chi nasce strunzo nun po' addiventà babbà.
Puoi mettere quanto rum vuoi ma un'altra cosa non potra mai diventare un babà.
  • I' vac' a naso – dicette ll'elefante – nun me pozzo sbaglià!
Io seguo il naso – disse l'elefante – non posso sbagliare!
  • Jénnere e nepute, song' comm' 'e càvule jurute... chell' ca fàje è tutt' perduto.
Generi e nipoti, sono come i cavoli fioriti, quello che fai è tutto perduto.
  • L'acqua cheta fa pantano e fete.
L'acqua ferma ristagna e puzza.
  • L'acqua fa male e 'o vino fa cantà.
L'acqua fa male e il vino fa cantare.
  • L'acqua 'nfràceca 'e bastimiente a mare.
L'acqua fa marcire i bastimenti a mare.
  • L'albero s'adderezza quanno è piccerillo.
L'albero si raddrizza quando è piccolo.
  • L'amice nun so' maje supiérchie.
Gli amici non sono mai troppi.
  • L'auciello 'nta cajola, si nu' ccanta p'a rraggia canta p'ammore.
L'uccello in gabbia canta per rabbia o per amore.
  • L'avaro è comme 'o puorco, buono sulo doppo muorto.
L'avaro è come il porco, buono solo dopo morto.
  • L'ommo affortunato sta sempe 'ntimore d' 'a collera d' 'o Signore.
L'uomo fortunato teme sempre la collera del Signore.
  • L'ommo valente doppo mangiato friddo sente.
L'uomo che vale dopo mangiato ha sempre freddo.
  • Lo pane ianco è pasto da signuri.
Il pane bianco è cibo per signori.
  • Lo rammo tal è qual è la chianta.
Il ramo è come la pianta.
  • Lo tentare non noce: senza l'amaro non se prova doce.
Il tentare non nuoce: senza l'amaro non si prova il dolce.
  • Luna cuccata, marenaro allerta; luna allerta, marenaro cuccato.
Luna coricata, marinaio all'erta; la luna diritta, marinaio coricato.
  • Mamma e giuventù s'apprezzano quanno nun se teneno cchiù.
La mamma e la gioventù si apprezzano quando non ci sono più.
  • Marito geluso more curnuto.
Il marito geloso muore cornuto.
  • Mazza e panella fanno 'e figlie belle, panella senza mazza fanno 'e figlie pazze.
Bastone e pane fanno i figli belli, pane senza bastone fanno i figli pazzi.
  • Meglio 'e doglie da vorsa, ca tromiento 'e core.
Meglio provare dolore di borsa, che tormento di cuore.
  • Meglio essere 'o l'urdemo d'e cavalle che 'o primm d'e ciucce.
Meglio essere l'ultimo tra i cavalli che il primo tra gli asini.
  • Meglio mangià poco e spisso, ca fà tutto 'nu muorzo.
Meglio mangiare poco e spesso che far tutto un boccone.
  • Meglio 'nu malo accordo ca 'na causa vinciuta.
Meglio un cattivo accordo che una causa vinta.
  • Meglio 'nu malu vicino ca 'nu principiante 'e viulino.
E' meglio un cattivo vicino che un musicista principiante.
  • Meglio strujere scarpe ca lenzola.
Meglio consumare scarpe che lenzuola.
  • Miettete cu chi è megli' 'e te e fall' 'a spesa.
Frequenta chi è migliore di te e fagli la spesa.
  • Mimì, Cocò e Carmine 'o pazzo stevano 'e casa 'int' 'o stesso palazzo.
Tre persone che stanno sempre insieme ne combinano di tutti i colori.
  • Mmiez' a 'e bburrasche se conosce 'o pilota.
Nelle burrasche si riconosce la qualità del pilota.
  • Monache 'e casa: 'o diavulo esce e trase!
Monache di casa (non di convento): il diavolo va e viene!
  • Morta 'a criatura, nun simmo cchiù compare.
Ora che è morto il bambino cui tu avevi fatto da padrino, la nostra parentela spirituale è finita.
  • Muorto Mastu Francisco, nun se ferren' cchiù cavalli.
Morto masto Francesco, non si ferrano più cavalli.
  • 'N tiempo 'e tempesta ogni pertuso è puorto.
In tempo di necessità ogni anfratto è un porto.
  • 'Na femmena e 'na papera arrevutaieno Napule.
Una donna ed un'oca rivoltarono la città.
  • 'Na mugliera 'mpicciosa è peggio 'e 'nu diebbeto.
Una moglie scocciante è peggio di un debito.
