Giacomo Zanella

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Versi di Giacomo Zanella, volume unico, Firenze, G. Barbèra, 1868

Giacomo Zanella (1820 – 1889), poeta italiano.

  • Il nulla | A più veggenti savj: | Io nella tomba troverò la culla. (da La veglia, 18)

Il falco e il gallo[modifica]

Sotto le nubi altissimo si gira | Con lenta rota il falco; e la gallina | Che del grifagno l'animo indovina, | Sotto la siepe i pargoli ritira. | Ma sull'entrata pien d'orgogli e d'ira | Piantasi il gallo, e lui che s'avvicina | Di sangue desioso e di rapina | con erto collo e fermo ciglio mira. | Quasi cala come folgore; d'un salto | Questi li respinge e de' ricurvi artigli | Pie' e rostro oppone all'iterato assalto. | Ma l'unghiato la pugna ecco abbandona: | Con gli sproni di sangue ancor vermigli, | L'altro il peana del trionfo intuona. (da un libro anonimo del 1929)

A Camillo Cavour[modifica]

Incipit[modifica]

Nel 1867
O nell'ora del nembo e del periglio | Sempre invocato, che più grande appari | Quanto più gonfi il trepido naviglio | Battono i mari; | Chiuse son l'Alpi allo stranier; clemente | Rise una volta a' popoli fortuna: | Tutte al suo desso le città ridente | Italia aduna.

Citazioni[modifica]

  • Quando dell'Etna alla fremente riva | I Mille veleggiavano; portavi, | Celando sotto il mar la man furtiva, | Le baldi navi.

[Giacomo Zanella, A Camillo Cavour, da un libro anonimo del 1929.]

Altri progetti[modifica]