Emilio Fede

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Emilio Fede, 2010

Emilio Fede (1931 – vivente), giornalista italiano.

Citazioni di Emilio Fede[modifica]

  • So che ai miei colleghi della Rai non farà piacere sentirmelo dire, ma credo proprio che qui non capiterà di ascoltare una nota politica per undici minuti in video. Non avremo i partiti sul collo, anche se i partiti proveranno a farsi sentire. (citato in Laura Delli Colli, "Ecco il mio TG4", la Repubblica, 2 marzo 1990, p. 37)
  • [Su Indro Montanelli] Sei un vecchio malvissuto e rimbambito. Vergognati! (citato da Marco Travaglio ad Annozero, 17 dicembre 2009)
  • Silvio Berlusconi ha vinto la sua battaglia. Consentitemi di dire che l'ha vinta con grande coraggio, che l'ha vinta quasi contro tutto e quasi contro tutti. Perché? Perché l'ha vinta contro la gran parte della stampa, la gran parte dell'informazione radiotelevisiva, e l'ha vinta anche contro molti che gli consigliavano, in amicizia, di non fare questo passo. Io credo di non svelare nulla in particolare dicendo che oggi da lui ho ricevuto una telefonata, nel momento in cui stava partendo per Roma, per raccogliere questo successo strameritato: una telefonata, io mi permetto di dire, da amico ad amico, nella quale telefonata Silvio Berlusconi mi diceva "Speriamo di poter cominciare a lavorare subito al più presto, per ridare fiducia al Paese, per dare al Paese un governo stabile, per poter mantenere le promesse che abbiamo fatto". Io posso garantire, ormai che le urne sono chiuse, ormai che il voto è dato, che tutto quello che vi dico è la sacrosanta verità, e c'è un punto di tristezza, me lo dovete consentire: parlava già da politico, e già si creava una separazione di fatto, fra lui che è stato il mio editore, ed io che sono il direttore di una testata della sua informazione. Che qui, per cinque anni, ho potuto lavorare in piena libertà. (dal Tg4, 28 marzo 1994).
  • [Su Silvio Berlusconi] Prima ero critico, ma adesso comincio ad apprezzarlo. È un baluardo per la democrazia e per l'informazione. (da la Repubblica, 4 gennaio 1995)
  • Se dovessi candidarmi ne approfitterei per fare un piccolo scoop. Non lo direi a nessuno. Lo annuncerei in diretta al mio telegiornale, salutando i telespettatori prima di lasciarne la direzione. (citato in "Se mi candido lo dico al TG4, laRepubblica.it, 16 febbraio 1996)
  • [Sui manifestanti al G8 di Genova nel 2001] Sono drogati, pezzenti, bande di delinquenti che dovrebbero essere arrestati e tenuti in galera a vita. (dal Tg4 delle ore 16:05, 20 luglio 2001)
  • [Su Roberto Saviano] C'è stato un comunicato, una solidarietà espressa da parte del sindacato dei giornalisti... va bene, lo condividiamo perfettamente, ma insomma, mi pare che... è meglio andare avanti [...] Non è che ce l'ho con Saviano, dico soltanto che Saviano si propone molto, insomma, no? Cioè c'è un film, il libro, un libro che si vende, i diritti del film che portano a casa anche tanti bei soldini... insomma, va bene... insomma, è scortato; che poi lui racconti come si vive da scortato, io potrei raccontarglielo meglio perché vivo da scortato da più tempo ma non vado raccontando il perché sono scortato. (dal Tg4 delle ore 18:55, 9 settembre 2008)
  • Il popolo civile, quali noi siamo, quando si trova di fronte a queste situazioni dovrebbe intervenire. Intervenire e menarli, perché questi [gli studenti universitari in protesta al Senato] capiscono solo di essere menati. [...] Che li abbiano arrestati non è un bilancio, è una buona notizia [...] ma tanto trovano subito qualcuno che li libera e gli dà un buffetto sulla guancia. [...] Tutto si può modificare ma la violenza non deve essere accettata. (dal TG4 delle ore 18:55, 24 novembre 2010)
  • [Caro Emilio, vorrei la tua opinione sulla mia convinzione. Mentana sta facendo ottimi ascolti con il suo nuovo TG LA7. Ma è davvero nuovo? A me sembra stia usando il metodo Fede con la differenza che ha da parte i giornali e la sinistra, Fede forse no. Sei d'accordo?] Mentana fa un buon giornale all'Emilio Fede ma tutti abbiamo avuto dei riferimenti. Nessuno nasce imparato. Poi Mentana è bravo e tra l'altro ha iniziato con me. Non l'ho assunto io ma ha iniziato con me perché quando ero direttore del TG1 gli ho affidato l'edizione delle 18:30. (dal Diario di DM del 10 settembre 2010: Paolo Liguori intervista Emilio Fede per QuiMediaset)
  • [Le serate ad Arcore] Erano delle semplici cene. Subito dopo si scendeva al piano di sotto e chi voleva ballava. I magistrati hanno capito male. Berlusconi un sera mi ha detto di limitarmi a guardare nel mio piatto, ma lo diceva solo perché lui era a dieta. Ho una carriera alle spalle, le sembra che possa confondermi con certa gente? Lele Mora, la Minetti che fa il mestiere che fa [...]. Pensi che una sera quando Nicole Minetti rimase a seno nudo Berlusconi le lanciò subito uno scialle per coprirla. (da un intervento al "Processo Ruby", 1 giugno 2013; citato in Ma quale assaggiatore? Io seguivo il pianista e alle due andavo a dormire, repubblica.it, 2 giugno 2013)
Intervista di Andrea Scanzi, Emilio Fede "Non sono fazioso è che tutte le notti sogno Berlusconi", La Stampa, 15 ottobre 2008
  • [Su Silvio Berlusconi] Un non politico che si occupa del Paese come fosse la sua azienda. A Pratica di Mare ha messo la parola fine alla guerra fredda, l'Ue lo sta seguendo per uscire dalla crisi finanziaria, è stato decisivo per il conflitto in Georgia. La storia riconoscerà la sua grandezza.
  • Io fazioso? Che frescaccia. Faziosi sono i Santoro, i Lerner. Sono giornalista professionista da 52 anni, sulla mia libertà non si possono avere dubbi. Veltroni lo conosco da bambino, ho ottimi rapporti con D'Alema, Diliberto, Bertinotti, Bersani, Rutelli, Napolitano. Chi non stimo affatto è Prodi. E Di Pietro: grida e insulta. Io non ho mai insultato nessuno.

