Dr. House - Medical Division (quinta stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

1leftarrow.pngVoce principale: Dr. House - Medical Division.

Dr. House - Medical Division, quinta stagione.

Episodio 1, La morte cambia tutto[modifica]

Frasi[modifica]

  • La mia paziente lotta in trincea nonostante la guerra femminista sia finita, le puttane di una volta sono le donne di potere di oggi, quelle di oggi sono delle star... Se non è progresso questo! (House)
  • Io rispetto quello che merita rispetto. (House)
  • [Alla paziente] Lui è il dottor House, troppo brillante per il convenevole. (Tredici)
  • [A Tredici] La gente muore! Tu, Amber, tutti moriamo. Non fingere di averlo scoperto adesso. Ti ho fatto una diagnosi, se non ti piace c'è un'uscita a ogni piano. (House)
  • La disperazione è Newark, sì è totale, senza via d'uscita. L'unica è tapparsi il naso, buttarsi in mezzo al traffico e raggiungere Manhattan nel più breve tempo possibile. (House)
  • Non tutti gli uomini sono stati creati uguali. (Paziente)
  • Quello che non affronti non può distruggerti. (House)
  • Quasi morire non cambia niente, è la morte che cambia tutto quanto. (House)
  • [Ad House] House, noi non siamo più amici. Anzi, non so se lo siamo mai stati. (Wilson)

Dialoghi[modifica]

  • Foreman: Abbiamo un caso.
    House: Devo ricordarmi di chiudere le veneziane.
    Foreman: Ti ha cercato una certa Patty Mishner, presidente dell'associazione per i diritti delle donne...
    Cuddy: Sappiamo chi è.
    House: Ci sono anche uscito... anzi direi che l'ho metaforicamente stuprata solo per il fatto di avere un pene... [A Foreman] Anche tu, eh?
    Foreman: La sua assistente ha dato di matto, si è strappata gli abiti di dosso di fronte a vari uomini d'affari.
    House: Beh, o c'è stata costretta a frustate oppure si è resa improvvisamente conto che la sua aspirazione è quella di eccitare gli uomini, non di castrarli. È da reparto psichiatrico.
    Foreman: Anemia, bradicardia e dolori addominali non sono proprio sintomi psichiatrici.
    House: Allora il motivo è l'altro. Mandatela a casa mia...
    Cuddy: Assegno il caso a Sigal.
    Foreman: Per una volta House vuole un caso e tu glielo togli?
    Cuddy: House ha cose più importanti da fare... [Riferendosi al parlare con Wilson]
    House: Mi dispiace, ma non posso aiutarti. Ti serve uno specialista per togliere quelle verruche, magari laureato anche in speleologia.
  • Tredici: [A Wilson e House] Scusate, la paziente ha una rettorragia...
    House: Ho da fare.
    Tredici: Deve venire...
    House: In realtà come vedi non ho niente da fare, era un eufemismo per dirti fuori dai piedi.
  • Taub: [A Wilson ha deciso di dare le dimissioni] Perché se ne va?
    Wilson: Ho bisogno di cambiare ambiente.
    House: Compra delle piante!
  • House: [A Cameron, che sta curando un paziente particolarmente grasso] Curi anche gli infortuni degli sportivi professionisti?
    Paziente: Ehm, guardi che io non...
    House: Facevo solo un po' di sarcasmo. È una novità. [Rivolto a Cameron] Hai parlato con Wilson?
    Cameron: [Al paziente] Le richiedo un elettrocardiogramma. [A House] Ci vado a letto per farlo restare?
    House: Per quello ho incaricato la pollastra bisex [Tredici], ma se ti vuoi aggregare per parlarci meglio...
    Cameron: Abbiamo già parlato.
    House: Cosa gli hai detto?
    Cameron: Io non gli ho detto niente, ho solo ascoltato.
    House: Perché così ti senti la coscienza a posto. Devi dirgli che...
    Cameron: Non sono più il tuo fattorino, perciò tra noi è finita.
    Paziente: [A Cameron e House] Voi due siete stati insieme?
    House: Mi ha mollato quando ho perso l'ultimo mezzo quintale. Ha detto che c'era meno di me da amare.
  • Cuddy: [Riguardo a Wilson, disperato per la perdita di Amber] Parlagli, House. Partecipa al suo lutto, parlate di quello che sta passando.
    House: Che idea geniale! Possiamo andarci a bere una birra, compenserà il fatto che Amber si trovi in una cassa di pino e che nell'universo regni la casualità e il caos.
  • Cuddy: [Davanti alla casa di House] Ti dispiace se entro?
    House: No, affatto. A te dispiace se esco?
  • [La Cuddy vuole costringere House e Wilson a parlare]
    Cuddy: [A Wilson] Fermo lì, o non fornirò il tuo piano retributivo a tutti gli ospedali degli stati confinanti.
    House: Così ti voglio.
    Cuddy: [A House] E sintonizzerò definitivamente ogni TV di questo ospedale sulle lezioni di ceramica, se non vi sedete subito... Allora, benvenuti alla terapia di coppia.
  • Tredici: [Alla paziente] Ma perché ti lasci trattare come uno zerbino? [dal suo capo]
    Paziente: Al mondo servono i perdenti.
    Tredici: Non dirlo nemmeno, vali molto di più.
    Paziente: Io non ho problemi ad accettarlo, perché tu ne hai?
    Tredici: Perché la vita è breve, e tu hai rischiato di perderla durante l'intervento, senza mai aver vissuto per te stessa... che razza di femminista sei? Possiamo avere qualsiasi cosa!
    Paziente: Non è così. Possiamo aspirare ad avere qualsiasi cosa, ma non la otteniamo solo perché la vogliamo. Io preferisco passare la vita accanto agli uccelli, piuttosto che sprecarla desiderando le ali.

Episodio 2, Non è cancro[modifica]

Frasi[modifica]

  • [A House, che ha di nascosto aggiunto i soldi da pagare all'investigatore nel conto dell'ospedale] Perché costa 2300 dollari aggiustare una macchina del caffè?! (Cuddy)

Dialoghi[modifica]

