Giuseppe Grillo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Giuseppe Grillo (–), scrittore e critico letterario italiano.

Narrativa di John Steinbeck[modifica]

Incipit[modifica]

Il californiano John Steinbeck ha il curriculum del tipico scrittore statunitense, di quello per il quale avventura fa equazione con esperienza di vita e di scrittura. Egli ha fatto una sua olla podrida del raccolto delle varie giornate, ora consumate a fare il manovale o il sociologo, l'universitario o il guardiano di fattoria, il corrispondente o il pittore, e dal mescolamento è andato spillando umori e aromi per rendere fortemente stimolante la materia via via presa a spunto.

Citazioni[modifica]

  • Gli studi di biologia, da lui compiuti all'Università, gli hanno fornito la tematica forse più suggestiva e pulsante della sua opera: l'animalità dell'essere umano.
  • Il dilettantismo in «contenuto» e la plurivalenza in scrittura hanno caratterizzato ulteriori exploits nell'arte narrativa del Nostro: lo hobby biologia è andato complicandosi in sollecitazioni d'ordine sociologico [in sede non narrativa, ne è la testimonianza il saggio sociale Their Blood is Strong (Hanno il sangue forte), scritto in questo secondo o terzo momento della produzione steinbeckiana]. La patologia del fenomeno presa a cuore dal narratore viene fatta imperversare attraverso un precipitarsi di vicende e un'irruenza di linguaggio, schermi rivelatori del sottofondo emotivo nell'impresa di Steinbeck: ne vengono fuori In dubious Battle (La battaglia) e soprattutto The Grapes of Wrat (Furore), forse il suo capolavoro.

Explicit[modifica]

La trepidazione e la veemenza dello Steinbeck di vent'anni fa è venuta mutandosi in risata, ora sottile ora grassa: pare voglia significare, di fronte all'impotenza degli uomini quando sono alle prese con la vita, che la sola contropartita che ripaghi sia una clownesca derisoria sgroppata in faccia a questa vita così inscrutabile e intrattabile.

[Giuseppe Grillo, Narrativa di John Steinbeck, Scuola Italiana Moderna, n. 15, gennaio 1961, Società Editrice «La Scuola» Brescia]