Elio Andriuoli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Elio Andriuoli (1932 – vivente), poeta e critico letterario.

Per Dino Campana[modifica]

  • Costituì un doloroso incidente la perdita del primitivo manoscritto da parte di Ardengo Soffici, cui era stato affidato dal poeta, sicché questi dovette ricostruirlo quasi del tutto a memoria; fatto che contribuì non poco ad aggravare i disturbi mentali di Campana, già manifestatasi sin dalla sua prima adolescenza.
  • Fu un irregolare, la cui esistenza può accostarsi a quella di altri poeti vissuti tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento, come, ad esempio, alcuni dei nostri Scapigliati; benché per la statura poetica sia ad essi senz'altro di molto superiore e paragonabile piuttosto ad Arthur Rimbaud.
  • Notevole la forza e la novità del suo stile, anche se qualche eco può trovarsi in lui del Carducci e del D'Annunzio. Ma si tratta di debiti di poco conto.

[Elio Andriuoli, Per Dino Campana, La Nuova Tribuna Letteraria, Anno XI, n. 64, 2001]