  • House: [Al suo team, che inizialmente lo ignora] Che faceva Wilson per me?
    [...]
    House: Sicuramente mi faceva ridere nei giorni più cupi, mi ha fatto vedere colori a me sconosciuti...
    [...]
    House: D'altra parte anche Gilbert Gottfried mi fa ridere, e poi quanti colori ci sono, quando hai il rosso, il blu e il verde...
    Kutner: Ti pagava il pranzo, amava il Monster Truck ed era la tua coscienza.
  • [In mensa, House e il dottor O'Shea]
    House: [Mostrando il vassoio alla cassiera] Mettilo in conto al dottor O'Shea... e delle patatine.
    O'Shea: Hai dimenticato il portafogli, House?
    House: No.
    O'Shea: [Rassegnato, alla cassiera] Pago tutto io.
    House: [Alla cassiera] Passo.
    [O'Shea si siede ad un tavolo e House lo segue]
    O'Shea: Mi stai seguendo?
    House: Gira voce che ti piacciono i Monster Trucks.
    O'Shea: Piacciono ai miei figli.
    House: A te no?
    O'Shea: Predator è bravino, ma per me California Crusher è sopravvalutato.
    [House si siede]
    O'Shea: Cos'è un... un esame, questo?
    House: Sei astuto... [Prendendo il Vicodin] No.
    O'Shea: Quante pillole hai preso, scusa?
    House: Vicodin, oppiacei, un po' di B12... Ho bisogno di un piccolo aiuto il pomeriggio... Ti crea qualche problema?
    O'Shea: ...
    House: Credo che mi sto innamorando.
    [Arriva Foreman]
    Foreman: L'occhio destro sta cedendo.
    House: Non è vero, gli organi trapiantati degli altri stavano bene, quindi l'occhio sta bene.
    Foreman: Le dobbiamo asportare l'occhio.
    House: È il suo unico occhio che funziona.
    Foreman: Le potremmo asportare l'altro, ma dato che non la sta fecendo morire forse questo è meno folle.
    House: [Ad O'Shea] Hai qualche... problema etico con quello che sto facendo da esprimere in modo singolare che possa farmi pensare che mi sbaglio anche se non lo ammetterò mai?
    O'Shea: Sì.
    House: Sei spiritoso! [A Foreman] Il problema non è nell'occhio, è nella testa. [Ad O'Shea] Ti va di venire a vedere Prescription Passion a casa mia stasera?
    O'Shea: Lo sai che non sono gay.
    House: Neanch'io. Se non ti va di fare sesso non c'è problema.
    O'Shea: Non ci vengo a casa tua.
    House: Imparerai ad amarmi.
  • House: Che razza di idiota porta i calzini scozzesi con gli scarponi da lavoro?
    Lucas: Non sono un idiota, è solo che... non so travestirmi.
    Foreman: [Riferendosi a Lucas] Ma chi è?
    House: A quanto pare un pessimo investigatore privato.
    Taub: E perché finge di aggiustare la macchina del caffè?
    House: Perché volevo scoprire quello che avete scoperto voi prima di scoprire quello che ha scoperto lui per poter scoprire se mi serve un investigatore.
  • Lucas: [A House] Ah sì, allora, fanno ben 2300 dollari.
    House: Ti faccio un assegno.
    Lucas: No, non accetto assegni.
    House: Hai paura che blocchi il pagamento?
    Lucas: Non lo fai?
    House: Certo che sì... 2300 dollari, è allucinante!
  • House: Hai il consenso [da parte di un'anziana donna per l'intervento di suo marito]?
    Taub: No.
    House: Di' a Foreman di chiederlo, i vecchi hanno paura dei neri.
  • [In un furgoncino dei gelati dal quale Lucas spia]
    Lucas: Dovresti fidarti degli amici.
    House: Non lo conosco [O'Shea], non ho una ragione logica per...
    Lucas: Per essere un suo amico? Hai mai visto un After School Special? Fa parte dei piaceri dell'amicizia avere fiducia senza una prova assoluta e poi, essere ricompensato per la fiducia.
    House: Stai facendo le foto a un tizio che ha una relazione con sua sorella, e mi fai la predica sulle ricompense della fiducia?
    Lucas: Ci sono due tipi di persone che mi assumono... no, anzi, ce ne sono tre, ma il terzo tipo è irrilevante per quello che voglio dimostrare.
    House: Hai una tariffa ridotta per essere un rompiscatole?
    Lucas: Un tipo vuole scoprire di avere ragione, un tipo vuole scoprire di sbagliare.
    House: Io di che tipo sono?
    Lucas: Del terzo tipo.
    House: E inizi dai tipi irrilevanti?
    Lucas: A te non importa se hai ragione o torto, mi hai assunto per investigare sulla persona sbagliata.
    House: E sarei un tipo così?
    Lucas: Tu vuoi che controlli Wilson. Vuoi scoprire se...
    House: Come sai tu di Wilson?
    Lucas: Che cosa faccio di mestiere?
    House: Controllavi anche me? Ho pagato per questo?
    Lucas: Veramente finora non hai pagato... Vuoi scoprire se si dispera. Vuoi scoprire se qualcosa di lui può dirti che tornerà in ospedale. O se c'è qualcosa che può farlo tornare.
    House: E c'è?
    Lucas: No, non c'è niente. Mi dispiace... mi devi 900 dollari.
  • House: Vuoi essere mio amico?
    Lucas: No, mi spaventi.
  • [House suona il campanello d'emergenza della paziente e l'infermiera arriva di corsa]
    House: Sta bene. Dov'è la cartella?
    Infermiera: Ha suonato l'emergenza per avere la sua cartella?
    House: Lo so, sono stato cattivo. Ma sono abbastanza sicuro che la cartella debba stare attaccata al letto, così i dottori zoppi non devono cercarla mentre i pazienti muoiono.
    [L'infermiera, seccata, gli porge la cartella, distante solo un paio di metri da House]
    House: Ah, grazie mille... e un tè alla menta appena le è possibile.
    [...]
    [In una scena successiva House suona di nuovo l'emergenza e arriva l'infermiera]
    House: Tè alla menta?
    Infermiera: Lei conosce la storia di Al lupo! Al lupo!?
    House: Io non l'ho mai bevuta. Per quante volte un bambino urli che un lupo lo sta per mangiare, la mamma arriverà di corsa.
    [...]
    [Nella stessa scena House suona per la terza volta l'emergenza e arriva ancora l'infermiera]
    House: Visto? Questa è la prova!

Episodio 3, Eventi avversi[modifica]

Frasi[modifica]

  • C'è una sola verità. (House)
  • Le persone infelici salvano più vite, se la tua vita ha un significato il tuo lavoro può anche non averne. (House)
  • I fallimenti sono più accettabili se hai una spalla su cui piangere. (House)
  • Tre farmaci sperimentali non testati sono come le Teste di Cuoio, nessuno può fermarli. (House)
  • La sua ragazza [del paziente] è bollente? No, non intendo se ha la febbre, insomma, è tutta curve e passionalità? (House)
  • La gente non dovrebbe testare farmaci perché disperata, ma la gente non li testerebbe se non fosse disperata, servono farmaci per salvare i bambini, ergo serve gente disperata, ergo il benessere uccide i bambini malati. (House)
  • [Alla Cuddy] Sono preso da te perché sei sexy e intelligente, in quest'ordine, ma sono entrambe qualità necessarie. Le foto si possono ritoccare e House è un genio del male, quindi questa foto è sospetta. Ma non ti sei insospettita, perciò o non sei abbastanza intelligente da insospettirti, e allora io perdo un po' del mio interesse, o non ti sei mostrata sospettosa perché sai che è realmente una foto contraffatta di House, e in questo caso io sono più interessato a te, ma perdo tempo, perché hai capito che questo è un gioco di cui sei la vittima e a cui io ho preso parte, e sono fregato. (Lucas)
  • Le persone odiano le persone che hanno teorie sulle persone. (House)

Dialoghi[modifica]

  • Lucas: [Alla Cuddy] Sa, mi piacciono molto le sue scarpe.
    Cuddy: [Imbarazzata] Ah... La ringrazio.
    [La Cuddy se ne va]
    House: Non ti piacciono le sue scarpe, ma le sue gambe.
    Lucas: Sembri meno depravato se dici "scarpe".
    House: Meno depravato, ma più gay.
  • Tredici: Tu hai strisciato per 30 chilometri?
    Kutner: Sono sul Guinness dei Primati.
    Taub: [Sarcastico] Eh, farà colpo sulle ragazze, ci scommetto.
    Kutner: Non l'ho fatto per rimorchiare.
    Taub: [Sempre sarcastico] Certo che no, sminuirebbe la purezza della tua impresa.
  • Kutner: Credi che House sappia qualcosa su tua moglie?
    Taub: No. E anche se fosse, chi se ne frega.
    Kutner: Ma come? Tua moglie fa l'amore con il portiere nel tuo letto, si rotola fra le lenzuola che hai comprato tu e non vuoi...
    Taub: Mia moglie non si fa il portiere.
    Kutner: Come lo sai?
    Taub: Non abbiamo un portiere.
  • Tredici: [Al paziente che lavora come cavia nei test dei medicinali] I farmaci? Quanti ne sta sperimentando?
    Paziente: Tre.
    House: Ammirevole. Pochi idioti sono tanto ambiziosi.
    [...]
    Paziente: Lo dirà a Heather [la sua ragazza]?
    House: Non potrei neanche se me ne fregasse qualcosa.
  • Tredici: Primo farmaco...
    House: Chiamiamolo bisexadrina [Alludendo alle tendenze sessuali di Tredici]. I test si fanno su farmaci sperimentali che non hanno ancora nomi rassicuranti e intriganti, ma numeri difficili da ricordare. Continua.
    Tredici: La bisexadrina è studiata come anticoagulante, la prima fase ha rivelato rischi di nausea e di insonnia. Secondo farmaco...
    House: Cornutosolina [Alludendo ai rapporti coniugali di Taub].
    Kutner: [A Taub] Scusa, tua moglie ha un'amante?
    House: Peggio. Il sesso lo puoi liquidare come un fatto ormonale o emotivo, i soldi invece sono sempre una decisione calcolata.
    Taub: [A Kutner] Mia moglie ha un conto in banca e House è convinto che io non lo sappia.
    House: Scioccante. [A Tredici] Va avanti.
    Foreman: Il farmaco B è per malattie autoimmuni, non ha effetti collaterali.
    Taub: Beh, in ogni caso non si combina bene con autocoagulanti e autoconvulsivi.
    Kutner: Come chiama il terzo farmaco?
    House: Le ginocchia più doloranti del mondo [Alludendo al record di Kutner]. La Cuddy veniva chiamata così.
  • [La Cuddy scopre Lucas a frugare nella scrivania]
    Lucas: Ho pensato che magari potevamo andare al cinema o a bere qualcosa insieme, e non sapendo che cosa le piace fare o deciso...
    Cuddy: Di spiarmi?!
    Lucas: No. No, questo non è spiare, è più una ricerca. Mi sembra una buona idea sapere qualcosa di più su una donna prima di chiederle di uscire, dimostrarle che non ti piace solo per il suo aspetto.
    Cuddy: Anche se tenta di buttarla sul romantico, per me quello che sta facendo non è tanto da persona premurosa, quanto da verme.
    Lucas: Questo non è giusto...
    Cuddy: L'ho trovata a frugare della mia scrivania.
    Lucas: Ah, per quello che ho scoperto! È andata nel Michigan, le piacciono i sandwich con poca maionese, si tiene in contatto con sua madre, ha noleggiato Il paziente inglese e dà contributi ad Amnesty International. Sinceramente non c'è una cosa che non racconterebbe a un collega mentre vi trovate in ascensore. Non sono un verme, è solo che la trovo interessante. Ora me ne devo andare... ah, sì, queste... [Lucas mette un mazzo di rose sulla scrivania della Cuddy]
    [...]
    Cuddy: Come sa che adoro le rose?
    Lucas: Questa notte ero a casa sua. [La Cuddy fa uno sguardo stravolto] No! Scherzavo! Quale donna non ama le rose?
    Cuddy: Ah... [Evidentemente infatuata dell'uomo]
  • [Esaminando i risultati dell'angiografia cranica del paziente]
    Kutner: Eccolo qui, circolo di Willis, i vasi sono stenotici.
    House: Sono stenotici per te e normali per lui, altrimenti i sintomi si sarebbero presentati da tempo.
    Taub: No, se è cambiato qualcos'altro.
    House: Tipo?
    Taub: Potrebbe aver avuto di recente un'aritmia parossistica.
    House: So che cuore e cranio iniziano con la stessa lettera, ma dobbiamo leggere tutto fino alla fine.