  • 'Na noce dinto 'o sacco nun fa rummore.
Una noce nel sacco non fa rumore.
  • 'Na tavula senza vino è comme 'na jurnata senza sole.
Una tavola senza vino è come una giornata senza sole.
  • 'Na vota passa Cristo 'nnanz' â casa.
Una sola volta Cristo passa davanti casa.
Cogli l'occasione quando capita.
  • Natale cu 'e tuoje e Pasqua cu' chi vuoje.
Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi.
Si nasce in casa propria e si muore dove capita.
  • Nce stanno uòmmene, uommenicchie, uommenone e quaquaraquà.
Ci sono uomini, ometti, omoni e nullità.
  • Né femmena né tela a lumme 'e cannela.
Né femmina né tela alla luce di candela.
Le qualità vanno viste alla luce del giorno.
  • 'Nu buonu marito fa 'na bbona mugliera.
Un buon marito fa diventare buona la moglie.
  • 'Nu pate campa a ciente figlie ma ciente figlie nun campano 'nu pate.
Un padre mantiene cento figli ma cento figli non mantengono un padre.
  • 'Nu pate è buono pe ciente figlie, ciente figlie nun sò buone pe' 'nu pate.
Un padre va bene per cento figli, cento figli non van bene per un padre.
  • 'Nu scoglio ca nun fa patelle.
Uno scoglio che non produce patelle. Dicesi di una persona avarissima.
  • Nun sputà 'ncielo ca 'nfaccia te torna.
Non sputare in cielo che ti ritorna in faccia.
Non essere ingrato.
  • Nun c'è cchiù meglio misso ca te stesso.
Non c'è miglior messaggero di sé stessi.
  • Nun c'è miseria senza vizio.
Non c'è miseria senza vizio.
  • Nun c'è pezzentaria senza difetto.
Non c'è miseria senza difetti.
  • Nunn'è povero chi arrepezza, è povero chi nun tene 'a pezza.
Non è povero chi rattoppa, ma chi non ha la toppa.
  • Nun fanno bbona lega lazze d'ammore e 'ccegne de vrachiero.
Non legano bene scherzi d'amore e cenere di braciere.
  • Nun mgnà pe' nun cacà
Non mangiare per evitare di 'scaricarsi' (si dice di persona pigra o avara).
  • Nun può vevere e siscà.
Non puoi bere e contemporaneamente fischiare.
  • Niscune te dice: Lavate 'a faccia ca pare cchiù bell'e me.
Nessuno ti dice. Lavati il viso che sembri più bello di me.
Nessuno dà consigli disinteressati.
  • 'O barbiere te fa bello, 'o vino te fa guappo e 'a femmena te fa fesso.
Il barbiere ti fa bello, il vino ti fa temerario e la donna ti fa fesso.
  • 'O bbene tanto se canosce, quanno se perde.
Le cose buone si apprezzano quando vengono a mancare.
  • 'O bbene vallo a truvà ca p' 'o male basta aspettà.
Il bene vallo a cercare, per il male basta attendere.
  • 'O cane mozzeca sempe 'o stracciato.
Il cane morde sempre lo straccione.
Piove sempre sul bagnato.
  • 'O ccade' fa 'mpara' a sòsere.
Il cadere insegna ad alzarsi.
  • 'O diavulo quanno è viecchio se fa monaco cappuccino.
Quando il diavolo si fa vecchio diventa monaco cappuccino.
  • 'O guaio è 'e chi 'o tene.
Il guaio è di chi lo subisce.
  • 'O mariuolo se sente sempe arrubbato.
Il ladro si sente sempre derubato.
  • 'O munno è fatt 'e preta, chi nun parla crepa.
Il mondo è fatto di pietra, chi non parla muore.
  • 'O napulitane se fa sicco, ma nun more.
Il napoletano deperisce, ma non muore.
  • 'O pesce fete d' 'a capa.
Il pesce puzza dalla testa.
  • 'O pesce vo' tre effe: frisco, fritto e fute.
Il pesce vuole tre effe: fresco, fritto e denso.
  • 'O peggio surdo è chillo ca nun vo' senti'.
Il peggiore sordo è quello che non vuole sentire.
  • 'O pile 'e fessa tira e cchiù d' 'o filo 'e acciaro.
Il pelo della vulva tira più del filo d'acciaio.
  • 'O ppane d' 'a franchezza è senza sale.
Il pane della franchezza è senza sale.
  • 'O ppane vene dato a chi nun tene 'e diente.
Il pane viene dato a chi non ha i denti.'
  • 'O pparlà chiaro è fatto pe' l'amice.
