Giudizio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Mario Pagano mentre assiste al giudizio del giudice

Citazioni sul giudizio.

  • Ahi, cieca umana mente, | come i giudizi tuoi son vani e torti! (Torquato Tasso)
  • Cerca di non giudicare gli altri. Se giudichi gli altri, non stai dando nessun amore. (Madre Teresa di Calcutta)
  • Chi vuole che il suo giudizio sia creduto lo pronunci freddamente e senza passione. (Arthur Schopenhauer)
  • ...è il voler giudicare che ci sconfigge... (Apocalypse Now)
  • È molto più difficile giudicare se stessi che giudicare gli altri. (Antoine de Saint-Exupéry)
  • È raro non diventi criterio infallibile di verità quel giudizio che è nello stesso modo espresso dall'ignorante come dall'intelligente. (Pietro Selvatico)
  • Ecco il giudicio uman come spesso erra! (Ludovico Ariosto)
  • Giudichiamoci non già in base alla nostra cortesia, ma in base al nostro cuore. (Fulton J. Sheen)
  • Il giudizio è come lo spirito; colle donne chi ne ha lo perde, e chi non ne ha lo acquista... chi non ne ha! (Gerolamo Rovetta)
  • L'unica capace di giudicare è la parte in causa, ma essa, come tale, non può giudicare. Perciò nel mondo non esiste la vera possibilità di giudizio, ma solo un riflesso. (Franz Kafka)
  • Nessuno può insegnarmi a giudicare, poiché devo prima giudicare se i consigli e i consiglieri sono buoni o cattivi. (André Glucksmann)
  • Non capite, se giudicate. (Lev Tolstoj)
  • Non giudicare il tuo prossimo finché non ti trovi al suo posto. (Pirkei Avot)
  • Non giudicate, per non essere giudicati; perché col giudizio con cui giudicate sarete giudicati, e con la misura con la quale misurate sarete misurati. (Gesù, Discorso della Montagna)
  • Non si dovrebbe mai esprimere con troppa precipitazione un giudizio sprezzante, neanche su esseri inferiori di altri pianeti. (Paul Scheerbart)
  • Salire al soglio del giudizio di se stessi significa essere pervenuti a tal punto di resurrezione che si è sorpassato tutto il passato. (Carlo Maria Franzero)
  • Socratica è la consapevolezza della nullità di ogni giudizio in un senso più elevato di quanto possano stabilirlo il pro e il contro degli uomini. Il vero giudizio è pronunciato sin dall'inizio: esso mira a esaltare la vittima. (Ernst Jünger)

Proverbi italiani[modifica]

  • A sangue caldo nessun giudizio saldo.
  • A sentir una campana sola si giudica male.
  • Al batter del martello si scopre la magagna.
  • Al paragone si conosce l'oro.
  • Al suono si conosce il campanello.
  • Aver sentito dire, è mezza bugia.
  • Bisogna guardare a quel che si fa, non a quel che si dice.
  • Chi a venti giudizio non ha, a trenta non l'aspetti.
  • Chi fa vedere i denari mostra il giudizio.
  • Chi non ha giudizio abbia gambe.
  • Chi non ha giudizio, perde la cappella e il benefizio.
  • Chi più ha giudizio, più ne adoperi.
  • Chi presto giudica, presto si pente.
  • Chi tutto nega, tutto confessa.
  • Chi vuol troppo provare, nulla prova.
  • Da giudice che pende, giustizia invan s'attende.
  • Da giudice incerto non aspettarti mai giustizia.
  • Davanti a un giudice severo, non si può celare il vero.
  • Dimmi chi sono, e non mi dir chi ero.
  • Dio dà il giudizio e poi dice adoperalo.
  • Dove c'è fumo, dev'esserci anche fuoco.
  • E meglio una mano del giudice che un braccio dell'avvocato.
  • Giudice, non dimenticare che hai un giudice sopra di te.
  • Giudichi della scarpa il calzolaio e lasci al sarto il giudicar del saio.
  • Gli uomini vanno veduti in pianelle e le donne in cuffia.
  • Ha cento volte un uomo flemma e giudizio, alla centuna corre al precipizio.
  • Il ben giudicare dipende dal ben intendere.
  • Il buon giudice capisce in fretta e giudica adagio.
  • Il buon giudice presto intende e tardi giudica.
  • Il cieco non giudichi dei colori.
  • Il dente del giudizio è l'ultimo a spuntare ed il primo a cadere.
  • Il giudice deve essere servo della legge.
  • Il giudice giusto è la fortezza della legge.
  • Il giudizio non è in vendita in farmacia.
  • Il giudizio non si vende a braccia.
  • Il giudizio viene tre giorni dopo la morte.
  • Il panno al colore, il vino al sapore.
  • Meglio assolvere un peccatore, che condannare un giusto.
  • Meglio una cattiva sentenza di medico che di giudice.
  • Nei pericoli con giudizio, nel rimedio a tempo.
  • Nessun giudice può costringere alcuno ad accusar se stesso.
  • Nessuno deve essere giudice di se stesso.
  • Nessuno può essere giudice di causa propria.
  • Non giudicar la nave stando a terra.
  • Non giudicar per legge né per carte, se non ascolti l'una e l'altra parte.
  • Non giudicar troppo in fretta.
  • Non perde il cervello se non chi non lo ha.
  • Non permettere all'ignorante di far da giudice.
  • Ogni passion lasciate, o voi che giudicate.
  • Per ben giudicare conviene ben ascoltare.
  • Prima di giudicare il prossimo, guarda te stesso.
  • Puoi sospettare per un solo indizio, cento non bastan per formar giudizio.
  • Quando il colpevole è assolto, il giudice è condannato.
  • Sacco legato fu mal giudicato.
  • Si vede il fine della nostra vita, ma non quello della nostra pazzia.
  • Un buon giudice è disposto ad ascoltare, acuto nel provare, e tardo nel giudicare.
  • Un giudice ingiusto è peggiore d'un ladro.
  • Val più un testimonio di vista che mille d'udito.
  • Vedendo uno lo conosci mezzo; e sentendolo parlare lo conosci tutto.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]