Episodio 4, Impronte genetiche[modifica]

Frasi[modifica]

  • [A Wilson] La suoneria che ti ho dato è Dancing Queen degli ABBA. (House)
  • [Un poliziotto sta perquisendo Wilson e intanto House, insieme a lui, riceve una telefonata da Foreman]
    [A Foreman] Dai, svelto, non voglio perdermi la perquisizione anale. (House)
  • [Discorso funebre per il padre] C'è molta gente qui oggi, compresi alcuni suoi commilitoni, e ho notato che sono tutti o dello stesso grado di mio padre o più elevato. E questo non mi sorprende. Perché se un uomo si valuta dal suo rapporto con i propri subalterni, in questo mio padre ha fallito. Quest'uomo cui siete ansiosi di rendere omaggio era incapace di ammettere opinioni diverse dalla propria, puniva l'insuccesso, non accettava niente al di sotto... Amava fare quello che faceva. Considerava il suo lavoro come una specie di... santa vocazione, più importante di ogni rapporto personale. Probabilmente se fosse stato un padre migliore sarei migliore anch'io. Ma sono quello che sono a causa sua, nel bene e nel male. (House)
  • Credo che nessuno possa scegliersi i propri genitori. Non sono neanche più sicuro ormai che si possano scegliere gli amici. (Wilson)

Dialoghi[modifica]

  • Cuddy: Mi dispiace per tuo padre [È morto].
    House: A me no. Esauriti i convenevoli?
    Cuddy: Se hai bisogno di qualcosa devi solo...
    House: Ah sì, ti ringrazio, non riuscirò a dormire da solo 'sta notte.
    [La Cuddy estrae dalla tasca una siringa.]
    House: Dimmi che quella è una fiala di Vicodin.
    Cuddy: Iniettiamo immunoglobuline a quelli che sono venuti in contatto con la tua paziente. Curiosamente nessuna delle infermiere si è offerta di occuparsi di te.
    [House tende il braccio per subire l'iniezione.]
    Cuddy: È meglio un muscolo grande. Tira giù i pantaloni.
    House: Strano, di solito pago decine di dollari per sentirmelo dire.
  • Cuddy: Tua madre vuole che pronunci l'elogio funebre.
    House: Elogio, dal greco parlare bene. Se mi chiedesse di pronunciare un bastardologio ne sarei felice.
    Cuddy: Non fare il bambino. Telefona a tua madre e dille che sei stravolto dal dolore ma che sei troppo occupato.
    House: Lo sa quando mento.
    Cuddy: Allora comincia a scrivere.
  • [House fa cadere le chiavi di Wilson nel tombino, per non arrivare al funerale del padre]
    Wilson: Vedi, non si tratta solo delle chiavi della macchina, ci sono anche quelle di casa, e poi Amber mi aveva dato quel portachiavi.
    House: No, non è vero. A meno che per lei tu non fossi Volvo... Un uomo capace di inventarsi un regalo della sua defunta fidanzata.
    Wilson: Una più che comprensibile reazione a un gesto infantile, privo di senso e provocatorio.
    House: La lotta per resistere all'oppressore non è mai priva di senso. Viva la revolucion!
    Wilson: Beh, non vorrei deluderti, Che, ma un semplice ritardo non serve. Tua madre aspetterà che arriviamo.
    [...]
    House: Ah, basta, lascia perdere le chiavi. Chiama un fabbro. Andiamo dentro a giocare indovina l'odore con i camionisti mentre aspettiamo. Raggiungiamo il lato oscuro della Forza.
  • Cameron: [Consultando un sito di compravendite sul computer] Secondo voi House manderebbe la composizione dolce conforto o il bouquet è un pensiero affettuoso? Insomma, se non fosse un idiota.
    Chase: Manda uno di quei biscotti giganti a forma di bara. La madre non dubiterà che è da parte sua.
  • Poliziotto: Quest'uomo [Wilson] era un perfetto sconosciuto per lei e le ha pagato la cauzione?
    House: Era un convegno noioso. Volevo qualcuno con cui bere.
    Wilson: Ecco com'è cominciata la nostra grande amicizia. Se non ti fossi annoiato quel weekend non sarebbe mai nata.
    House: Ehi, c'erano tremila persone a quel convegno. Eri l'unico a non sembrarmi noioso, non è poco.
    [...]
    Poliziotto: Potete andare.
    House: [Che vuole temporeggiare] Cosa?! Ma è un volgare latitante. Ha raccontato solo balle, ha pugnalato un uomo.
    Poliziotto: La Lousiana non vuole pagare per riaverlo indietro.
    House: Al diavolo la Lousiana! Correva come un pazzo attraverso questo tuo sonnacchioso paesino! Ma cos'è, avete tutti difficoltà di digestione?
    Poliziotto: La smetta di comportarsi come un ingrato e vada a dare l'ultimo saluto a suo padre.
  • House: Se vuoi tornare perché sei attratto dal fascino della mia necessità... beh, mi sta bene.
    Wilson: Voglio tornare perché hai ragione. Quello strano viaggio che abbiamo fatto è l'unica cosa piacevole da quando Amber è morta.
    House: Hai fame?
    Wilson: Mmh.
    House: Wilson.
    Wilson: Sì?
    House: Mio padre è morto.
    Wilson: Già. Mi dispiace.

Episodio 5, Tredici porta fortuna[modifica]

Frasi[modifica]

  • [Wilson è caduto dalla sedia che House ha manomesso]
    [Sarcastico] Oh mio Dio! Ho fatto uno scherzo al mio migliore amico e l'ho rovinato. Avrei dovuto pensarci meglio prima di agire. (House)
  • [A Tredici] Una sveltina senza impegno? Mi aspettavo di vederti fare qualche pazzia dopo che ti hanno diagnosticato l'Huntington, ma è più di quanto osassi sperare. (House)
  • Se non è in questa stanza [Il medico che aveva curato la paziente] il suo pensiero non mi interessa, a meno che non sia una lei e fosse con voi [Tredici e la paziente] la notte scorsa. In tal caso mi appassiona. (House)
  • [A Tredici] Tredici, infila un ago nella zona pelvica della tua amichetta e... no, guarda che non è una metafora. Succhiale un po' di midollo osseo... questa invece lo era. (House)
  • [Si scopre che la paziente ha avuto un rapporto sessuale con Tredici solo per arrivare ad House]
    [A Tredici] Sei solo delusa perché per tutto il tempo in cui è stata con te non ha fatto altro che pensare alle mie incredibili doti diagnostiche. (House)
  • A me interessano le persone, e le parole molto meno. (House)
  • [Vedendo una prostituta entrare nell'appartamento di Wilson]
    Sono otto qui gli appartamenti. Ci abiterà almeno un pervertito come me in uno di questi. (House)
  • [Sedendosi nell'ufficio di Wilson] Non mi sedevo qui da almeno quattro mesi. C'è ancora la forma delle mie chiappe. (House)
  • [A Wilson] Oh mio Dio! Hai invocato il nome della tua ragazza morta per fregarmi? Sei il mio eroe. (House)
  • [Incontrando Wilson e Cuddy in un negozio di articoli per neonati] Oh mio Dio, anche voi fate spese qui! Hanno le migliori tettarelle di Princeton. (House)

Dialoghi[modifica]

