Giovan Battista Fagiuoli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014 le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD

Giovan Battista Fagiuoli (1660 – 1742), scrittore, poeta e drammaturgo italiano.

Prose[modifica]

Incipit[modifica]

Io aveva perduto affatto la bussola, e smarrito il bandolo della matassa, allora quando mi fu imposto da voi, Accademici virtuosissimi, di fare, secondo il solito di quefta celebre Adunanza, un po'di Discorso allegro, una Cicalata giocosa, su questi ultimi giorni di Carnovale; poiché accintomi ad ubbidire, e meco stesso il vostro comandamento fattomi, ruminando, fra' denti malamente masticandola, e dicendo l'orazione della bertuccia, presi a borbottare cosí: Io debbo montare in cattedra, salire in bugnola, farmi vedere in bigoncia con una, Dicerìa piacevole, con una compofizione faceta su questi ultimi giorni di Carnovale? О va' intendila tu.

Citazioni[modifica]

  • Carnovale, Carnasciale, o Carnesciale, come noi vogliam dire è lo stesso tempo di feste, di quelle, che da' Latini si dicono Bacchanalia : e cosí le dissero, perché derivaron da Bacco, ii che se è vero, potrà dirsi ancora, che da luí derivi la nota Posta di Baccano vicina a Roma, dove essendovi l'osteria, chi sa, che forse non sia stata in quei giorni un tempio appunto consagrato in onore di Bacco? Siccome quel che fra noi vien detto Fare il Baccano, che significa Scherzare alla peggio con rumore e fracasso. (p. 5)
  • I Latini pure da Bacco, chiamaron Bacca quel misero, nero ed amaro frutto de' lauri, a lui consagrati, che noi chiamiamo Coccola; onde poi se n'è cavato l'onorevol nome alla dignità di quei Dottori laureati, che Baccalauri, poi Baccellieri: e talvolta, per ischerzo (quando avvien che sian goffi e ignoranti, dal nostro famosissimo Boccaccio, appellati solenni Baccalari. (p. 6)

Bibliografia[modifica]

  • Giovan Battista Fagiuoli, Prose, Stamperia Francesco Moüke, Firenze 1737.

Altri progetti[modifica]