Gigi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Gigi (film 1958))

Gigi

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Gigi
Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1958
Genere Musical, commedia
Regia Vincente Minnelli
Soggetto Colette
Sceneggiatura Alan Jay Lerner
Produttore Arthur Freed
Attori
Doppiatori italiani
Note
  • Vincitore di 9 premi Oscar (1959):
    • Miglior film
    • Miglior regista
    • Miglior sceneggiatura non originale
    • Miglior fotografia a colori
    • Miglior montaggio
    • Miglior scenografia
    • Migliori costumi
    • Miglior colonna sonora di Musical
    • Miglior canzone originale Gigi
      di Frederick Loewe (musica), Alan Jay Lerner (parole)

Gigi, film musicale del 1958 di Vincente Minnelli, con Leslie Caron.

Frasi[modifica]

  • Quegli occhietti da cuccioletto afflitto | un giorno con un lampo vi faranno trapassare il soffitto. (Honoré Lachaille)
Those little eyes so helpless and appealing | one day will flash and send you crashing through the ceiling.
  • Gioventù! Ecco che ci vuole, gioventù. Frequenta chi ce l'ha e un po' ti resta addosso. (Honoré Lachaille)
  • Che barba! (Gaston Lachaille)
It's a bore!
  • Una collana è amore, | un anello è amore, | un gioiello di un re da strapazzo è amore. | Uno zaffiro stellato è amore, | un brutto sigaraccio è amore, | tutto ciò che sei è amore. | Si dovrebbero vergognare | i parigini a pensare | ogni singolo minuto all'amore. | Io non capisco i parigini | fanno all'amore in ogni occasione. | Io non capisco i parigini | sprecano le belle serate a fare all'amore | in ogni momento, sotto ogni alberello | sono impegnati a due a due. | Che crimine, con tutto quel che c'è da vedere | che non trovino altro da fare. | Io non capisco i parigini | mai stanchi di tenersi per mano, | sembrano andarne matti, | lo raccomandano anche ai gatti | Io non capisco i parigini! (Gigi)
A necklace is love | a ring is love | a rock from some obnoxious little king is love | a sapphire with a star is love | an ugly black cigar is love | everything you are is love | You would think it would embarrass | all the people here in Paris | to be thinking every minute of love. | I don't understand the Parisians | making love every time they get a chance | I don't understand the Parisians | wasting every lovely night on romance | anytime and under every tree in town | they're in session two by two. | What a crime with all there is to see in town | they can't find something else to do | I don't understand how Parisians | never tire of walking hand in hand | but they seem to love it | and speak highly of it | I don't understand the Parisians!
  • Gaston e Liane ora stanno per venire qui da Maxim. Dò una festicciola in onore di una creatura divina che ho conosciuto oggi nel pomeriggio; è la sorella della divina creatura che ho festeggiato ieri sera. (Honoré Lachaille)
  • Chi ha inventato lo champagne | è chiaro, è lampante, | aveva proprio noi in mente. | Chi ha inventato lo champagne | non poteva ignorare | quel che volevamo fare. | Vogliam volare su un mare di champagne | e gridare tutt'intorno | da che mondo è mondo | né donna né uomo | è mai stato felice quanto lo siamo noi. (Gigi)
The night they invented champagne | it's plain as it can be | they thought of you and me | The night they invented champagne | they absolutely knew | that all we'd want to do | is fly to the sky on champagne | and shout to everyone in sight | that since the world began | no woman or a man | has ever been as happy as we are | tonight.
  • E anche se l'amore ti viene a cercare, | "l'amore che mai più scompare", | un'eternità ormai non può durare | oh, meno male che non sono più giovane! | Quel commento che ti tortura | il timore che gli amici la trovino una seccatura | meno male che non sono più giovane. | Il desiderio di farla finita | e poi scopri che si era già annoiata | meno male che non sono più giovane. | Niente più frustrazioni | non sono più un innamorato | niente più umiliazioni | solo un saluto mormorato | «Signora, addio». | La gioventù non fa per me, chiedo perdono | Matusalemme è ormai il mio santo patrono | non son mai stato meglio di così. | Oh, meno male che non sono più giovane! (Honoré Lachaille)
And even if love comes through the door, | the kind that goes on forevermore, | forevermore is shorter than before | oh, I'm glad I'm not young anymore! | The tiny remark that tortures you | the fear that your friends won't like her too | I'm glad I'm not young anymore. | The longing to end a stale affair | until you find out she doesn't care | I'm glad I'm not young anymore. | No more frustration | no star-crossed lover am I | no aggravation | just one reluctant reply | «Lady, goodbye». | The fountain of youth is dull as paint | Methuselah is my patron saint | I've never been so comfortable before. | Oh, I'm glad I'm not young anymore!


(Dai sottotitoli dell'edizione italiana DVD Warner Home Video.)

Altri progetti[modifica]