Citazioni su Emilio Fede[modifica]

  • Berlusconi [...] sta alla politica come Emilio Fede sta all'informazione. (Antonio Di Pietro)
  • C'è una domanda via e-mail per Emilio Fede, la fa Erika da Osio Sotto, Bergamo: "Ho saputo che tra un paio d'anni il Tg4 andrà sul satellite. È vero che Berlusconi, sapendo che lei va su, le ha chiesto di informarsi se Marte è edificabile?" (Gene Gnocchi)
  • Fede fa il più spettacolare tg di questo secolo, tutti i miei amici lo guardano. Dopo il crollo del Muro, la caduta del comunismo, quella dei valori, uno come Emilio va salvaguardato come si salvaguarda il panda. Io gli darei il premio Pulitzer. La nostra intenzione è quella di metterlo lì e di studiarlo, come fenomeno assoluto, come se fossimo in un aula di medicina. (Piero Chiambretti)
  • Giovedì sera annuncio a sorpresa di Emilio Fede nel suo Tg4: «Adesso – ha detto – voglio parlarvi di informazione». C'è sempre una prima volta. (Indro Montanelli)
  • Non aveva mai letto le opere di Emilio Fede, anche se sapeva che aveva scritto tanti libri per bambini. Non di proposito. (Daniele Luttazzi)
  • Non so come Borrelli potrebbe comportarsi da direttore del Tg4, ma Emilio Fede alla Procura di Milano garantirebbe un sistema molto più vicino allo stato di diritto e a quello che dovrebbe essere l'ordinamento giudiziario in uno stato liberal-democratico. (Silvio Berlusconi)
  • Per carità: io a Emilio Fede gli voglio bene come se fosse normale. (Roberto Benigni)
  • Se esistesse un Emilio Fede di sinistra, direbbe che Emilio Fede quello vero, con il suo pistolotto sprezzante su Roberto Saviano, ha espresso, su Saviano, un' opinione molto simile a quella dei Casalesi. (Michele Serra)
  • Signor Fede, io la ringrazio, ma io mi chiamo Dio, non Silvio [Riferendosi a Silvio Berlusconi]. E come, dice "appunto"? Scusa Pietro, ma che fa di mestiere questo? Direttore di un telegiorn... Non ci credo, dai!

Altri progetti[modifica]