Giancarlo Passeroni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014 le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Giancarlo Passeroni

Giancarlo Passeroni (1713 – 1803), poeta italiano.

Citazioni di Giancarlo Passeroni[modifica]

Rime[modifica]

  • Non conoscendo Dio, come mai puoi | Vantarti di dottrina? essendo cieco, | De' colori esser giudice tu vuoi.[fonte 1] (Cap. III)
  • Il più tristo mestier che mai sia stato, | Che sia, che mai sarà nel mondo tutto, | A mio parere, è quel del letterato.[fonte 2] (Cap. IV)
  • Stampano i dotti e stampan gli ignoranti | Libri diversi; e peggiorando invecchia | Il mondo, in mezzo di tanti libri e tanti.[fonte 3] (Cap. VI)
  • Chi stampa un libro, par che sia obbligato | A saper, quasi fosse Angiol celeste, | Quanto è mai stato scritto, oppur sognato.[fonte 4] (Cap. VII)

Note[modifica]

Fonti[modifica]

  1. Citato in Harbottle, p. 372.
  2. Citato in Harbottle, p. 319.
  3. Citato in Harbottle, p. 424.
  4. Citato in Harbottle, p. 272.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]