Elisabetta Conci

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Elsa Conci

Elisabetta (detta Elsa) Conci (1895 – 1965), politica italiana, figlia di Enrico Conci

Citazioni di Elsa Conci[modifica]

  • 2 settembre 1938. Tutti gli ebrei immigrati in Italia – anche quelli cui è stata concessa la cittadinanza italiana!! – devono lasciare il nostro paese entro sei mesi. È inumano, ingiusto, davvero degno della nostra tanto vantata civiltà! [Cronache 1938-1940]
  • 5 ottobre. Discorso del Duce a Padova: il popolo italiano è pronto a qualsiasi evento, e tutti gridano come forsennati 'Sì' e anche 'guerra, guerra!' (incoscienti!) [Cronache 1938-1940]
  • 26 marzo 1939. [...] bisogna armarsi: a qualunque costo… anche se dovessimo fare tabula rasa di tutto quello che si chiama vita civile. Basta! [Cronache 1938-1940]
  • Ricondurre i singoli e ricondurre l'opera di coloro che governano alle pure fonti dei principi evangelici.  Se sai qual è la fonte di questa citazione, inseriscila, grazie. citazione necessaria
  • Il Congresso della DC, sentita la relazione della prof. Conci sullo spettacolo poco edificante del moltiplicarsi di locali di pubblico divertimento, particolarmente i balli pubblici, in stridente contrasto con la miseria delle classi operaie ed impiegatizie e con le gravi conseguenze economiche del paese, in omaggio ai sentimenti della grande maggioranza della popolazione, invita il prefetto a vietare tale nauseabondo spettacolo che è un oltraggio ai reduci dei campi di concentramento ed alle famiglie materialmente e moralmente colpite dal flagello della guerra. [Ordine del giorno approvato dopo il discorso della Conci, settembre 1945]

Citazioni su Elsa Conci[modifica]

  • Tra l'altro, ad Elisabetta Conci molto deve il mondo femminile italiano ed in particolare quello cattolico e democratico cristiano. Tanta parte della sua battaglia politica fu combattuta infatti nel Parlamento e nel paese per l'emancipazione della donna e la sua partecipazione attiva alla vita sociale e democratica in Italia. Aldo Moro [Seduta della Camera dei deputati del 18 novembre 1965]

Fonte[modifica]

Altri progetti[modifica]