  • Cameron: Secondo Tredici la paziente deve aver preso la droga almeno cinque ore prima della crisi e quindi...
    House: E Tredici come lo sa?
    Cameron: Beh, a quanto pare era con la paziente ieri sera.
    House: Fino alle tre del mattino?
    [Cameron risponde con un'alzata di spalle]
    House: Oh cielo! Abbiamo un mix fra Penthouse e i misteri della medicina. Ma allora un dio esiste.
  • [House segue Tredici che fa l'esame alla paziente]
    Tredici: Posso farcela da sola.
    House: Lo so che l'hai già fatto. Però serve uno chaperon. [Con spiccato accento francese] Tranquille, sono molto tollerante e comprensivo come chaperon. E fate pure come se non ci fossi, beh, insomma, se volete baciarvi, toccarvi, fare la doccia insieme...
    Tredici: [Alla paziente] Devi scusare il dottor House. Pensa che l'immaturità sia originale.
    Paziente: [A House] Lei è il dottor House?
    House: Il mio nome è spuntato fuori stanotte sotto forma di gemito? Hai fatto sesso e poi hai avuto una crisi. Forse è scattata per una posizione o un'attività particolari. Eh, sembra una valida teoria medica, non credi?
    Tredici: [Alla paziente] Mi dispiace. Ignoralo e basta.
    Paziente: Qualunque cosa immagina, beh, l'abbiamo fatta. Anche di più.
    House: A luce accesa o spenta?
    Tredici: C'è un motivo medico per questa domanda?
    House: La sensibilità alla luce può...
    Paziente: Accesa.
    House: Mmh... L'immaginavo più pudica, lo ammetto. È una che parla o preferisce comunicare a gesti?
    Paziente: Beh, direi che è abbastanza diretta su quello che le piace.
    House: Quante cose sto scoprendo... Allora su una scala da 1 a 10 dalle un voto.
    Tredici: [Alla paziente] Non rispondere.
    Paziente: Sette.
    House: Bene, questa la sapevo. [House mostra la cartella clinica dove ha scritto un grande "7"]
  • House: [Riferito a Wilson] Mi ha mentito. Devo sapere perché.
    Lucas: Cosa credi di scoprire?
    House: [Sarcastico] Temo che sia diventato una spia.
    Lucas: O temi che in quattro mesi la vostra amicizia sia cambiata.
    House: Non capisco se lavora per Hirohito o per i patrioti del New England.
  • Foreman: Hai fatto fare delle indagini anche su di me. Hai preso in giro tutti quando scoprivi qualcosa, tutti tranne me. Sarà perché non hai trovato niente?
    House: Hai ragione... Questo perché non hai fatto niente di stupido, spontaneo o vagamente interessante da quando avevi 17 anni. Ma che tristezza!
  • House: Sei licenziata.
    Tredici: Cosa?! Ma se mi ha appena difesa!
    House: No, ti ho appena evitato un test antidroga. E probabilmente ti ho salvato la carriera. Ma sono già anche troppo impegnato con un altro tossico qui dentro [Prendendo il Vicodin].
    Tredici: Io non sono una tossica!
    House: Una troietta festaiola ti diverte finché non ti vomita sulle scarpe. Allora diventa una spina nel fianco.
  • Lucas: [riferito a Wilson] Per quale motivo ha deciso di frequentare una squillo?
    House: Perché è un idiota con la sindrome del Salvatore. Salverebbe chiunque ne avesse bisogno: ha avuto una prima moglie senza una gamba, e la seconda era canadese. È lui che ha bisogno di essere salvato.
  • Foreman: Senti, mi trovi un po' noioso?
    Chase: Sì.
    Foreman: Lo dici solo per farmi irritare.
    Chase: Esatto. Cos'altro ti aspettavi da me?
    Foreman: Mi aspetto che House mi manipoli, mi aspetto che Cameron mi sollevi il morale, mi aspetto che i nuovi arrivati mi ossequino, e che tu sia sincero con me. Perché di me te ne freghi.
    Chase: Sì, sei noioso. Questo discorso era noioso.
    Foreman: Grazie infinite.
    Chase: I problemi degli altri non ti toccano, i tuoi problemi non ti smuovono di una virgola e sono i nostri sbagli che ci rendono interessanti. Invece tu non perdi mai il controllo, il che è un bene ma è... noioso. Non perdere il controllo vuole anche dire non mettersi mai in gioco, non spingersi mai oltre il limite. Ma è anche vero che tu hai un tatuaggio, perciò... forse mi sbaglio.

Episodio 6, Joy[modifica]

Frasi[modifica]

  • [Riguardo al paziente sonnambulo che durante lo stato di incoscienza si fa di cocaina] E così, il Bell'Addormentato impazzisce per Biancaneve. (House)
  • [Alla Cuddy, riguardo all'adozione] Questa storia del bambino per te sta funzionando davvero: vai a fare shopping, non avrai smagliature. (House)
  • [Alla Cuddy, che tiene per la prima volta in braccio la bambina] Mazal tov. Ora è il momento di dire quelle paroline magiche che gli ripeterai tutta la vita: la mamma deve andare a lavoro. (House)
  • [Riferito all'adozione] Tutti sono felici finché non scartano il regalo e scoprono che è un orologio da parete a forma di Africa. (House)
  • Le decisioni non si prendono a caso. (House)

Dialoghi[modifica]

  • Cuddy: Maschio, trentasette anni, con amnesie ricorrenti.
    House: Che passi dalla tequila al bourbon, per me ha funzionato.
    Cuddy: L'hanno già visto tre medici e hanno escluso droga e alcol.
    House: È epilessia, digli di comprarsi un casco da Hockey.
    Cuddy: EEG e TAC sono negativi. [Evidentemente felice per l'adozione di un figlio]
    House: Rilassati. L'agenzia di adozioni ti ha accettato, ma non è detto che ti accetti la madre biologica. Sei una mamma single, cioè al di sotto delle coppie assolte per gli scandali delle babysitter.
    Cuddy: Molte grazie, dottor House. Sai, è un caso interessante.
    House: A che ora vedrai la mamma?
    Cuddy: Mi fai seguire dal tuo investigatore?!
    House: Ho sminuito il tuo valore sociale di madre e reagisci con un po' di sarcasmo. Vuol dire che non senti il bisogno di difenderti, e che non temi che non ti diano il bambino. E quindi lo hai già ottenuto.
    Cuddy: Ci vediamo oggi alle 11. Dovrebbe partorire una bimba fra due settimane.
    House: Sarà felice di dare la figlia crack-dipendente a una dottoressa.
    Cuddy: Non è crack-dipendente!
    House: [Sarcastico] No! La madre è sanissima, dà via la figlia solo per poter continuare i suoi studi sul genoma umano.
    Cuddy: Ha detto di aver preso anfetamine in passato.
    House: È quello che non confessano che è quasi sempre più interessante. Stai facendo un errore.
    Cuddy: Perché una ragazza che tu non conosci può avere problemi che tu ignori e può averli trasmessi alla figlia?
    House: Perché sei una narcisista maniaca del controllo, il che va bene in alcuni lavori, ma non sei preparata a gestire un bambino che ha difetti di fabbrica. Dove vi incontrate?
    Cuddy: In un posticino che si chiama Seguimi e il tuo urologo si comprerà un nuovo yacht.
    House: Sai qual è la prassi per darla indietro? È peggio che con i videogiochi.
    Cuddy: Ma io non cambierò idea.
  • House: Non ho detto che non sei testarda, ma che non sei un tipo materno.
    Cuddy: Ti ringrazio, ora vattene!
    House: Sei più irascibile.
    Cuddy: La bambina sta male, scusa se non lo trovo divertente.
    House: Ne vale la pena solo perché cerchi l'amore incondizionato?
    Cuddy: Solo tu la ritieni una cosa sbagliata.
    House: È una cosa fasulla. Non esiste l'amore incondizionato, è una tua necessità. Non fare della bambina una vittima del tuo orologio biologico.
    Cuddy: Una vittima?! Quindi credi che starebbe meglio in un...
    House: Sì, almeno saprebbe che non è qualificata per quel compito. [House fa cadere la lampada della Cuddy a terra, rompendola]
    Cuddy: Fammi indovinare: io le dirò di non giocare a palla in casa ma lei non mi darà retta.
    House: No, io volevo dire: lei fa entrare in casa il suo ragazzo mentre tu dormi, e lui vuole farlo sulla scrivania, lei all'inizio dice di no, ma poi cede perché manca di autostima.
    Cuddy: Questa me la paghi.
    House: La sto già pagando. Con la saggezza.
  • House: Vorrei il tuo consiglio. [Dando a Wilson la cartella clinica]
    Wilson: [Senza neanche leggere] Non è cancro.
    House: Wow! Sai anche rimuovere le milze con in pensiero?
    Wilson: Sei qui per parlarmi della Cuddy, la cartella è un pretesto.
  • Cuddy: [Disperata per la perdita della figlia] Non è davvero il momento di gongolare.
    House: C'è più di un bambino nel mare. Il mondo è pieno di adolescenti che cavalcano senza sella.
    Cuddy: No, ho chiuso. Non posso passarci di nuovo.
    House: Rinunci? Come con la fecondazione in vitro?
    Cuddy: Sì. proprio così.
    House: Visto? Lo hai fatto di nuovo. [La Cuddy sorride] Peccato, saresti stata un'ottima madre.
    Cuddy: [furiosa] Che figlio di puttana. Quando stavo per avere la bambina hai detto che sarei stata uno schifo di madre. Adesso che l'ho persa vieni a dirmi che sarei stata un ottima madre. Perché senti sempre il bisogno di annientare tutto?!
    House: [Tranquillamente] Non lo so. [Bacio appassionato tra i due]

