Filastrocche salentine

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Filastrocche dal Salento.

  • Chicchinònna, chicchinònna | ha parturita la Madonna | ha fattu Gesù bambinu | jàncu russu comu 'nu milu. | Lu Bambinu camina pe' casa | La Madonna lu zicca e lu 'asa | San Giuseppe cu' l'occhi d'amore | lu zicca, lu 'asa e lu stringe allu core.[1]


"Santa Barbara no durmire / ca tre nuvole visciu vanire / una de acqua, una de vientu / una ca porta lu male tiempu."


"La caremma musi torta / fice lu casu cu la ricotta / e lu fice scusi scusi / cu no lu videne li carusi."


"Tuppi Tuppi allu purtune, ci è e ci non è, è Gesù Cristu cu li Sciudei! Li scoppa na pugnalata, li ssetta na fucilata, e tuttu lu calice ca scurria, ntra lu calice se ne scia. Ci la senti e nu ta mpari, pe sette anni de focu tocca te prepari!" (Questa filastrocca è legata agli abitanti di Alessano, soprannominati "Sciudei", ossia Giudei. Questo soprannome deriva da un gruppo di Ebrei che dopo la Distruzione del Tempio in Gerusalemme ad opera di Tito si dispersero nel mondo e arrivando ad Alessano diedero vita ad un'intensa attività commerciale.)

Note[modifica]

  1. Cit. in Irene Maria Malecore, Magie di Japigia: etnografia e folklore del Salento, Guida Editori, 1997, p. 161

Voci correlate[modifica]