Dogville

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Dogville

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Dogville
Lingua originale inglese
Paese Danimarca
Anno 2003
Genere drammatico, thriller
Regia Lars von Trier
Soggetto Lars von Trier
Sceneggiatura Lars von Trier
Produttore Zentropa
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Dogville, film del 2003 scritto e diretto da Lars von Trier.

Frasi[modifica]

  • Questa è la triste storia della cittadina di Dogville. Dogville era situata fra le montagne rocciose degli USA, qua su dove la strada si concludeva vicino all'entrata della vecchia e abbandonata miniera d'argento. I residenti di Dogville erano brave e oneste persone e amavano la loro cittadina. (Narratore)
  • Se questa è la città che tu ami allora è veramente uno strano modo di dimostrarlo. (Grace)
  • Forse c'è qualcosa che non vi occorre che venga fatto! (Tom)
  • Questa città è marcia, fino all'osso. Non mi mancherebbe se domani sprofondasse nella gola, non ci vedo alcun fascino, ma lei pare di sì. Lo ammetta si è innamorata di Dogville, degli alberi, le montagne, la gente semplice... e se tutto questo non l'ha ancora accalappiata scommetto che la cannella sì. Quella maledetta cannella, in quelle crostate di uva spina. Dogville ha tutto quello che ha sempre sognato nella grande città. (Chuck)
  • C'è parecchio da fare qui a Dogville, considerando che nessuno ha bisogno di niente! (Grace)
  • Grace ci aveva già pensato per molto tempo. Sapeva che se all'arrivo i gangster non le avessero sparato, avrebbe dovuto prendere in considerazione il suggerimento di suo padre di tornare, di entrare in combutta con lui e con la sua banda di criminali. E non aveva bisogno di una passeggiata per decidere la sua risposta, anche se la differenza tra la gente che conosceva a casa e la gente che aveva incontrato a Dogville si era dimostrata più sottile di quanto si aspettasse.[...] Grace volse lo sguardo sui volti spaventati dietro le finestre che seguivano ogni suo passo e si vergognò di aver in parte inflitto quella paura. Come poteva odiarli per ciò che in fondo era la loro debolezza? Probabilmente anche lei avrebbe fatto cose come quelle che aveva subito se avesse vissuto in una di queste case, tanto per valutarli con il loro metro come diceva suo padre. In tutta onestà, non si sarebbe comportata come Chuck e Vera e Ben e la signora Hanson e Tom e tutte quelle persone nelle loro case? Grace si fermò e in quel mentre le nuvole si dissiparono e fecero passare il chiaro di luna. E Dogville subì un altro di quei piccoli cambiamenti di luce. Era come se la luce prima così clemente e fioca alla fine si rifiutasse di mascherare ancora la cittadina.[...] Adesso la luce rivelava ogni irregolarità e difetto delle costruzioni e ... delle persone. All'improvviso Grace ebbe più che chiara la risposta alle proprie domande. Se si fosse comportata come loro non avrebbe potuto difendere neanche una sola delle sue azioni e non avrebbe potuto condannarle con sufficiente asprezza. Era come se la sua afflizione e il suo dolore avessero finalmente trovato la giusta collocazione. No. Quello che avevano fatto non era abbastanza buono e se qualcuno aveva il potere di rimettere a posto le cose era suo dovere farlo, per il bene delle altre città, per il bene dell'umanità e non ultimo per il bene dell'essere umano: che era Grace stessa. (Narratore)

Dialoghi[modifica]

  • Tom: Ti tengono d'occhio e se tu a loro già vuoi bene hanno bisogno di essere un po' convinti. Hai due settimane per farti accettare.
    Grace: Lo fai sembrare come se facessimo un gioco...
    Tom: È così, è un gioco. Salvare la tua vita non vale un giochino?
    Grace: Che cosa vuoi che faccia?
    Tom: Ti secca il lavoro fisico?
    Grace: No.
    Tom: Dogville ti ha offerto due settimane ora offri tu loro.

Altri progetti[modifica]