Episodio 7, Il prurito[modifica]

Frasi[modifica]

  • Chiunque odierebbe l'umanità dopo che gli hanno sparato. Solo un grand'uomo la odia a prescindere. (House)
  • [Alla Cuddy] C'è un motivo se proviamo un senso di imbarazzo, di certe cose non si deve parlare. (House)
  • [Alla Cuddy] Quando vuoi non fermarti ai baci, conta su di me. (House)
  • Il dolore cambia tutto. (House)
  • [Al paziente] Qualunque sia il tuo problema, ha causato una complicazione che chiamiamo Colon PDM. PD: Pieno di, e dato che siamo in presenza di una signora [Cameron], M: Melma. (House)
  • Il vantaggio di essere il capo è che non devo discutere. (Cuddy)
  • Se la Confederazione avesse avuto le zanzare, ora avremmo tutti l'accento del Sud e io pagherei meno Foreman. (House)
  • [All'avvocato del paziente, durante un'operazione chirurgica] Ehi, vuole vedere se il suo cliente è davvero pieno di soldi? (House)
  • [A Cameron] Ehi, Cameron! Non è che rivorresti il tuo vecchio lavoro? Sai, è l'unico modo che ho per licenziarti. (House)
  • Ai bambini piace giocare con i soldatini in bagno. Lui [Il paziente] rievoca la battaglia di Ypres tre volte a settimana, con gas veri. (House)

Dialoghi[modifica]

  • Wilson: Hai parlato con la Cuddy ieri sera?
    House: Sta bene. Perché dovrebbe metterci più di qualche ora a superare la mancata adozione di un bambino?
    Wilson: Le hai parlato?
    House: Diciamo che ho fatto bella figura e adesso vuole che sia tutto per lei.
    Wilson: Uauh! Cosa... cosa?!
    House: Ah. Gli altri credevano che scherzassi.
    Wilson: Ma-ma-ma vuoi dire che avete fatto dei giochini o fatto sesso veramente?
    House: Ho fatto uno schema con tutti i passaggi, se vuoi te lo spiego.
    Wilson: Ma che farai?
    House: Che vuoi che faccia? Non posso ignorarla per tutta la vita... [Grattandosi la mano] Questa puntura di zanzara non mi fa dormire.
    Wilson: Lascia perdere le punture! È il tuo capo!
    House: Allora adesso ho due motivi per ignorarla. Beh, è stato solo un bacio.
    Wilson: C'è una spiegazione.
    House: Sì, quelle due cose nel reggiseno, immense.
    Wilson: Se me l'hai tenuto nascosto, significa che è importante per te.
    House: Già, l'ho diabolicamente mascherato con le parole ho fatto una bella figura.
    Wilson: Smetti di grattarti o sanguinerà.
    House: Qualcosa di utile finalmente. Se esce il sangue esce anche il veleno.
    [Squilla il telefono di House]
    Wilson: Se ti fidanzassi con la Cuddy, sarebbe...
    House: [Seccato] Eh... scusa c'è più campo se te ne vai.
  • Paziente: Ho espresso i miei desideri.
    House: Ah ah, e se ci fosse la fatina dei matti li esaudirebbe.
  • Wilson: Curioso. Anch'io ho qualche amico, ma non mi è mai successo di infilargli la lingua in bocca.
    Cuddy: Non considero House da quel punto di vista, non esiste.
    Wilson: Perché no?
    Cuddy: Beh, sai anche tu come andrebbe: all'inizio sarebbe eccitante, ci faremmo prendere dalla novità, dalle schermaglie, dalla morbosità, e poi ci accorgeremmo che quella rivalità intrigante è solo rivalità, che la sua incapacità di aprirsi non è più eccitante ma solo frustante e... e poi arriva l'inevitabile crisi e le recriminazioni e non ci parliamo per due mesi...
    Wilson: Già. Beh, è la dimostrazione che non consideri House da quel punto di vista.
  • [La Cuddy nota la ferita sulla mano di House]
    Cuddy: House, stai bene?
    House: Sì, parlare non serve.
    Cuddy: La mano.
    House: Ah, curioso. Di solito non mi vengono le stigmate prima di Pasqua.
  • Wilson: [Riferedosi alla puntura di zanzara sulla mano di House] È come il segno rosso del'idiozia.
    House: Se le Confederazione avesse avuto le zanzare avremmo tutti l'accento del sud e io pagherei meno Foreman.
  • Wilson: Ho sempre provato molto affetto per te.
    Cuddy: Cioè, vorresti metterti con me?
    Wilson: Ma no, non sarebbe giusto verso House e troppo presto dopo Amber.
    Cuddy: Ma hai voluto lo stesso dirlo.
    Wilson: Sì, pensavo che dovessi saperlo.
    Cuddy: Ceniamo insieme domani sera.
    Wilson: Ok.
    Cuddy: O potremmo direttamente fare sesso.
    Wilson: Scusami?
    Cuddy: Davanti allo studio di House. Capisci, non voglio correre rischi. Immagino che lo scopo di tutto questo sia farlo ingelosire in modo che si renda conto che vuole avere una relazione con me.
    Wilson: Sì. Credi che funzionerà?
    Cuddy: Sei un idiota. Credimi, sono tutti molto più contenti se non ho una storia con House.
  • [House bussa alla porta di Wilson]
    House: Bzzzzzzz...
    Wilson: Hai provato a pensare che non è in casa mia dove in realtà vorresti trovarti in questo momento?
    House: Ric Ocasek mi ucciderebbe se... ah, parli della Cuddy?
    Wilson: Sì, è un po' suonata, ma è bella, simpatica, divertente e soprattutto riesce a sopportarti.
    House: Già, sono venuto a sentire una conferenza sulla Cuddy, non perché c'è una zanzara killer che mi segue per tutta casa.
    Wilson: House, non c'è nessuna zanzara. È solo e sempre la Cuddy.
    House: Ah, lei mi ronza intorno. Poetico.
  • [Il paziente va in arresto cardiaco]
    Cameron: Il defibrillatore! A chi telefoni?!
    House: Pizza. Con le acciughe?

Episodio 9, L'Ultima Risorsa[modifica]

Frasi[modifica]

  • [A Jason, mentre si sta per iniettare il farmaco] Non voglio morire! (Tredici)

Dialoghi[modifica]

  • [Cercando un accendino] Tredici: Guardo nella scrivania.
    House: Stà lontana dalla scrivania, la Cuddy non fuma. [Indica un paziente] Ma lui si.
    Paziente: Ma no, io non fumo.
    House: Sì, certo. Ti lavi i denti con i chicchi di caffè!

Episodio 13, Bimba Dentro[modifica]

Frasi[modifica]

  • [Cameron diventa temporaneamente direttrice dell'ospedale] Hmm, interessante, hai tutta la vita davanti a te: perché [la Cuddy] vuole farti morire così giovane? (House)

Dialoghi[modifica]

  • [Cameron è temporaneamente la direttrice dell'ospedale e House le propone un esame rischioso] Cameron: Cosa vuoi che faccia? Che dica sì solo perché sei House?
    House: Non sarebbe una cattiva idea!
  • Foreman: Ho bisogno di parlarti di Remy.
    House: Chi!?
    Foreman: Tredici.
    House: Come l'hai chiamata?!
    Foreman: È sotto placebo.
    House: E tu vuoi cambiare le cose. Sono l'ultimo a cui chiederesti un consiglio di etica professionale. Giustamente. Questo significa che l'hai già chiesto a tutti e nessuno ti ha dato il parere che volevi.
    Foreman: O che rispetto le tue opinione o voglio sapere cosa pensi.
    House: Hai infilato una delle sue amichette lesbiche nel tuo letto?
    Foreman: Mi sbagliavo.
    House: Il farmaco funziona?
    Foreman: Promette bene. Riduce i sintomi.
    House: Niente guarigione. Allora, i pro sono che puoi ritardare l'insorgenza dei sintomi: puoi darle un altro anno, al massimo tre. Non avrai neanche quarantacinque anni. La domanda è: questi pochi anni valgono la tua vita professionale?
    Foreman: No.
    House: Ecco. Non era difficile.
    Foreman: Grazie.
    House: Figurati. A meno che non l'ami. Per amore, beh, si fanno stupidaggini.

