Elmore Leonard

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Elmore Leonard

Elmore John Leonard Jr. (1925 – 2013), scrittore, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Killshot[modifica]

Blackbird si disse che beveva troppo perché il Silver Dollar era proprio a due passi dal suo hotel, bastava scendere le scale. Impossibile uscire di lì senza passarci davanti. Impossibile passare per Spadina Avenue, vedersi sparata dritta in viso quell'insegna del cazzo, lampadine a centinaia, e far finta di niente. Impossibile non entrare per qualche drink, prima di salire di nuovo in quella stanza col soffitto che sembrava una cartina stradale, da tutte le crepe che aveva. O magari a farlo bere troppo era la gente che c'era dentro, al Silver Dollar, e non la piantava di parlare dei Blue Jays. Ormai si era convinto che l'unico modo per darci un taglio ed evitare di sentirsi di merda al mattino era filarsela una volta per tutte da Toronto e dal Waverley Hotel. Seguire una di quelle crepe nel soffitto.

Pronto[modifica]

Una sera, verso la fine di ottobre, Harry Arno disse alla donna con cui usciva saltuariamente da qualche anno: – Ho preso una decisione. Ti dirò una cosa che non ho mai detto a nessuno in vita mia.
– Ti riferisci a quello che hai fatto durante la guerra? – disse Joyce.
Questo lo bloccò. – Come fai a saperlo?
– Quella volta che eri in Italia e hai sparato a quel disertore?
Harry non disse nulla e si limitò a guardarla.
– Me l'hai già raccontato.
– Ma va! E quando?
– Eravamo seduti a bere qualcosa da Cardozo, di fuori; avevamo ricominciato a uscire insieme da poco. E tu hai detto le stesse identiche parole che hai detto adesso, come se stessi per raccontarmi un segreto. È per questo che l'ho capito. Solo che allora non mi avevi parlato di nessuna decisione.

Bibliografia[modifica]

  • Elmore Leonard, Killshot, traduzione di Luca Conti, Einaudi, 2009. ISBN 9788806180430
  • Elmore Leonard, Pronto (Pronto), traduzione di Annamaria Raffo, Interno Giallo Mondadori, Milano, 1994.

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]