Folgóre da San Gimignano

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD

Folgóre da San Gimignano, pseudonimo di Giacomo di Michele (1270 circa – 1332 circa), poeta italiano.

  • E poi tornare a casa e dire al cuoco: | "To' queste cose e acconcia per dimane, | e pela, taglia, assetta e metti a' fuoco; || ed abbie fino vino e bianco pane, | ch'e' s'apparecchia di far festa e giuoco: | fa che le tue cucine non sian vane!" (da Sonetto del sabatoSabato die)
  • Di giugno dovvi una montagnetta | coverta di bellissimi arboscelli, | con trenta ville e dodici castelli, | che sian intorno ad una cittadetta, || ch'abbia nel mezzo una sua fontanetta; | e faccia mille rami e fiumicelli, | ferendo per giardin e praticelli, | e rinfrescando la minuta erbetta. | (dai Sonetti dei mesi, giugno)
  • Chiesa non v'abbia mai né monastero; | lassate predicar i preti·pazzi, | c'hanno troppe bugie e poco vero. (dai Sonetti dei mesi, marzo)

Incipit di Sonetti[modifica]

Sonetti per l'armamento di un cavaliere[modifica]

Ora si fa un donzello cavalieri;
e' vuolsi far novellamente degno,
e pon sue terre e sue castell'a pegno
per ben fornirsi di ciò ch'è mistieri:
annona, pane e vin dà a' forestieri,
manze, pernici e cappon per ingegno;
donzelli e servidori a dritto segno,
camere e letta, cerotti e doppieri;
e pens'a molti affrenati cavagli,
armeggiatori e bella compagnia,
aste, bandiere, coverte e sonagli;
ed istormenti con gran baronia,
e giucolar per la terra guidàgli,
donne e donzelle per ciascuna via.

Sonetti della «Semana»[modifica]

I' ho pensato di fare un gioiello,
che sia allegro, gioioso ed ornato,
e sí 'l vorrei donare in parte e lato,
ch'ogn'uomo dica: «È li sta ben, è bello!»
E or di nuovo ho trovato un donzello
saggio, cortese e ben ammaestrato,
ché li starebbe me' l'imperïato
che non istà la gemma nell'anello:
Carlo di misser Guerra Cavicciuoli,
quel ch'è valente ed ardito e gagliardo,
e servente, comandi chi che vuoli;
leggero piú che lonza o lïopardo,
e mai non fece dei denar figliuoli,
ma spende piú che 'l marchese lombardo.

Sonetti dei «Mesi»[modifica]

Alla brigata nobile e cortese,
in tutte quelle parti dove sono,
con allegrezza stando sempre dono,
cani e uccelli e danari per ispese,
ronzin portanti e quaglie a volo prese,
bracchi levar, correr veltri a bandono:
in questo regno Nicolò incorono,
perch'elli è 'l fior della città sanese;
Tingoccio e Min di Tingo ed Ancaiano,
Bartolo e Mugàvero e Fainotto,
che paiono figliuol del re Prïàno,
prodi e cortesi piú che Lancilotto,
se bisognasse, con le lance in mano
farian tornïamenti a Camellotto.

Sonetti politici e moraleggianti[modifica]

Piú lichisati siete ch'ermellini,
conti pisan, cavalieri e donzelli,
e per istudio de' vostri cappelli
credete vantaggiare i fiorentini;
e franchi fate stare i ghibellini
in ogni parte, o cittadi o castelli,
veggendovi sí osi e sí isnelli:
sotto l'arme, parete paladini.

Sonetti di dubbia attribuzione[modifica]

Amico caro, non fiorisce ogni erba,
né ogni fior che par, frutto non porta;
e non è vertudiosa, ogni verba,
né ha vertú ogni pietra ch'è orta;
e tal cosa è matura e pare acerba,
e tal se par doler che se conforta;
ogni cera che par, non è soperba,
cosa è che getta fiamma e che par morta.

Bibliografia[modifica]

  • Folgore da San Gimignano, Sonetti, a cura di Giovanni Caravaggi, Torino, Einaudi, 1965.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]