Episodio 14, Il bene più grande[modifica]

Frasi[modifica]

  • [A Foreman, che le mostra dei disegni per verificare la sua reazione al trial contro l'Hungtington] Perché non c'è mai un disegno interessante in quelle carte!? Fate una versione porno! (Tredici)
  • Il tuo amore è così profondo che sei disposto a giocarti la carriera per darle un farmaco non testato con pericolosi effetti collaterali. Non voglio fare congetture sui tuoi sentimenti per me, ma... presto sarà il mio compleanno![1] (House)
  • L'unico modo per vincere questa guerra[2] è perderla. Voglio che si annienti da sola! (House)
  • [Al bastone, che la Cuddy aveva nascosto][2] Temevo di non rivederti più... piccolo, piccolo Greg! [Al bastone usato come surrogato] Sì, mi hai sentito! (House)

Dialoghi[modifica]

  • Wilson: Ho saputo che l'addestramento militare della Cuddy alla fine è stato utile! Devo comprarmi un giubbotto anti proiettile?[2]
    House: Tu sei al sicuro.
    Wilson: Nessun bombardamento a tappeto o repliche dell'incendio di Dresda per darle una lezione?
  • [House chiede dov'è Foreman, che, insieme a Tredici, è assente][1] Kutner: Perché mi chiedi di Foreman e non di Tredici?
    House: [...] Ebano e Avorio sono molto legati!
  • [Chiedendo di Tredici][1] House: Ti serve un cappotto per curare un tumore?
    Foreman: Vado alla casa farmaceutica.
    House: A dirgli che hai compromesso il loro trial, la tua etica e la salute della paziente? Ma che bella idea!
    Foreman: Hanno dati su centinaia di pazienti, chiederò di vederli per sapere se altri hanno sviluppato tumori e come li hanno curati.
    House: Quel farmaco inibisce la morte delle cellule. Ho una mezza idea su come curarlo.
    Foreman: Non prenderlo? Sì. Ci ha già provato ieri.
    House: Oh mio Dio! È passato un giorno e il tumore non è ancora sparito!? Se entri in quell'ascensore è perché hai paura di non dormire stanotte!
  • Taub: Mi spaventa l'idea che su un letto di morte potrei pensare: "Non ho fatto niente di veramente importante"
    Paziente: Sì, ma passerà solo un giorno sul letto di morte, è degli altri 25 000 che dovrebbe preoccuparsi: vada a letto felice stanotte.

Episodio 15, Infedele[modifica]

Frasi[modifica]

  • [A Foreman e Tredici] Quattordici, aspettate! (House)
  • [Il prete espone il ragionamento che lo ha portato a diventare ateo, che impressiona House] Dio, come vorrei che non fosse un pedofilo! (House)

Dialoghi[modifica]

  • Cuddy: Sei libero venerdì?
    House: Porto una graziosa fanciulla alla filarmonica.
    Cuddy: Vuol dire che farai sesso con una prostituta, vero?
    House: Due. Non c'è nulla di armonico con una sola.
  • Prete ateo: Il suo capo è sempre così?
    Kutner: Di solito è peggio: trovare un altro ateo lo rende felice.
  • Wilson: Qualche ripensamento sulla Cuddy?
    House: No, ma sentiti pure libero di blaterare.
  • House: Insomma se per caso ti curo, che succederà poi? Ti metterai a pensare che Dio ha agito attraverso di me e che è una specie di miracolo?
    Prete: Mi ha preso per un idiota?
    House: È quello che sto verificando.
    Prete: Perdere la fede non è stata una scelta, è capitato, se n'è andata... per sempre.
    House: Se come per magia può scomparire, come per magia può riapparire. Ed è questo che speri. Il tuo lavoro...
    Prete: Fa schifo.
    House: Ecco, appunto, guadagneresti di più a fare la schiuma ai cappuccini, eppure assisti ancora i più umili. Perché fare il lavoro del Signore se lui è scomparso?
    Prete: Sono stato nella chiesa tutta la vita, è l'unica cosa che so fare davvero.
    House: Sento il cattivo odore di un avanzo di fede.
    Prete: Se vuole parlare di ipocrisia, parliamo di lei. Si comporta come se non le importasse di nessuno, invece è qui che salva la vita a tutti.
    House: Risolvo dei puzzle, salvare delle vite è solo un danno collaterale.
    Prete: Sì... ne dica un'altra... lei non cerca qualcuno che confermi le sue teorie, ma qualcuno che le dia torto per darle speranza. Lei vuole credere, non è così?
    House: Sì, voglio uscire e trovarmi in una foresta di alberi di puttane, ma non è una buona idea dire alle persone di fornicare con la frutta.
  • House: Perché la gente quando ha figli ritrova la religione?
    Prete: Paura dell'ignoto. È il fondamento della fede. Il ragionamento fila.
    House: Fila perché non ha il minimo senso.
    Prete: Il fatto che lei se la prenda così non ha molto senso.

Episodio 16, Il lato più tenero[modifica]

Frasi[modifica]

  • Il nostro nuovo paziente... parte femmina, parte maschio... [soffre di mosaicismo] il partner dei sogni di Tredici! (House)
  • [A Wilson, sconvolta] Avevi ragione: House è di buon umore! (Cuddy)

Dialoghi[modifica]

  • House: Lo mangi quello?
    Wilson: Prendilo pure. Mi hai appena chiesto il permesso di prenderti del cibo dal piatto?!
    House: Yes, we can!
  • Wilson: Sei un'idiota!
    House: D'accordo... lo confesso, ho la bulimia. Ma sono in forma... chiaro, no?
    Wilson: Eroina! Eroina, House, ma come puoi essere così stupido!
    House: Non mi faccio di eroina.
    Wilson: Ti ho appena beccato con due dita ficcate in gola.
    House: Sto prendendo il metadone. È un prodotto stupido, senza lo sballo dell'eroina.
    Wilson: Sì, ma doppiamente pericoloso.
    House: Però non rischio l'arresto.
    Wilson: Oggi sei quasi morto.
    House: Oggi è stato un caso, mi ero appisolato.
    Wilson: Hai ragione, non muori a condizione che non ti addormenti. Ma se prendi la dose nell'orario sbagliato, muori, ti fai due drink, muori, se lo mischi ad altri medicinali, muori. Se vuoi disintossicarti dal Vicodin, scegli qualcosa che non ti uccida.
    House: Non voglio disintossicarmi.
    Wilson: Se stai cercando qualcosa che ti aiuti a sopportare quel dolore prendi...
    House: Non mi aiuta a sopportarlo, lo elimina del tutto. [House lancia via il bastone] La gamba non mi fa più male.
  • Wilson: Abbiamo commesso un errore.
    Cuddy: No, non è vero.
    Wilson: Il metadone gli fa bene.
    Cuddy: Il metadone finirà per ucciderlo.
    Wilson: Si è rasato, si è messo la cravatta, aveva un incontro al San Sebastian.
    Cuddy: Se si compra un paio di scarpette nuove gli forniamo il crack?
    Wilson: Lisa, House è felice.
    Cuddy: House non è mai felice, con o senza dolore.
    Wilson: Si può darsi, ma è nostro amico e forse questo è l'unico modo che ha per... per essere meno disperato.

Episodio 17, Il patto sociale[modifica]

Frasi[modifica]

  • [Rivolto a Taub, che gli deve infilare un tubo nel naso] È un peccato che non sia il suo naso, ci sarebbe stato più spazio![3] (Paziente)

Dialoghi[modifica]

  • Taub: Cage [un uomo in una condizione simile a quella del paziente][3] diventò un altro dopo l'incidente... polemico, impulsivo.
    House: Mentre il nostro uomo è diventato un altro dopo lo chardonnay!
  • Kutner: Tra poco non avrà una moglie se continuerà a dire tutto ciò che gli passa per la testa.[3]
    Wilson [rivolto a House]: Credevo che tu fossi un esemplare unico!
  • Taub: Che ne pensa del mio naso?
    Donna: È normale, è un naso.
    Taub: Volevo solo una conferma.
  • [in un obitorio, vicino ad un deceduto] House: Voglio che mi aggiorni sulle condizioni del paziente.
    Taub [sarcastico, fingendo di fraintenderlo]: Direi che è morto!
  • [House insiste per convincere Chase ad operare il suo paziente][3]
    Chase: Ci tieni tanto? Dimmi perché...
    House: Perché cosa?
    Chase: Perché ci tieni? Il mistero è risolto, il paziente è vivo e le probabilità che superi indenne un intervento del genere non sono tante.
    House: Il mio paziente ne fa una questione di qualità di vita.
    Chase: Dice solo sciocchezze. È irrilevante come patologia.
    House: Quando se ne andrà da qui si ritroverà senza la sua famiglia, allontanerà le persone con cui lavora e se mai troverà un amico disposto a sopportare i suoi atteggiamenti sarà fortunato, finché non scapperà anche lui.
  • [Taub spia Wilson di nascosto e riferisce a House] Wilson: Taub! Un altro diplomato della scuola di House per bastardi!
    House: Spioni bastardi!

