Francesco Rutelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Francesco Rutelli

Francesco Rutelli (1954 – vivente), politico italiano.

Citazioni di Francesco Rutelli[modifica]

  • Berlusconi cannibalizza Fini e Casini. Se lo meritano perché non hanno fatto nulla per distinguersi nei momenti delle peggiori porcate del governo. (da City, 22 marzo 2006)
  • [In riferimento all'assassinio di Tommaso Onofri di 18 mesi] Una vicenda terrificante rispetto alla quale si consiglierebbe di non fare strumentalizzazioni politiche, soprattutto da parte della maggioranza che avendo governato cinque anni non ha stabilito alcuna norma più severa per chi commette delitti efferati. (citato in Paolo Onofri: "Spero smuova coscienze" Ciampi e il Papa, 'orrore' e 'barbarie', la Repubblica, 2 aprile 2006)
  • Ingmar Bergman è stato l'icona del cinema impegnato, di quel genere legato all'introspezione psicologica che esplora la natura dell'uomo, i suoi limiti, le sue follie altalenanti tra amore e indifferenza. Mitici i dialoghi che in tutti i suoi film hanno reso gli interpreti protagonisti insieme a noi spettatori di un viaggio a volte incomprensibile a volte liberatorio. Un autore geniale e difficile, un intellettuale ad oltranza, una personalità insostituibile che lascia un vuoto profondissimo. Resterà vivo nella memoria collettiva, poiché ha cambiato la storia del cinema mondiale. (da Adnkronos, 30 luglio 2007)
  • Il multiculturalismo è una strada senza uscita. (da il Giornale, 5 gennaio 2010)
  • Io amo stare in minoranza, anche perché lo dimostra il fatto di essere laziale: a Roma solo uno su 10 o forse 8 è tifoso laziale e sono quasi tutti di destra. Sono stato l'unico sindaco di Roma che non ha fatto mistero di essere tifoso della Lazio. Sono i colori più belli del mondo, è una passione insuperabile. (citato in Derby, Alemanno: "Tifo per entrambe le squadre". Rutelli: "Vincerà la Lazio", laroma24.it, 6 novembre 2010)

Citazioni su Francesco Rutelli[modifica]

  • [In un mondo in cui:] C'è il leggiadro Vendola con la lingua di pezza e l'orecchino, che fa il comunista e vuole prendere il posto di Bersani, che fa di tutto senza fare niente; c'è Veltroni, l'amerikano di piazza Fiume, aedo di Kennedy e bardo di Che Guevara, che si destestavano. C'è il super «Baffino» D'Alema che si prende tanto sul serio e che nessuno ormai prende più sul serio. C'è Rutelli che non sa più quale gabbana indossare, avendole già indossate tutte. Ieri per il divorzio o l'aborto, oggi per il Papa e il Concilio di Trento. (Roberto Gervaso)
  • E Rutelli che ha fatto il Terzo polo, non lo vieni a vedere?
    Ma Rutelli, perché hai fatto il Terzo polo?
    «Perché un italiano su due me l'ha chiesto.»
    Perché io incontro sempre l'altro italiano su due? (Maurizio Crozza)
  • Il livello politico, culturale, umano delle posizioni di Francesco Rutelli è paragonabile a quello di un bambino maleducato delle differenziali. (Sandro Bondi)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]