Il parlare chiaro è fatto per gli amici.
  • 'O primme ca s'aiza cummanna.
Chi si sveglia per primo comanda.
  • 'O prugresso pe' l'ostreca è rummanè dint' 'e cunfine.
Il progresso per l'ostrica consiste nel restare nei suoi confini.
  • 'O puorco, dinte 'o ppulito, s'appucundrisce.
Il maiale, in ambiente pulito, si intristisce.
  • 'O purpo se coce dinto all'acqua soja.
Il polpo si cuoce nella sua stessa acqua.
  • 'O sango se mazzeca ma nun se sputa.
Il sangue si mastica ma non si sputa.
È difficile rinnegare i propri parenti.
  • 'O sazio nun crede a' 'o diuno.
Il sazio non crede al digiuno.
  • 'O sparagno nunn'è maje guadagno.
Il risparmio non è mai guadagno.
  • 'O surdato d'a ponessa è partuto strunzo e è turnato fesso.
Il servizio militare non sempre rende maturi.
  • 'O turco fatto cristiano vò 'mpalà a tutte chille ca jastemmano.
Il turco fatto cristiano vuole impalare tutti quelli che bestemmiano.
  • 'O vino fa 'o sango, 'a carne fa 'a carne e 'a fatica fa jettà 'o sange.
Il vino fa il sangue, la carne fa la carne e il lavoro fa sudare.
  • 'O voje p' 'e ccorne e l'omme p' 'a parola.
Il bue [si giudica] dalle corna e l'uomo dalla parola.
  • Ogge 'a democrazia è comme 'a puttana: tutte ne parlano e tutte s'a fottene!
Oggi la democrazia è simile a una prostituta. Tutti ne parlano e tutti se ne servono!
  • Ogge ca pure 'o mare è 'nquinato, Napule ha perzo n'ata qualità; 'o mare feta, s'è fatto n'ato e manc' a mare te può jì a ghittà!
Oggi che anche il mare è inquinato, Napoli ha perso un'altra qualità; il mare puzza è diventato un altro e non ti puoi gettare più neanche a mare!
  • Ogge ogne fetente appartene â bbona gente.
Oggi ogni fetente fa parte della gente-bene.
  • Ogne capa è 'nu tribunale.
Ogn'uno giudica col suo metro.
  • Ogne ghiuorno ca passa se 'mpara n'arte, senza cuntà 'e fesserie.
Ogni giorno che passa si impara qualcosa, senza contare le sciocchezze.
  • Ogne nuova legislatura so' cinc' anne 'e fregature.
Ogni nuova legislatura, diventa cinque anni di fregature.
  • Ogne prumessa è debbeto.
Ogni promessa è debito.
  • Ogne scarpa addiventa scarpone.
Ogni scarpa diventa scarpone.
Tutto invecchia.
  • Ognuno sape 'e fatte suoje.
Ognuno conosce i fatti propri.
  • Ommo 'e panza, ommo 'e sustanza.
L'uomo con la pancia è un uomo di sostanza (di carattere).
  • Ommo 'e vintotto e femmena 'e diciotto.
Uomo di ventott'anni e donna di diciotto.
  • Ommo senza vizi è menesta senza sale.
L'uomo senza vizi è insipido.
  • Palomma pasciuta, cerasa amara.
Colomba sazia, ciliegia amara.
  • Pazze, prievete e puttane: hé sta sempe cu 'na mazza 'mmano.
Pazzi, preti e puttane: devi stare sempre con una mazza in mano.
  • Pe' canoscere 'o munno nce vo' tiempo assaje.
C'è sempre da imparare.
  • Pe fa 'a 'uerra nce vonno 'e surdate.
Per andare in guerra c'è bisogno dei soldati.
Per riuscire in un lavoro c'e bisogno anche della manovalanza.
  • Pe' fa 'e figli carrettiere, nce vonn' 'e cazz' 'e vatecare.
Per fare i figli carrettieri, ci vogliono padri conduttori di carrozze.
Per riuscire in un campo spesso è necessario avere una famiglia alle spalle che sappia indirizzarti.
  • Pe' 'nu monaco nun se perde 'o cunviento.
Per un monaco non si perde il convento.
Per un solo elemento negativo non si perde il carico.
  • Piace cchiù 'na fella 'e pescespata ca ciento alicelle.
Piace più una fetta di pesce spada che cento alici.
  • Pìgliate 'o (mumento) buono quanno vene, ca 'o malamente nun manca maje.
Approfittate della fortuna quando capita, perché la sfortuna non manca mai.