Episodio 18, Vieni micina[modifica]

Frasi[modifica]

  • L'epilessia è sorta in età adulta, le piacciono molto le birre di San Patrizio![4] (Taub)
  • [La paziente ha un broncospasmo e Foreman la soccorre, ma House sospetta che finga] Svelto, prima che rimanga senza attenzione per otto secondi! (House)
  • Sta fingendo [una crisi], la gatta me l'ha detto![5]
  • [Kutner parla dei problemi di Taub con la moglie, dicendo che forse sono causati dal suo impoverimento] Grazie, è bello sentirsi dire che mia moglie mira ai soldi! (Taub)

Dialoghi[modifica]

  • [House usa il colore verde per scrivere i sintomi sulla lavagnetta, riferendosi al fatto che l'urina della paziente era verde][4]
    Kutner: Oh, pipì verde, ho capito! Carino.
    Tredici: Anche "neuro" è scritto in verde: vuol dire che sono verdi anche i sintomi neurologici?
    House: D'ora in poi userò due colori, e il verde indicherà ironia!
  • Taub: Vale la pena di prendere questo caso?
    House: Noi non prendiamo niente, io prendo!
  • Paziente: Una gatta ha predetto la mia morte...[5]
    House: I gatti sono pessimi, come dottori!
  • Cuddy [riferendosi alla paziente, che vuole cacciare]: Ti do ventiquattro ore.
    House: Consecutive?
  • [Riferendosi alle difficoltà economiche di Taub] Kutner: Potevamo dare una mano...
    Taub [riferendosi alla paziente]: Certo, ci vogliono almeno quattro persone per cercare nei polmoni di una pazza dei virus immaginari!
  • [House prende dei topi per nutrire una gatta portata in opedale] Cuddy: Ma quelli non sono i topi geneticamente modificati del reparto di oncologia?!
    House: Modificati... per essere più buoni!

Episodio 19, Intrappolato[modifica]

Frasi[modifica]

  • [Ad un dottore che vuole usare il cuore del paziente][6] Ehi, genio, credo che violi il codice etico! (House)
  • [House chiama il suo team per curare un uomo a Middletown] Se Maometto non va a Princeton, Princeton va da Maometto! (House)
  • È lei [Tredici] quella più in gamba. Scuro e più scuro [Kutner e Foreman] servono solo a far numero! (House)
  • [Rivolto ad un dottore] Tu sei quello che voleva prendere i miei organi e lui [House] è quello che te lo ha impedito.[6] (Paziente)
  • [Al paziente] Sei un bravo ragazzo. Sai ascoltare![6] (House)
  • I figli vogliono un padre, anche se è solo un vegetale.[6] (Paziente)
  • Forse non è vero che non sopporto House. È che non sopporto il vero, autentico terrore che mi prende quando vedo a lavorare, ogni giorno. (Taub)
  • [Riferendosi ai suoi numerosi e fallimentari rapporti coniugali] Ho chiamato la mia ex-ex-ex moglie. (Wilson)

Dialoghi[modifica]

  • Molly: Non so come Dio riuscirà a trarci fuori da tutto questo, ma ci riuscirà.
    House: Basta, arrossisco!
  • [A House, che sta guardando la radiologia del paziente] Dottore: Cosa fa?
    House: Cercavo qualcosa da leggere in gabinetto!
  • Dottore: Non sono d'accordo con il dr. House.
    House: Io sì, invece!
  • Paziente: Non avrei mai immaginato di pregare di avere un tumore al cervello.[6]
    [...]
    House [Indovinando che l'altro sta pregando]: Se stai pregando, smettila subito!
  • Kutner: Non dovremmo distrarre il paziente?[6]
    Taub: Ho appena messo in scena Euripide in versione musicale, te lo sei perso!

Episodio 20, Una spiegazione semplice[modifica]

Frasi[modifica]

  • Vivere nell'infelicità è sempre meglio che morirne. (House)

Dialoghi[modifica]

  • Madre paziente: [Sua figlia] Ha uno sguardo così strano... Sembra che non capisca cosa le succede intorno...
    House: Credevo che flirtasse con me!
  • House: Non ha detto niente a nessuno di voi? Problemi familiari, un rapporto finito male, difficoltà finanziare.
    Foreman: Hanno sparato ai genitori davanti ai suoi occhi.
    House: Quella era una storia del passato.
    Foreman: Non per chi non l'ha mai dimenticata.
    House: Non si è tagliato i polsi per poi andarsene dolcemente, si è sparato, non ha lasciato un biglietto... questo è panico e si poteva evitare se chi gli lavorava accanto tante ore a settimana avesse notato qualcosa.
    Tredici: Sta incolpando noi?
    House: Sto solo cercando di capire.
    Tredici: L'avremmo aiutato se ce l'avesse chiesto, non l'ha fatto.
    Foreman: Avremmo dovuto notare qualcosa.
    Tredici: Non sai responsabili, circa il 25% dei suicidi non mostra alcun segno esteriore di depressione.
    House: No, circa il 25% ha amici che non hanno notato niente e non vogliono avere sensi di colpa.
    Taub: Uccidendosi uno elimina anche tutte le altre possibilità e questo fa di Kutner un idiota. Quindi pietà sì, sensi di colpa no.
  • House: E così, grazie al suo gesto idiota, morirà entro 24 ore se non avrà un fegato nuovo.
    Taub: L'ha fatto per lui. Lei lo ama.
    House: Che differenza c'è con quello che ho detto io?
  • House: Erano pronti a morire per il senso di colpa, non per amore.
    Taub: Non ci si può sentire così in colpa senza amore.
  • Wilson: Mi sbagliavo sul tuo conto.
    House: No, affatto!
    Wilson: Stai soffrendo.
    House: Il solito, inguaribile romantico.
    Wilson: Hai lavorato con lui ogni giorno, per due anni e non ti sei accorto di niente.
    House: Nessuno se n'è mai accorto.
    Wilson: Ma a te non sfugge mai niente! Il problema non è cosa ti è sfuggito ma come mai ti sia sfuggito. Sei terrorizzato all'idea di perdere il tuo dono, di perdere il tuo intuito ed io temo quello che faresti in quel caso.
    House: A meno che tu non preferisca rimanere qui a curare me, non dovresti andare ad un funerale?

Episodio 21, Salvatori[modifica]

Frasi[modifica]

  • L'unico tipo di moglie che House vuole ha il perizoma, la frusta e la carta di credito! (Foreman)
  • [Alla moglie del paziente] Devi amare molto tuo marito... e viaggiare in risciò: ci hai messo diciotto ore ad arrivare! (House)
  • [Riferendosi alla moglie del paziente, che è un ecologista] L'ecologista sballata... o forse preferivi il nome da ragazza?! (House)
  • [Entrando in ambulatorio dove Cameron ha appena finito una visita] Diamine, speravo di interrompere qualcosa! (House)

Dialoghi[modifica]

  • House: Cosa hai ordinato?[7]
    Wilson: Un'omelette!
    [...]
    House: Tanto vale assaporare carta vetrata!
  • Wilson [insistendo per provare che House è molto scosso dal suicidio di Kutner]: Hai l'orologio che ti ha realato per il Babbo Natale segreto.
    House: Cinque funzioni, compreso un cronometro per vedere quanto tempo ci metti a chiedermi se sto bene!
  • [House manda Cameron a fare gli esami al paziente, lasciando la propria squadra senza impegni]
    Tredici: Immagino che noi resteremo qui a girarci i pollici!
    House: Dio, come spero che questa frase sia un eufemismo!
  • Chase: Per te Cameron è innamorata di House?
    Cuddy: Questa è una domanda ridicola: Cameron è innamorata di te!
  • [House parla degli affari privati di Cameron] Moglie paziente: Che c'entra questo con mio marito?
    House: Niente!
  • [A House, senza vederlo] Wilson: Entra pure, House! Perché chi altro potrebbe essere alle 10:30 di sera e no, grazie ho già mangiato![7]
    House: Non ti ho invitato a cena!
    Wilson: Però stavo per farlo, e dopo che ti avessi spiegato di aver mangiato ore fa tu avresti fatto la tua entrè frugando nella mia cucina!
    House: Invitarmi a perquisire la tua cucina vuol dire che sai che non troverei niente, o che sai che troverei qualcosa e che speri che [io] opti per la prima ipotesi e non vada a frugare!
    Wilson: Oppure vuol dire che è tardi, che io sono stanco e che so che sei qui per avanzare una teoria paranoica su una singola omelette di uova e albume!

