Giuni Russo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Giuni Russo, pseudonimo di Giuseppa Romeo (1951 – 2004), cantante italiana.

  • A testa ci voli pi cantari. No a vuci! Ci sono degli artisti che non hanno molta voce ma fanno dei pezzi mirabili.[1]
  • C'è stato un momento della mia vita e della mia carriera in cui mi ero seduta. Ho chiamato la mia produttrice e Maria Antonietta Sisini e le ho detto: non possiamo ridurci così, non può essere questa la vita: viviamo in perenne affanno e non siamo felici. Così mi sono messa a cercare. Ho scoperto Ermete Trismegisto e la tavola smeraldina. La teosofia, Steiner. Ho letto un sacco di cose, ma stringi, stringi, mi mancava qualcosa: il ceppo principale. L'ho trovato con santa Teresa d'Avila. Grazie a lei e a Edith Stein sono diventata un po' carmelitana. Erano i primissimi anni Novanta.[2]
  • Ho fatto pace col mio male. Solo così sono riuscita a fare un'operazione dopo l'altra. Ma nonostante la fede ho avuto paura. Ho urlato, pianto e litigato, anche col crocifisso. Alla fine però ho accettato la malattia. In ginocchio.[3]
  • Ho proposto e lavorato sulla “musica di confine” con arie da camera, citazioni che spaziavano dal jazz al blues: un lavoro di cesello che lasciò perplessa la mia casa d’incisione.[4]
  • Il futuro è in movimento. Ciò che mi aspetta è nella mia anima e nella musica alla quale mi abbandono come esperienza totale: senza confine.[5]
  • La certezza l'ho avuta a nove anni, dopo avere visto mia sorella cantare in uno chalet a Palermo. Ma in cuor mio lo sapevo già da qualche anno: il sogno della mia vita era cantare. Qualunque cosa. Fino alla morte. Da bambina mi piaceva ripetere "A me piace cantare", accompagnando le parole con un gesto delle braccia verso l'alto. Non sapevo perché. L'ho capito da adulta: il canto per me è una cosa sacra, un gesto rivolto al cielo. Un dono di Dio che guarisce l'anima.[6]
  • Non esistono confini, la musica è musica e il futuro è in movimento. Citazione da controllare da controllare
  • Stamattina mi ha telefonato Franco Battiato, mi ha detto: "Dimentica la graduatoria, è così irrilevante, e pensa alle bellissime cose che si stanno scrivendo su di te: questo sì che conta". Franco è un saggio - le dico - bisogna ascoltarlo.[7]
  • Mi colpì la sua voce straordinaria, la vitalità con cui cantava, la sua potenza vocale che andava di pari passo con la sensibilità musicale. Un binomio difficile perché quando hai una voce potente di solito sei anche un po' grossolano. Ma lei era in grado di unire le nuances più raffinate. (Franco Battiato [8])
  • Proprio oggi pensavo ai tempi in cui andavo in bicicletta a studiare canto, attraversando una città dai profumi speziati o dolci; i suoi giardini e le tante architetture arabeggianti. Volevo studiare anche pianoforte, che oggi suono da autodidatta, come la chitarra o la tromba, grazie ad un regalo che mi fece Louis Armstrong; ma il canto è la mia vita. Vivo per cantare![9]
  • Quando smisi di fare canzonette, ho fatto un disco di arie da camera e concerti con “I Pomeriggi Musicali” e altri. Ho sentito l’esigenza di svolgere un percorso spirituale; la donna si faceva delle domande: la vita non può essere questa! Momenti terribili fin quando non mi sono imbattuta nei testi di Teresa D’Avila che ha rapito il mio cuore. Mi ha aiutata a cercare Dio e a trovarlo. Teresa D’Avila dice delle cose che solamente chi la legge può comprendere o anche Giovanni della Croce che cito nell’album. Resto una cantante e non uso la mia spiritualità a fini di business.[10]
  • Volevano una canzonetta radiofonica. Gli ho risposto che non ho canzonette nel cassetto e non ne cerco. Se devo fare la fame, per non cedere a compromessi, la farò. La mia forza è questa: non avendo marito né figli ai quali pensare posso vivere con poco. E così mi concedo il lusso, perché ormai è un lusso, di essere un'artista libera.[11]

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Energie[modifica]

Etichetta: CGD e Warner Music Italia, 1981

  • Per le strade mercenarie del sesso | che procurano fantastiche illusioni | senti la mia pelle come è vellutata | ti farà cadere in tentazioni | Per regalo voglio un harmonizer | con quel trucco che mi sdoppia la voce | Quest'estate ce ne andremo al mare | per le vacanze. (da Un'estate al mare, n.° 9)

Giuni[modifica]

Etichetta: Bubble/Records – Ricordi, 1986

  • Mia madre non lo deve sapere non lo deve sapere che | voglio andare ad Alghero | in compagnia di uno straniero | su spiaggie assolate | mi guardi in silenzio | con languide occhiate. (da Alghero, n.° 1)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]