  • Pìzzeche e vase nun fanno pertose.
Pizzicotti e baci non fanno danni.
  • Prieghe e chiante spertosano 'nu core 'e diamante.
Pregiere e pianti bucano un cuore di diamante.
  • Pure 'a regina avette bisogno da vicina.
Anche la regina ebbe bisogno della vicina.
Ricordati che tutti prima o poi hanno bisogno d'aiuto.
  • Pure 'nu caucio 'nculo fa fa' 'nu passo 'nnanze.
Pure un calcio nel deretano fa fare un passo avanti.
  • Quanno 'a capa perde 'e sense, se ne strafotte pure 'e sua eccellenza.
Quando il capo perde il senno, se ne frega pure di sua eccellenza.
  • Quanno 'a femmena vò ll'amico s'ambruscina pure cu tico.
Quando una donna desidera un amante, fa la graziosa anche con te.
  • Quanno 'a moda dice ca è ora, vide 'a femmena c'o culo 'a fora.
Quando la moda dice che è ora, vedi le ragazze col fondoschiena scoperto.
La donna per la moda fa di tutto.
  • Quanno chiove cu 'o sole tutte 'e viecchie fann' ammore.
Quando piove col sole gli anziani fanno l'amore.
  • Quanno ddoje se vonne, cincuciente nun ce ponne.
Quando due persone si vogliono, cinquecento non possono fermarli.
  • Quanno nun tiene che jucà joca coppe!
Se non hai carte buone affidati al caso!
  • Quanno 'o ciuccio nun vo' vevere, hé voglia d'o siscà.
Quando l'asino non vuole bere è inutile fischiarlo.
  • Quanno 'o diavulo t'accarezza, vo' ll'anema.
Quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima.
  • Quanno 'o mare è calmo ogni strunz'è marenaro.
Quando il mare è calmo ogni fesso è marinaio.
  • Quanno 'o mare nunn'è muorto, 'e pisce so' vive.
Quando il mare non è morto, i pesci sono vivi.
Quando il mare è un po' mosso, la pesca è abbondante.
  • Quanno 'o mellone esce russo, ognuno ne vo' 'na fella.
Quando il melone è rosso, ognuno ne vuole una fetta.
Quando l'affare si rivela buono ognuno vuole goderne.
  • Quanno 'o pesce fete, accummence d' 'a capa.
Il pesce comincia a puzzare dalla testa.
  • Quanno 'o Signore 'nzerra 'na porta, arape 'nu purtone'.
Quando Dio chiude una porta, apre un portone.
  • Quanno Pulecenella va 'ncarrozza, tutte 'o vedeno.
Quando Pulcinella va in carrozza tutti lo vedono.
Quando un povero fa qualcosa di diverso è adocchiato da tutti.
  • Quanno si 'ncudine statte, quanno si martiello vatte.
Quando sei incudine statti, quando sei martello batti.
  • Quanno siente 'o llatino d'e fesse, sta venenno 'a fine d'o munno.
Quando gli imbecilli parlano il latino, la rovina è vicina.
  • Quanno te prumettono 'a purcella fuje cu 'a funcella.
Quando ti promettono una cosa prendila al volo.
  • Quanno uno è fesso, è fesso: nun c'è cchiù che fa.
Quando uno è sciocco, è sciocco: non c'è più che fare.
  • Rafaniè, fatt'accattà 'a chi nun te sape.
Ravanello, fatti comprare da chi non ti conosce.
  • S'è rott' 'a meza canna.
Si è rotta la mezza canna
Non v'è più il giusto rispetto per le distanze (sociali).
  • Sasiccia 'nzaccata, biato chi l'ha truvata.
Salsiccia insaccata, beato chi l'ha trovata.
  • Sa meglio lo pazzo li fatticielle de la casa soja, che lo savio nun sa li fatte d'autro.
Sa meglio il pazzo i fatti di casa sua, che il saggio i fatti degli altri.
  • Scarte frusc' e pigl' primmere.
Eviti una scartina e te ne capita una peggiore.
  • Se magna pe' campà, nun se campa pe' magnà.
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare.
  • Secunno ca te siente e tu mena li diente.
A seconda di come ti senti, mangia.
  • Senza denare nun se cantano messe.
Senza soldi non si cantano messe.
  • Senza 'e fessi 'e diritte nun camparriano.
Senza i fessi i diritti non camperebbero.
  • Si 'a fatica fosse bona 'a facessero 'e prievete.
Se la fatica fosse buona la farebbero i preti.
  • Si Dio nun vo', manco 'e Sante 'o ponno.
