Georg Groddeck

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Walter Georg Groddeck (1866 – 1934), medico e psicanalista tedesco.

Lo scrutatore d'anime[modifica]

  • Chi si sente sporco, spiritualmente sporco, quegli si lava, come se in quel modo potesse strofinarsi via dal cuore il sudiciume del peccato. Ma bisognerebbe avere una troppo alta opinione di sé, essere troppo orgogliosi per trovarsi sporchi.
  • L'idea delle abluzioni è opera del demonio, una bassezza la cui invenzione ha come premessa l'imperscrutabile malignità della donna.
  • La gente racconta meraviglie di Giotto, o come diavolo si chiamava quel tale, e della O perfetta che avrebbe disegnato nella polvere della strada, lo chiamano un fenomeno, ma al fatto che ogni bambino dipinge le sue fasce e i suoi pannolini e che lì sta la radice di ogni arte, a questo la gente passa accanto senza neppure farci caso. Talento innato?
  • La Madonna Sistina non è un'immagine cristiana, essa ci rivela simbolicamente il fenomeno originario della vita.
  • Le epoche forti immaginavano angeli maschili, ora da noi sono stati degradati a figure femminili e il nostro volgare modo di pensare è persino capace di dare a un angelo dalla spada fiammeggiante i lineamenti di una donna.
  • Nel lavarsi si nasconde la causa prima di tutte le menzogne e di tutte le cattiverie.
  • Se il buon Dio non avesse voluto la sporcizia, non la avrebbe creata.
  • Tutte le opere della scultura, i capolavori di Fidia e di Michelangelo non esisterebbero se il neonato non avesse formato con gli intestini e con l'ano i suoi stronzi, per poi lavorarli con le manine in immagini della sua fantasia ancora vicino al cielo.

[Georg Groddeck, Lo scrutatore d'anime, Adelphi Edizioni 1976; citato in La lettura, diretta da Mario Spagnol, maggio 1977]

Incipit di Il libro dell'Es[modifica]

E così, mia cara amica, Lei desidera che io Le scriva; ma non vuole notizie personali, pettegolezzi, belle frasi: vuole una corrispondenza seria, istruttiva, il più possibile scientifica. È un brutto affare!
Che cosa c'entro io con la scienza, poveretto? Quel poco di scienza di cui mi servo nella pratica medica non Glielo posso esporre, altrimenti Lei scoprirebbe le magagne nascoste sotto il camice che indossiamo con tanto di autorizzazione statale. Ma forse La potrò accontentare raccontandoLe perché ho voluto fare il medico, e come sono giunto al mio atteggiamento di rifiuto nei riguardi della scienza.

Bibliografia[modifica]

  • Georg Groddeck, Il libro dell'Es. Lettere di psicoanalisi a un'amica, Adelphi, 2005. ISBN 8845907775

Altri progetti[modifica]