Federico Frezzi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014 le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD

Federico Frezzi (metà XIV secolo – 1416), poeta e vescovo cattolico italiano.

Incipit de Il Quadriregio[modifica]

La dea, che 'l terzo ciel volvendo move,
avea concorde seco ogni pianeto
congiunta al Sole ed al suo padre Iove.
La sua influenza tutto 'l mondo lieto
esser faceva e d'aspetto benegno,
da caldo e freddo e da venti quieto.
E Febo il viso chiaro avea nel segno,
che fu sortito in cielo ai duo fratelli,
ond'ebbe Leda d'uovo il ventre pregno,
E tutti i prati e tutti gli arboscelli
eran fronduti, ed amorosi canti
con dolci melodie facean gli uccelli.

Bibliografia[modifica]

  • Federico Frezzi, Il Quadriregio, a cura di Enrico Filippini, Bari, G. Laterza, 1914.

Altri progetti[modifica]