Giuseppe Gioachino Belli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014 le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Giuseppe Gioachino Belli

Giuseppe Francesco Antonio Maria Gioachino Raimondo Belli (1791 – 1863), poeta italiano.

Citazioni di Giuseppe Gioachino Belli[modifica]

  • Io ho deliberato di lasciare un monumento di quello che oggi è la plebe di Roma. In lei sta certo un tipo di originalità: e la sua lingua, i suoi concetti, l'indole, il costume, gli usi, le pratiche, i lumi, la credenza, i pregiudizi, le superstizioni, tutto ciò insomma che la riguarda, ritiene un'impronta che assai per avventura si distingue da qualunque altro carattere di popolo. Né Roma è tale, che la plebe di lei non faccia parte di un gran tutto, di una città cioè di sempre solenne ricordanza. (dall'Introduzione alla raccolta dei sonetti)
  • Io qui ritraggo le idee di una plebe ignorante, comunque in gran parte concettosa ed arguta, e le ritraggo, dirò, col concorso di un idiotismo continuo, di una favella tutta guasta e corrotta, di una lingua infine non italiana e neppur romana, ma romanesca. (dall'Introduzione alla raccolta dei sonetti)
  • L'abate Cancellieri | Che principiava dal caval di Troia | E finìa colle molle pe' brachieri. (da A Cesare Masini pittore e poeta, nei Versi inediti di G. B. Belli romano, Lucca, 1843, pag. 88)
  • Non faccio per vantarmi, | Ma oggi è una bellissima giornata. (da Il cavaliere enciclopedico, in Versi, 1839)
  • Scastagnàmo ar parlà, ma aràmo dritto. (citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 599)

Sonetti romaneschi[modifica]