Se Dio non vuole neanche i santi possono.
  • Si esce 'o sole esce pe' tutte quante!
Se esce il sole esce per tutti.
  • Si nun può mangia' carna, accuntientete d'o brodo.
Se non puoi mangiare la carne accontentati del brodo.
  • Si nun saje fa' 'o scarparo nun sfottere 'e ssemmenzelle.
Lasciate spazio ai professionisti.
  • Si 'o prestito fusse buono se 'mprestarria 'a mugliera.
Se prestare fosse cosa buona si presterebbe perfino la moglie.
  • Si peggio da scumma 'e miez'e pacche de' cavalle 'e bellumunno.
Sei peggio della schiuma fra le natiche dei cavalli di Bellomunno.[7]
Sei il massimo della schifezza.
  • So' comme tazza e cucchiare.
Sono sempre assieme.
  • Sparte ricchezza, addeventa povertà.
Dividere un'eredità o ricchezza tra più persone, spesso diventa una miseria.
  • Storta va deritta vene, sempe storta nun po' gghì.
Insisti, prima o poi girerà bene.
  • Sulo 'a morte chiude 'e pporte.
"Solo la morte chiude le porte.
  • Sulo 'a pòllece sape chello ca nce stà dint' 'a cammisa.
Solo la pulce sa ciò che c'è sotto a camicia.
  • T'aggia 'mpara' e t'aggia perdere.
Il mio destino dev'essere di insegnarti (a vivere, un mestiere) e poi di perderti.
  • Taglia curto quanno 'o mmale sta dint' 'a radeca.
Quando il male è alla base taglia corto.
  • T'attigg' e t'amarigge, ma te conoscon' a Parigi?
Ti vanti e ti dai tante arie, ma ti conoscono a Parigi?
  • Tiempo perduto nun s'acquista maje.
Il tempo perduto non si riacquista.
  • Tieneme ca te tengo.
Tienimi che ti tengo.
Abbiamo bisogno l'uno dell'altra.
  • Tra mastu Francisco e 'o bancariello nun se sape chi ha fatte rummore.
Fra mastro Francesco e la bancarella non si capisce chi ha fatto rumore.
Non assumersi le proprie responsabilità.
  • Tre cos' nun se ponne nasconnere: 'a tosse, 'a rogna e 'a panza da prena.
Tre cose non si possono nascondere: la tosse, la rogna e la pancia di una donna incinta.
  • Tre so' 'e putiente: 'o papa, 'o rre e chi nun tene niente.
Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non ha niente.
  • Uocchie ca nun vede, core ca nun chiagne.
Occhio che non vede, cuore che non duole.
  • Vai cercann' 'a salut' 'o spitale.
Cerchi la salute all'ospedale.
  • Vide Napule, e po' muore..
Detto popolare napoletano sulla bellezza della città.
  • Vicin'a chiesa, luntane 'a Dio.
Vicino alla Chiesa, lontano da Dio.
  • Vicin'a sessantina, lassa 'a femmena e piglia 'a cantina.
Quando ti appressi ai sessant'anni, lascia la donna e ricorri al vino.
  • Viento 'e mare, va' t'arrepàre.
Quando c'è aria di burrasca meglio ripararsi.
  • Vittoria senza sango, annore 'e capitano.
Vittoria senza sangue, onore di capitano.
  • Voce 'e popolo, voce 'e Dio.
Voce di popolo, voce di Dio. (vox populi vox dei)
  • Vuò vedé 'o fesso? Fa 'o pirete e ride.
Vuoi vedere il cretino? Scorreggia e ride.
  • Vuoje spellate maje tireno carre.
Buoi spellati non tirano il carro.
  • Vuotteme ca' vaco e tirame ca' vengo.
Spingimi che vado e tirami che vengo.
  • Zimbar' e capriette un' bigliett.
Capro e capretti, il medesimo biglietto.
  • Zompa chi po' zumpa', dicette 'o ranavuóttolo.
Salti chi può saltare, disse il rospo.

Note[modifica]

  1. Gli istinti sessuali fanno sragionare.
  2. San Biagio cade il 3 febbraio, la Candelora è il giorno precedente.
  3. Variante, con la suocera al posto dell'ospite.
  4. Molti profittano delle persone miti.
  5. Riferito a Gioacchino Murat, cognato di Napoleone I e da questo fatto Re di Napoli, che fu fucilato in forza di una legge emanata da lui stesso.
  6. Quando una persona voule che una cosa accada e qualche situazione o qualcuno fanno si che questo succeda.
  7. Storica ditta di servizi funebri napoletana.