Episodio 22, House diviso[modifica]

Frasi[modifica]

  • Il cane del vicino abbaia tutta la notte ed è stranamente immune al veleno! (House)
  • [Battendo con il bastone contro il vetro della stanza del paziente, che è sordo] Come allo zoo. Solo che puoi battere quanto vuoi! (House)
  • Mi sono sposato di nascosto la terza volta per evitare che House organizzasse l'addio al celibato! (Wilson)

Dialoghi[modifica]

  • Chase: Ho chiesto a Wilson di organizzare una festa di addio al celibato.[8]
    House: Tanto valeva chiederlo ad un pastore in pensione!
  • [Parlando dell'addio al celibato di Chase]
    Tredici: Il fatto di avermi mandato in esplorazione...
    Amber:[9]Niente gonne!
    House: Non sei tra gli invitati. L'addio al celibato è un antico rito sacro maschile di passaggio.
    [...]
    Tredici: Se sono abbastanza ubriaca è proabile che mi faccia una delle spogliarelliste. O che mi spogli io.
    House: Assunta!
  • House: [Chase] Ti ha suggerito di darti malato? [Per l'addio al celibato di Chase][8]
    Wilson: Ho giurato di non arrecare danno.
    House: Certo, non venire se non vuoi che le sue promesse di matrimonio non abbiano senso!
    Chase: [Intromettendosi nel discorso, capendo che si parla di lui] Sembra interessante!
    House: Stai per legarti ad una sola, specialissima donna per sempre, ed è una bella cosa, ma se il tuo impegno il giorno dopo il matrimonio è lo stesso del giorno prima, il matrimonio è inutile, e non vedo nessun modo logico di aggirare la cosa; quindi, se vuoi che il tuo matrimonio abbia senso, bisogna che tu sia stato uno sfrenato, laido e schifoso porco il giorno prima.
    Chase: Sei malato. Ciao! [Se ne va]
  • House: Come possiamo fare uno stress test senza l'autorizzazione di Foreman?
    Amber:[9] Uccidiamo Foreman!
  • House: Buona idea.
    Amber:[9] È stata tua.
  • House: Sapevo che saresti venuto![8]
    Wilson: Questa è casa mia!

Episodio 23: Sotto la mia pelle[modifica]

Frasi[modifica]

  • [A House] Rimetti a posto il telefono, manda via le prostitute: abbiamo un caso! (Foreman)
  • [House vuole avvisare la Cuddy della propria allucinazione, ma tentenna][9] È tardi, sono a pezzi: arriviamo alla parte verbale della conversazione! (Cuddy)

Dialoghi[modifica]

  • [House irrompe nell'ufficio di Wilson] Wilson: La porta era chiusa per una ragione.
    House: Ed è stata aperta per una ragione!
  • [Wilson chiede a House se è riuscito a scacciare l'allucinazione][9] House: Vedi qualcuno accanto a me?
    Wilson: No.
    House: Allora non ha funzionato!
  • [A House, che ha chiesto scusa ad una paziente che, per via di una cura sbagliata perde la pelle] Wilson: Perché hai parlato con la paziente?
    House: Trovo sexy le donne senza pelle!
  • House: Wilson, sparisci!
    Wilson: Sei sicuro?
    House: Ci vuole un'autorizzazione per sbatterti fuori?!
  • [Riferendosi alle possibilità di House per disintossicarsi e fare sparire l'allucinazione][9] Wilson: House, è la tua unica opzione!
    House: Che faccio se l'unica opzione non va?
    Wilson: Non puoi arrenderti.
  • [House festeggia ad un bar perché crede di essersi liberato dell'allucinazione di Amber][9]
    House: Sto festeggiando.
    Cameriera: Da solo?
    House: Grazie al cielo!
  • House: Puoi andare ad allattare la piccola bastarda che ti fa sentire soddisfatta di te stessa!
    Cuddy: Fottiti! [Esce arrabbiata]
  • Wilson: So che hai paura del dolore ma l'elettroshock...
    House: Non fare con me la voce da cancro, quella con quel tono eccessivamente serio.
    Wilson: ..attacco cardiaco, ictus, crisi epilettiche, morte, o peggio...
    House: Peggio? doppia morte?
    Wilson: Resti vivo ma danneggi l'unica cosa a cui tieni davvero.. la tua mente razionale

Episodio 24, Ora ambedue le parti[modifica]

Frasi[modifica]

  • Le sue [della Cuddy] labbra dicono no, i suoi ormoni urlano "Oh, ti prego, sì, continua!" (House)
  • [Affacciandosi al balcone dell'ospedale, urlando e battendo col bastone sulle ringhiera per attirare l'attenzione]
    Attenzione, ho un annuncio da fare: voglio che affrontiate la giornata consapevoli del fatto che io sono stato a letto con Lisa Cuddy! (House)

Dialoghi[modifica]

  • Taub: Sindrome della mano aliena.
    House: Determinata da un ictus o dal calcio in testa di un pony...
    Taub: Cervello diviso in due, l'emisfero destro controlla la parte sinistra e...
    House: ...e gli rende la vita un inferno. I pensatori illogici lo fanno spesso.
    Tredici: Il problema non è il cervello diviso, l'intervento ha corretto...
    Foreman: Denigri l'emisfero destro?
    House: Chi subisce questo intervento spesso non avverte alcuna perdita, nel sinistro c'è linguaggio-aritmetica-razionalità, il destro è un perdente muto.
    Taub: L'emisfero destro è orientato esteticamente, definisce i volti, non sarei diventato un chirurgo plastico senza.
    House: Già... alle medie come farebbero a giudicare la gente senza una base estetica?
    Foreman: L'emisfero destro è più consapevole del presente, del nostro posto nell'universo.
    House: Come un figlio dei fiori pronto a distribuire pace e tanta armonia nel mondo.
  • [Riferendosi al rapporto di House con la Cuddy] Wilson: Come intendi rovinare tutto?
    House: Ho più di un'opzione!
  • House: E quello, signore e signori, è l'emisfero di sinistra il lato del cervello ossessionato dalle risposte, quello che cerca il senso l'interpretazione è lì che raccontiamo la storia di chi siamo e perché facciamo le cose.
    Taub: Quella è anche la parte che sbaglia. Il vantaggio dell'emisfero destro è che non è logico, non sceglie il dettaglio da guardare, fa delle connessioni che neanche vedi e tu devi le tue intuizioni al perdente muto.
    House: Gli manderò dei biglietti per la partita dei Phillis.
  • Wilson: Usi la tua relazione con la Cuddy come sostituzione dei calmanti. Dovresti avere una pesante crisi d'astinenza, ma il tuo corpo è totalmente pieno di romantiche endorfine e oltretutto ti stai creando questa distrazione per cercare una prova.
    House: Dovrei lasciar perdere e lasciar tornare il dolore?
    Wilson: La Cuddy non è un sostituto del vicodin!
    House: Proprio l'opposto....
    Wilson: Devi aspettare che lei si senta pronta.
    House: Ottimo consiglio, fa finta che intenda seguirlo.

Note[modifica]

  1. a b c Tredici comincia ad accusare alcuni effetti collaterali del farmaco sperimentale contro il Morbo di Huntington che Foreman ha iniziato a somministrarle al posto del placebo, di nascosto da tutti tranne che da House, contravvenendo al protocollo sui test clinici e mettendo a repentaglio la propria carriera per cercare di donarle qualche anno.
  2. a b c La Cuddy, per vendicarsi del fatto che House non le permette di passare del tempo con la sua bambina, decide di causare a House dei dolori fisici, per esempio facendolo inciampare su un cavo teso sotto una porta
  3. a b c d Il paziente è affetto da una malattia che gli fa dire tutto ciò che pensa, come House
  4. a b La paziente per attirare l'attenzione di House prende un farmaco che le rende l'urina verde
  5. a b La paziente crede di stare per morire perché una gatta, che crede abbia la capacità di predire la morte, le si è avvicinata.
  6. a b c d e f Il paziente non può muoversi o comunicare con l'esterno; le citazioni sono i suoi pensieri ed è completamente immobile(vedi Intrappolato)
  7. a b House è ossessionato dal cambiamento di dieta di Wilson
  8. a b c House organizza la festa di addio al celibato di Chase, che si sposa, ma Wilson non ci vuole venire.
  9. a b c d e f g Amber è un'allucinazione di House che ha accesso a tutto il suo cervello; House cerca più volte di scacciarla, ma senza successo.

Altri progetti[modifica]

Dr. House - Medical Division
House-pic.jpg
House-pic.jpg
Attori: Hugh Laurie · Lisa Edelstein · Robert Sean Leonard · Jennifer Morrison · Omar Epps · Jesse Spencer · Olivia Wilde · Peter Jacobson · Kal Penn · Anne Dudek
Produttori: David Shore · Katie Jacobs · Bryan Singer
Doppiatori: Sergio Di Stefano
Episodi: Prima stagione · Seconda stagione · Terza stagione · Quarta stagione · Quinta stagione · Sesta stagione · Settima stagione · Ottava stagione
Pubblicazioni: La filosofia del Dr. House. Etica, logica ed epistemologia di un eroe televisivo
Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni 
Medaglia di Wikiquote
Questa è una voce in vetrina, il che significa che è stata identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 27 settembre 2009.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri · Elenco voci in vetrina