  • Mariti? Eh, Dio! Si le cose, commare, | Se potessi quaggiù falle du' vorte, | Prima de dì cquer «padre sì» a l'artare | Me vorrebbe da mé ddamme la morte. (da Li mariti, 105)
  • L'ommini de sto monno sò ll'istesso | Che vvaghi de caffè nner mascinino: | C'uno prima, uno doppo, e un antro appresso, | Tutti cuanti però vvanno a un distino. (da Er caffettiere fisolofo, 211)
  • Li Papi, er primo mese der papato, | So, un po' mmeno o un po' ppiù, ttanti cunijji [conigli]. | [...] | E allora fra er pasvobbi [pax vobis] e 'r crielleisonne [Kyrie eleison], | Cuer nuvolo de ggijji te diventa | Garofoli, pe ddio, de de cinque fronne. [garofani di cinque petali, cioè pugni] (da Li papati, 212)
  • Cuanno che fussi dorce la fatica, | La voríano [vorrebbero] pe ssé ttanti pretoni | Che jje puncica [punge] peggio de l'ortica. | Va' [guarda] in paradiso se cce sò mminchioni! | Le sante sce se gratteno la fica, | E li santi l'uscello e li cojjoni. [grattarsi ecc., vale a stare in ozio] (da Er lavore, 221)
  • Bbada, nun biastimà, Ppippo, ché Iddio | è Omo da risponne pe le rime. (da Primo, nun pijjà er nome de Ddio in vano, 232)
  • Pe una meluccia, c'averà ccostato | mezzo bbaiocco, stamo tutti a ffonno! (da Er primo bboccone, 253)
  • Da sì cc' oggni cazzaccio fa er dottore, | e sputa in càtedra, e almanacca, e spera | De pesà ll'aria drento a la stadera, | Se n'hanno da sentì dd'ogni colore | [...] | E mmentr'er corpo spiggionato e brutto | È ssord' e mmuto e nnun z'arregge in piede, | lei [L'anima] cammina da sé, pparla, e ffa ttutto. (da L'anima, 254)
  • Pare un destino ch'er più mejjo attrezzo | Cche ffesce Gesucristo ar Padr'Adamo, | Ciavessi da costà, ssi ll'adopramo, | Da strillacce caino [onomatopeia del guaìto canino] per un pezzo! (da L'ordegno spregato, 269 del 24.11.1831)
  • Er tempo, fijja, è ppeggio d'una lima. | Rosica sordo sordo e tt'assotijja, | che ggnissun giorno sei quella de prima. (da La monizzione, 278)
  • Ma er Papa a ggenio suo pò llegà e ssciojje | Tutti li nodi lenti e cquelli stretti, | Ce pò scommunicà, ffà benedetti, | E ddacce a ttutti indove cojje cojje. || E inortr'a cquesto che llui ssciojje e llega, | Porta du' chiave pe ddacce l'avviso | Che cqua lui opre [apre] e llui serra bottega. (da Er Papa, 279 del 26.11.1831)
  • Che ggran dono de Ddio ch'è la bbellezza! | Sopra de li quadrini [quattrini] hai da tenella: | Pe vvia che la ricchezza nun dà cquella, | E cco cquella s'acquista la ricchezza. (da La bbellezza, 283)
  • Cristo creò le case e li palazzi | P'er prencipe, er marchese e 'r cavajjere, | E la terra pe nnoi facce da cazzi. (da Li du' ggener' umani, 313)
  • 'Na regazza arrivata a ssediscianni | senza conossce er perno de l'amore | Fra tutti li miracoli piú granni | Díllo er miracolone er piú maggiore. | [...] Si cc'inganna, è una lappa [furba] da punilla | Cor méttejelo in corpo; e ss'é ssincera | Bbisoggna fà de tutto pe istruilla. | Io le so certe cose io sò rromano. | L'inzeggnà a l'iggnoranti è la maggnera | De fasse aggiudicà vvero cristiano. (da La ggnocchetta, 355)
  • C'era una vorta un Re cche ddar palazzo | mannò ffora a li popoli st'editto: | «Io sò io, e vvoi nun zete un cazzo». (da Li soprani der Monno vecchio, 362)
  • La morte sta anniscosta in ne l'orloggi; | E ggnisuno pò ddí: ddomani ancora | Sentiró bbatte er mezzoggiorno d'oggi. (da La golaccia, 364)
  • Fijji mii cari, state bbene attenti. | Sovrani in alegria sò bbrutti esempi. | Chi rride cosa fa? Mmostra li denti. (da Le risate der papa, 369)
  • Seiscent'anni e un po' ppiú ggià ssò ppassati, | Che ppe ggrazzia der primo e dder ziconno | Sto par de fraterie [Ordini domenicano e francescano] cacheno frati. | Seiscent'anni! Oh vvedete quant'è antica | Oh immagginate quant'è sparza ar monno | La vojja de campà ssenza fatica! (da Li du' ordini, 415)
  • Io nun vojjo ppiù gguai: me chiamo ggesso | cor una mano scrivo e un'altra scasso. (da Antri tempi, antre cure, antri penzieri, sonetto 438 del 10 novembre 1832)
  • [...] nun è vvero mica | Che ppe ubbidí cce vò ttanta pazienza. | È un gran riposo all'omo l'ubbidienza; | E ppe cquesto in ner monno è ccusí antica. | Ma ssentite, ch'Iddio ve bbenedica, | Che bbella verità: er Zovrano penza, | E er zúddito esiguissce; e in conzeguenza | Oggnuno fa ppe ssé mmezza fatica. | [...] Un essempio e ffinisco. Ar teatrino | Chi la sostiè la parte ppiú ssudata? | Dite, er burattinaro o er burattino? (da L'ubbidienza, 459)
  • Senza strozzo e cche vvôi sce s'ariscota | da sti pretacci fijji de carogna, | che nnun vonno avé mmai la panza vôta? (da Er vitturino saputo, 476)
  • Ar momento c' un omo se fa pprete | Sto prete è un omo già santificato; | E quantunque peccassi, er zu' peccato | Vola via com'un grillo da la rete. (Er prete, 505)
  • Panza piena nun crede ar diggiuno. (I: da La madre poverella, sonetto 914 del 18 febbraio 1833) (II: titolo del sonetto 673 del 27 dicembre 1832)
  • Cristiani indilettissimi, l'inferno | È una locanna senza letto e ccoco, | Ch'er bon Iddio la frabbicò abbeterno, [ab aeterno] | Perché sse popolassi appoco appoco. [...] Ggesù mmio bbattezzato e circonciso, | Arberghesce li turchi e bbadanai, [ebrei] | E a nnoi dacce l'alloggio in paradiso. (da L'inferno, sonetto 837 del 29 gennaio 1833)
  • L'innoscenza | cominciò ccor primm'omo, e llí arimase. (A li zzelanti, 960, Roma, 13 maggio 1833)
  • Che ppredicava a la Missione er prete? | «Li libbri nun zò rrobba da cristiano: | fijji, pe ccarità, nnu li leggete». (da Er mercato de piazza Navona, 1121 del 20 marzo 1834)
  • Conzideranno come sò accidiosi | sti pretacci maliggni e ttraditori: | esaminanno quanto sò rrabbiosi, | jotti, avari, superbi, e fottitori; | ripijji un po' de fiato, t'arincori, | t'addormi ppiú ttranquillo e tt'ariposi: | perché li loro vizzi piú ppeggiori | serveno a illuminà lli scrupolosi. (da L'essempio, 1259)
  • Insomma, dalla predica di ieri, | gira che ti rigira, in conclusione, | abbiamo appreso che sono misteri. (da Er frutto de la predica, sonetto numero 1358, 29 novembre 1834)

Senza numero[modifica]

  • Doppo ch'Adamo cominciò co Eva | tutte le donne se so' fatte fotte. (da Chi risica rosica)
  • Dunque ar paese de sti du' porconi | Bbisoggna dì cche nun ce tiri vento; | Perché, ssi cce tirassi, oggni momento | J'annerebbeno in mostra li cojjoni. (da L'udienza de li du' scozzesi)
  • È un gran gusto er fregà! ma ppe ggodello | più a cciccio [come si deve], ce voria che ddiventassi | Giartruda tutta sorca, io tutt'uscello. (da L'incisciature)
  • E una cosa dell'antra è tanta amica | cuanto la fica tira li cudrini [i soldi], | e li cudrini tireno la fica. (da Un indovinarello)
  • Er cazzo se pò ddí rradica, uscello, | ciscio, nerbo, tortore, pennarolo, | pezzo-de-carne, manico, scetrolo, | asperge, cucuzzola e stennarello. (da Er padre de li Santi)
  • Li vivi poi-poi, bboni o cattivi, | So' cquarche ccosa mejjo de li morti, | Nun fuss'antro pe'cquesto che sso' vivi. (da L'amore de li morti)
  • Tristo chi se presenta a li cristiani | Scarso e cencioso. Inzino pe' le scale | Lo vanno a mozzica' puro li cani. (da Er merito, in I Sonetti Romaneschi pubbl. dal nipote Giacomo, a cura di L. Morandi, Città di Castello, 1887, vol. V, p. 13)

Incipit di alcune opere[modifica]

L'estrazione del Lotto[modifica]

Che ce vorressi fa'? Ciavevo tanta
speranza all'astrazzion de stammatina,
e guarda sicché sorta de cinquina:
3. 7. 24. 8. 40!

[citato in Fruttero & Lucentini, Íncipit, Mondadori, 1993]

Lettere a Cencia[modifica]

All'Ill.mo Sig. P[adro]ne Col[endissi]mo
Sig.e Domenico Rutili
Macerata per Morrovalle

Roma, – 15 Gennaio 1823

Caro Rutili,
Sono veramente angustiato per questa sconcertata salute della cara Amica nostra Marchesina. Ma saranno poi solo convulsioni come voi mi fate credere? Non sarò contento sino a che non la saprò perfettissimamente ristabilita. Voi assistetela colla vostra naturale premura e fate le veci di quanto amerei di oprare io, ove le fossi dappresso. Da lettere di Loreto odo il miglioramento notabile d'Ignazîna. Ciò mi fa piacere. Io ancora sto meglio assai, ed oggi, con permissione del tempo meno perverso; sono uscito a passeggiare alcun poco. Ho avuto insomma come sapete una costipazione per giunta alla derrata.

Bibliografia[modifica]

  • Giuseppe Gioacchino Belli, Lettere a Cencia (Vincenza Perozzi Roberti), Edizioni Scientifiche Italiane per conto del Banco di Roma, 1974.
  • Giuseppe Gioacchino Belli, Sonetti, a cura di Giorgio Vigolo, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1978, ISBN 88-04-13848-3
  • Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti, a cura di Pietro Gibellini, commento di Giorgio Vigolo, Arnoldo Mondadori Editore (Oscar Grandi classici 1990), Milano, 1978, ISBN 88-04-53659-4

Altri progetti[modifica]